Enna Press

Testata giornalistica Online

Valguarnera: opposizione presenta mozione per azzeramento indennità cariche sindaco, giunta e gettone presenza consiglieri: al momento del voto viene a mancare la "rete"

Il gruppo di opposizione presenta una mozione che oltre ad una serie di aiuti per il tessuto produttivo e alle famiglie in stato d’indigenza prevede anche il taglio delle indennità per sindaco, assessori e del gettone di presenza per i consiglieri. Ma al momento del voto si sono “interrotte le trasmissioni”. Pare sia successo questo nell’ultimo consiglio comunale di Valguarnera convocato in video conferenza fortemente richiesto dall’opposizione alla giunta del sindaco Francesca Draia. Ma dopo mesi, nei giorni scorsi la convocazione in video conferenza. Le “schermaglie” tra opposizione e maggioranza erano iniziate già nel merito dell’ordine del giorno. Ma dopo un tira e molla i 7 consiglieri di opposizione hanno presentato una mozione che prevedeva diversi interventi per superare l’emergenza Covid 19 a favore del mondo dell’impresa locale, azzeramento della parte variabile TARI per tutte le utenze non domestiche. Prevedere il BONUS TARI, nella determinazione della tariffa dei rifiuti, al fine di garantire agevolazioni a favore delle famiglie indigenti, Ridurre le imposte comunali applicando il principio di gradualità sull’addizionale IRPEF Istituire misure di sostegno al reddito prevedendo una soglia di esenzione totale IRPEF per i redditi fino a 15000€ Istituire un fondo per i lavoratori del reddito minimo, Provvedere ad individuare misure di sostegno per le attività commerciali che pagano l’affitto dei propri locali, prevedendo somme per coprire le mensilità di Marzo/Aprile/Maggio 2020, prevedere misure di sostegno per i lavoratori del settore edilizio la cui fonte di reddito è stata compromessa dal blocco delle rispettive attività, Prevedere uno specifico fondo per acquisto di beni di prima necessità presso le Farmacie del territorio, individuando le famiglie con bambini di età inferiore ai 5anni. Tale provvedimento risulta alquanto indispensabile per le famiglie monoreddito con soglia ISEE non superiore a 15000 €. Prevedere un apposito capitolo di bilancio destinato al sostegno delle future necessità delle famiglie maggiormente colpite dalla crisi, finanziato tramite la riduzione delle indennità di carica degli amministratori, dei funzionari e l’annullamento totale dei gettoni di presenza dei Consiglieri Comunali. E proprio questo punto pare abbia fatto scattare “l’allarme”. Ed al momento del voto pare ci siano stati all’improvviso problemi di “ricezione” della linea con consiglieri che non riuscivano a sentire. E così dopo un tira e molla un consigliere di maggioranza ha abbandonato l’aula virtuale e tutto è stato rinviato all’indomani per mancanza del numero legale. Ma anche il giorno successivo si è andati a colpi di regolamento e così tutto è stato rinviato da data da destinarsi “Perché oggi giorno 28 Aprile ad una settimana dalla seduta dichiarata illegittima il Presidente non provvede a convocare una nuova seduta – si chiede la consigliera di opposizione Concetta Dragà – comunque noi continueremo e vigileremo sulle modalità di gestione di questa emergenza, che sia quanto più trasparente possibile”. Ai tempi del Coronavirus nella politica locale accadono anche di queste cose.

Visite: 22