Enna Press

Testata giornalistica Online

Emergenza abitativa ai tempi del Coronavirus; la segretaria provinciale del Sunia Cgil Giovanna D'Alia scrive ai comuni

Bando pubblico regione Sicilia ex Legge 431/98.
Questa la lettera che la segretaria provinciale del Sunia Cgil, Giovanna D’Alia ha inviato a tutti i Comuni della provincia dove si chiede di dare massima visibilità del bando della regione per il sostegno all’accesso delle abitazioni in locazione.
L’emergenza Covid 19 sta mettendo a durissima prova il tessuto sociale ed economico delle nostra provincia, già in grande sofferenza per la crisi economica che dal 2008 attanaglia il nostro Paese.
Il problema della casa insieme alla perdita del lavoro e alla diminuzione o perdita del lavoro e dei redditi , già problematico in tempi normali, rischia ai tempi del coronavirus di diventare ingestibile e di creare grandi tensioni, se tutti, Politica, Istituzioni e Organizzazioni nel loro complesso non si uniscono per dare risposte certe ed estremamente semplificate.
Le misure già esistenti prima dell’emergenza, come il Bando emanato dall’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità , relativo ai fondi nazionali per il sostegno all’accesso delle abitazioni in locazione, che prevede la disponibilità di 7.700.038,85 milioni di euro da erogare a tutti gli aventi diritto che conducono in affitto un alloggio di proprietà sia pubblica che privata, possono essere, insieme ad altre misure una risposta sia pure parziale.
Ciascun Comune, come recita il “Bando Regionale” deve provvedere a pubblicare quest’ultimo e darne la massima diffusione, pertanto , la scrivente O.S si chiede, se il suddetto Bando, sia stato recepito da tutti i Comuni in indirizzo, al fine di poter dare un minimo di risposta al disagio dei nostri concittadini.
Poiché il Bando, prevede una sfilza di documenti da presentare a corredo della domanda, ci chiediamo se non sia il caso, visti i provvedimenti che invitano tutti a restare in casa, di chiedere insieme all’Assessorato di semplificare le domande con semplici autocertificazioni che consentano una più celere distribuzione del contributo, fermo restando i successivi controlli di merito. Inoltre sarebbe opportuno chiedere che i termini di presentazione rimanessero aperti fino ad esaurimento delle risorse messe a disposizione, permettendo in tal modo a tutti coloro che ne hanno diritto di poterne usufruirne senza limitazioni di sorta-
Crediamo, fortemente nella collaborazione e buona volontà di tutti, per evitare che la situazione degeneri, soprattutto per le famiglie già a rischio prima dell’emergenza.
In attesa di riscontro, cordiali saluti
Il Segretario gen. Provinciale
Giovanna D’Alia

Visite: 16