Enna Press

Testata giornalistica Online

‘Parto con sorriso e parto indolore. Differenze e rischio clinico’

il prossimo mercoledì 17 Febbraio dalle ore 17:30 alle 19, si terrà il Talk webinar:

‘Parto con sorriso e parto indolore. Differenze e rischio clinico’, organizzato

da Mondosanità, in collaborazione con Motore Sanità.

La possibilità di partorire evitando la parte dolorosa della procedura va sotto il nome

di Parto indolore. Esistono diverse tecniche fra le quali l’uso dell’anestesia epidurale

applicata tramite l’introduzione di un catetere nello spazio epidurale mediante il quale

viene iniettata la sostanza anestetica. Questa tecnica di parto può essere indicata

come la più efficace per eliminare il Dolore del Travaglio in quanto mantiene nella

paziente la percezione delle contrazioni e dei propri movimenti permettendo un parto

fisiologico e sicuro. Se eseguita correttamente, la tecnica di anestesia epidurale non

ha effetti negativi, anzi ha molti vantaggi: riduce il consumo di ossigeno materno,

migliora la perfusione degli organi addominali, pur non alterando il flusso dei grossi

vasi, e protegge gli scambi placentari tra madre e figlio. Inoltre esiste la tecnica con

l’utilizzo della miscela a base di protossido d’azoto ed ossigeno al 50%

(Partorire sorridendo) per la gestione del dolore in sedazione cosciente autogestita

dalla paziente. Le future mamme possono somministrarsi da sole un gas analgesico

che rilassa, riduce il dolore del travaglio e può anche avere effetti euforizzanti. È la

partoriente che gestisce in maniera del tutto autonoma la somministrazione del farmaco

senza l’ausilio dell’anestesista. L’ aria espirata viene poi convogliata in una fessura

collocata intorno alla mascherina e fatta defluire attraverso il sistema di gas-evacuazione

della sala, di modo che non vi sia alcuna dispersione nell’ambiente. In questo modo il suo

utilizzo è sicuro anche per gli operatori che assistono la partoriente. Così si ottempera alle

disposizioni regionali che rientrano nei L.E.A. (Livelli essenziali di assistenza) sulla

partoanalgesia e sulla cosiddetta ”nascita dolce” rappresentando un progresso innegabile

nelle procedure del parto rassicurando le neo mamme ed evitando l’ansia da travaglio.

Purtroppo la diffusione del parto indolore non è omogenea nel territorio nazionale o all’interno

delle stesse regioni per motivi per lo più organizzativi. Mondosanità, in collaborazione con

Motore Sanità, organizza questo webinar al fine di delineare le problematiche inerenti al parto

indolore ed evidenziare le best practices in essere.

PARTECIPANO

– Elisa Pirro, Membro 12ª Commissione permanente (Igiene e Sanità) Senato della Repubblica

– Carmelo Pullara, Vice Presidente VI Commissione Salute Regione Siciliana

– Sara Zambaia, Componente IV Commissione Sanità Regione Piemonte

– Elsa Viora, Presidente AOGOI, già Direttore SSD Ecografia Ostetricia Ginecologica e Diagnosi

Prenatale Ospedale Ostetrico Ginecologico S.Anna, Torino

– Claudio Crescini, Vice Presidente AOGOI, Professore a.c. Università Cattolica Sacro Cuore Roma,

Direttore Scientifico ASST BG Est (Bergamo)

– Giovanni Cavallo, Direttore UOC Ostetricia e Ginecologia Ospedale Maggiore Modica (RG)

– Elisa Picardo, Ginecologa Ginecologia 4,Ospedale Ostetrico Ginecologico S. Anna, Torino

INTERVISTATI DA

– Giulia Gioda, Presidente Motore Sanità

– Daniela Boresi, Giornalista

Visite: 103

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *