Enna Press

Testata giornalistica Online

FRANCESCO CAFISO Da mercoledì anche in vinile “Irene of Boston – Conversation avec Corto Maltese”,

FRANCESCO CAFISO

Da mercoledì anche in vinile

“Irene of Boston – Conversation avec Corto Maltese”,

il diciannovesimo album dell’ambasciatore del jazz italiano nel mondo,

registrato con la London Symphony Orchestra

A partire da mercoledì 24 marzo sarà disponibile anche in vinile “Irene of Boston – Conversation avec Corto Maltese”, il diciannovesimo lavoro discografico di Francesco Cafiso, registrato con la London Symphony Orchestra e pubblicato lo scorso dicembre nei formati CD e digitale.

Prodotto dall’etichetta indipendente EFLAT, fondata dallo stesso sassofonista e ambasciatore del jazz italiano (distr. IRD), l’album contiene dieci brani originali, firmati da Cafiso e arrangiati insieme a Mauro Schiavone, che raccontano in una dimensione onirica le vicende del veliero britannico Irene of Boston, costruito nei primi del Novecento e il cui destino, dopo quasi un secolo di viaggi tra i mari del mondo, si è concluso nel porto siciliano di Pozzallo, dove per anni è rimasto soltanto un misterioso guscio di legno corroso dal tempo.

«È per me un grandissimo piacere che l’album esca anche in vinile, il primo LP pubblicato dall’etichetta che ho creato quattro anni fa – spiega Francesco Cafiso – È un formato di grande fascino, che permette di dare ai brani un sound ancora più caldo e coinvolgente e in cui il meraviglioso artwork realizzato dal mio amico e pittore Giovanni Robustelli acquisisce ancor più valore».

Coinvolto dallo scrittore Marco Steiner in un collettivo di creativi con lo scopo di sviluppare attraverso l’incontro di più forme d’arte la sua idea di un “appuntamento quasi impossibile” tra la Irene of Boston e Corto Maltese (nel gruppo, oltre ai due, anche il pittore Giovanni Robustelli, il videomaker Vincenzo Cascone, il fotografo Marco D’Anna e l’attore Giulio Forges Davanzati), Cafiso intreccia sogno e realtà in una musica dagli ampi orizzonti. Nella sua immaginazione i legni e gli ottoni del relitto si trasformano negli strumenti di un’orchestra sinfonica e, attraverso questa metamorfosi, il veliero supera la corruzione del tempo e si risveglia dal lungo sonno, per raccontare grazie alla magia dei suoni le sue avventure e l’incontro con il celebre marinaio creato da Hugo Pratt.

Visite: 64

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *