Enna Press

Testata giornalistica Online

CONSORZI DI BONIFICA. CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO PER 36 PRECARI DI ENNA, MESSINA E CATANIA. LA FILBI UILA: “UNA VITTORIA SINDACALE”

CONSORZI DI BONIFICA. CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO PER 36 PRECARI DI ENNA, MESSINA E CATANIA. LA FILBI UILA: “UNA VITTORIA SINDACALE”
“Per trentasei lavoratori del Consorzio di Bonifica Sicilia orientale sono in corso le procedure di stabilizzazione. Venticinque dipendenti a Enna, nove a Messina e due a Catania lasceranno il precariato dopo un’attesa durata tanto, troppo, tempo. Questo rappresenta un successo nella battaglia condotta dal sindacato unitario per tutelare i diritti del personale consortile e rivendicare un necessario e ormai irrinviabile turn-over negli uffici dell’ente”. Lo afferma il segretario del Filbi-Uila Sicilia, Enzo Savarino, che aggiunge: “Abbiamo avuto stamattina notizia che il Dipartimento regionale ha espresso parere favorevole alla richiesta già formulata dalla cosiddetta Cabina di Regia, l’organismo settoriale di concertazione formato da rappresentanti della Regione e delle organizzazioni di categoria. Il commissario del Consorzio Sicilia orientale, Francesco Nicodemo, ha assicurato che procederà nelle prossime ore a tutti gli adempimenti del caso per la firma dei contratti a tempo indeterminato in favore di trentasei lavoratori, finora assunti con la sola garanzia di 151 giornate annue”. “Molto bisogna ancora fare – conclude Savarino – ma siamo di fronte a un segnale forte e chiaro di attenzione della Regione verso chi garantisce un servizio indispensabile al sistema agricolo siciliano. Sta iniziando a fare breccia, finalmente, l’appello lanciato molti mesi fa dal nostro segretario nazionale Gabriele de Gasperis insieme con la Filbi Sicilia, perché la Bonifica torni al centro di un progetto credibile di tutela del territorio e promozione dell’agricoltura. Per far questo serve una legge di riforma che assicuri la stabilità del perimetro occupazionale, certezze sul contributo regionale e il superamento della pesante eredità debitoria che grava sui Consorzi”.

Visite: 16