Enna Press

Testata giornalistica Online

Il presidente provinciale Anpi Renzo Pintus "Il prossimo anno l'Anpi festeggerà il 25 aprile a Nissoria"

Questa la lettera inviata dal Presidente provinciale dell’Anpi Renzo Pintus con cui annuncia al sindaco di Nissoria Armando Glorioso che il prossimo anno l’Anpi festeggerà il 25 aprile a Nissoria anche per ricordare il nissorino Salvatore Campagna partigiano morto per la Libertà.
Egregio Sindaco Glorioso,
ho appena appreso della sua esternazione sul 25 aprile che, a scanso di equivoci, riporto integralmente : ” Mi dissocio dal celebrare questo evento che è diventato il 25 aprile usurpato dalla sinistra succube dell’alta finanza”.
Le confesso che questa affermazione più che rabbia e indignazione ha suscitato in me un senso di avvilimento e di sconforto perchè, veda, lei non è l’uomo della strada che attraverso lo sproloquio scarica la sua frustrazione e che non turba l’udito e l’umore di chi lo sente al pari del ronzio di una mosca. Lei è il Sindaco di un Comune, piccolo e dignitoso, Nissoria, che non merita di essere associato ad intemerate come questa che lei non può permettersi nella sua veste di Sindaco, perché rappresenta e agisce per conto e nell’interesse della collettività. Capisco che il cattivo esempio offerto da indegni rappresentanti del popolo alla Camera, che sono rimasti seduti sulle loro poltrone mentre si celebrava la ricorrenza del 25 aprile festa della Liberazione dalla dittatura e dalla barbarie nazifascista, possano avere innescato in lei uno spirito di emulazione ma questo non l’assolve dalle sue responsabilita. Sono costretto ancora una volta a farle notare che il Comune, le province, il Parlamento sono articolazioni della Repubblica, quindi dello Stato, il cui sovrano, grazie alla lotta di liberazione, è il popolo. Con la sua ‘bravata’ lei ha mostrato disprezzo per le istituzioni nate dalla Resistenza che non appartengono a lei o ai disonorevoli della lega e di fratelli d’Italia di cui sopra.
Penso che saprà delle difficoltà, che hanno limitato agli schermi video e ai social la commemorazione del 25 aprile, ma nonostante la pandemia tantissimi sindaci in tutta Italia,hanno partecipato o addirittura promosso insieme all’Anpi la deposizione di fiori e ghirlande sui luoghi della memoria e dove sono morti i partigiani per riscattare la libertà di tutti gli italiani, italiani che doverosamente ne commemorano con riconoscenza il sacrificio. Questo è lo spirito del 25 aprile.
Anche nella nostra piccola provincia, nonostante l’emergenza, l’Anpi ha promosso in diversi Comuni la celebrazione del 25 aprile e in precedenza la cittadinanza onoraria a Liliana Segre da parte delle città di Enna e Troina. Anche i nostri piccoli paesi hanno dato un contributo di lotta e di sangue alla lotta partigiana, che va ricordato; una partecipazione ignorata e che da alcuni anni sta venendo alla luce dagli archivi degli istituti storici della Resistenza e dalle ricerche degli iscritti Anpi. Pensi che solo in Piemonte più di 200 partigiani ennesi hanno combattuto nelle brigate Garibaldi, di Giustizia e libertà, Matteotti, pagando il loro tributo di sangue. È tempo di fare una scelta Sindaco.
Il prossimo anno l’Anpi inviterà espressamente i Sindaci di tutti i Comuni dell’Ennese, verremo anche da Lei Sindaco, in serenità,
per ricordare insieme Salvatore Campagna di Nissoria, combattente per la libertà. Un’occasione che i suoi cittadini hanno diritto di vivere.
Enna 27 aprile 2020 Renzo Pintus
Presidente ANPI Provincia di ENNA

Visite: 18