Enna Press

Testata giornalistica Online

Il cimitero stellare delle primule: un bando allo sbando

Il cimitero stellare delle primule: un bando allo sbando
Roma, 22 gennaio 2021. – È finalmente uscito, ieri, il bando di gara per la realizzazione delle famose Primule firmate
dall’archistar Boeri sul sito del Governo Italiano. Un capitolato dettagliato ma accessibile a pochi. L’associazione FEU, a
difesa della filiera degli eventi, è sempre più incredula.
Il commissario straordinario all’emergenza Domenico Arcuri ha scoperto le carte. E che carte: 21 Lotti (in prima richiesta)
di 315 mq a struttura circolare (elemento imprescindibile per poter far spendere più soldi alle casse dello Stato), 30
giorni per realizzarli, 8.599.500,00 di Euro i soldi stanziati, possibilità di partecipare al bando solo per aziende che
dichiarano e dimostrano di “aver eseguito forniture analoghe nell’esercizio finanziario 2017-2019 almeno pari al valore
di Euro 154.791.000,00”. Praticamente in parole semplici, la realizzazione delle primule, strutture necessarie a detta del
commissario per la somministrazione del vaccino (perché la tensostruttura “fighetta” è fondamentale diciamocelo, le
commerciali installazioni rettangolari e quadrate non sarebbero andate bene) costerebbero 400.000,00 euro ciascuna;
e a questo bando possono partecipare solo aziende che hanno fatturato nel triennio su detto importi superiori ai 50
milioni di euro annui. E niente, il commissario Arcuri vuole aver a che fare solo con star. Dopo l’architetto Boeri (che ha
messo le sue capacità gratuitamente a servizio dell’emergenza) a breve capiremo chi sarà la società appaltatrice del
progetto, nuova stella del firmamento.
“Uno spreco inaccettabile – segnala il presidente Adriano Ceccotti – costi esorbitanti per la realizzazione ex novo di
strutture che finiranno poi chissà dove, quando le nostre aziende, totalmente ferme da marzo 2020 e senza ristori, si
sono da sempre rese disponibili a sostenere con la propria professionalità e le proprie attrezzature già pronte ferme nei
nostri magazzini a cifre assolutamente convenienti, la realizzazione di padiglioni temporanei per la vaccinazione di
massa. Perché diciamocelo chiaro serve solo un luogo adatto dove vaccinarsi e non serve una primula”.
“L’Italia rinasce con un fiore”, questo lo slogan tanto pubblicizzato da dicembre ma che oggi sa veramente poco di vita,
che avrebbe dovuto prevedere 1500 strutture ma che ora nel testo ne contempla solo 21. Sono stati falciati 1479 fiori,
in questo bando. E questa sembrerebbe una notizia positiva. Ed invece no. Il cimitero di 21 primule costerà infatti,
ribadiamo, 400.000 euro a struttura. Neanche una cappella al Cimitero Monumentale del Verano varrebbe tanto. Ma
tranquilli, perché il camposanto stellare ha possibilità di altri 1179 lotti, per arrivare così ad un totale di 1200 strutture.
E se si arrivasse a queste, i costi per gli italiani sarebbero di circa 480.000.000. Per un vaccino.
Ed il settore degli eventi, con tutte le sue professionalità, è ancora fermo.
FEU, l’associazione no profit a difesa del settore intero, da sempre disponibile a collaborare con il Governo è ancora una
volta qui a denunciare l’assurdità della questione. “La nostra associazione potrebbe fornire nello specifico:
tensostrutture, allestimenti, service audio/video/luci, personale per eventi pubblici e fieristici (hostess & steward),
agenzie di organizzazioni di eventi, trasporti e logistica in pratica, tutte le professionalità richieste da Arcuri – conclude
Ceccotti – ma nessuno ci ha chiamato”. Si è così aperto ieri un bando a cui è impossibile per quasi tutti accedere perché
i criteri per poter presentare domanda sono inarrivabili, impossibile tra l’altro umanamente adempiere all’ulteriore
richiesta della realizzazione delle stesse strutture in un mese, ma si sa le stelle possono tutto.
Una campagna di comunicazione quella di Arcuri che continua a riempire le pagine dei giornali e le più importanti
trasmissioni televisive e che ad oggi si dimostra una grande presa in giro. E FEU lo dichiara dal primo giorno.
Ci risiamo. Un bando allo sbando più totale.
Angela Orecchio

Visite: 107

Un commento su “Il cimitero stellare delle primule: un bando allo sbando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *