Enna Press

Testata giornalistica Online

Procura della Repubblica Gela: disposizioni ordine custoria cautelare a un nisseno per Stalking

La Procura della Repubblica di Gela ha disposto l’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare applicativa della misura degli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Gela, a carico di un niscemese C.G. di anni 43, per il reato di cui all’art. 612 bis c.p. (stalking), posti in essere nei confronti della ex moglie R.S. e su colui che egli riteneva essere il suo spasimante C.V.. Le indagini preliminari, delegate alla Sezione di PG-Aliquota Polizia di Stato che ha curato anche l’esecuzione, traggono origine dalle denunce presentate dalla ex moglie, la quale lamentava le vessazioni subite da parte di C.G., odierno arrestato, sia in costanza di matrimonio qualificate quali maltrattamenti, sia dopo la separazione. Nei confronti di C.G., quest’Ufficio ha già proceduto ad esercitare l’azione penale nell’ambito di precedente procedimento con richiesta di rinvio a giudizio per il reato di maltrattamenti in famiglia e nonostante l’applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento, ha continuato a porre in essere condotte persecutorie in danno della moglie. C.G. sin dal momento della fine della relazione con la moglie ha iniziato una persistente condotta di atti persecutori nei confronti di entrambi i soggetti, costringendo anche l’altra parte offesa a presentare diverse querele. Successivamente la Sezione di PG della Polizia di Stato presso la Procura della Repubblica di Gela,, avviava una serie di complesse e articolate attività di indagini, coordinate da quest’Ufficio, che hanno evidenziato la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza in capo all’indagato con riferimento al delitto contestatogli. Gela, 23 febbraio 2021 IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

Visite: 106

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *