Enna Press

Testata giornalistica Online

Sospensione servizi trasporto pubblico della Sais Autolinee in alcuni comuni: Cgil, Uil e Ugl chiedono un incontro in Prefettura

Richiesta convocazione urgente
Le scriventi Segreterie Territoriali sentiti i Segretari Provinciale di categoria del settore trasporto, con la presente vogliono segnalare il grave disagio causato ai cittadini del nostro territorio provinciale per l’interruzione dei servizi pubblici minimi essenziali per il trasporto di persone, assegnate con concessione, dall’Assessorato Regionale ai Trasporti e gestite con contratto di affidamento dalla SAIS Autolinee SpA, della provincia di Enna per la mobilità dei Comuni di Barrafranca, Pietraperzia, Piazza Armerina, Aidone, Valguarnera, Villapriolo e il Comune di S.Caterina catalogato con la Provincia di Caltanissetta.
Gli atti unilaterali messi in atto dall’Azienda senza alcuna preventiva comunicazione all’utenza dei Comuni interessati e alle scriventi OO.SS. ha e continua a provocare gravi disagi e ulteriori danni ai lavoratori dipendenti interessati, la pandemia del Covid-19 ha creato senza dubbio gravi danni anche al sistema del trasporto pubblico locale, l’azienda SAIS Autolinee Spa, ha attuato un programma di esercizio dei servizi ridotto con altrettanta riduzione del personale dipendente inserendoli in un programma per la cassa integrazione, con il grave rischio di ridimensionamento dell’organico del personale dipendente.
ENNA
ENNA ENNA
A seguito della nostra denuncia fatta in questi mesi, prima sono stati ripristinati i servivi fino a giorno 10 giugno, e nella riunione di ieri svoltasi presso L’Assessorato Regionale ai Trasporti, alla presenza dei Sindaci della nostra provincia e grazie al loro intervento i suddetti servizi sono stati prorogati fino al 10 luglio prossimo, con esclusione della linea Enna Pietraperzia, di cui si chiede l’immediato ripristino, per consentire ai cittadini ed ai lavoratori di poter raggiungere il comune capoluogo, al fine di poter usufruire dei servizi anche sanitari che non possono essere effettuati dai presidi territoriali.
Detta situazione, in ogni caso non può essere trattata con proroghe del servizio, ma deve trovare una definitiva soluzione, al fine di consentire ai cittadini del nostro territorio di avere un servizio effettivo senza interruzioni, per non mortificare i territori già privi di infrastrutture.

Visite: 33