Enna Press

Testata giornalistica Online

Tumori del sangue: l'innovativa terapia cellulare con CAR T è realtà anche in Italia. All'Humanitas trattati i primi pazienti con buoni risultati

Tumori del sangue: l’innovativa terapia cellulare con CAR T è realtà anche in Italia.
All’Humanitas trattati i primi pazienti con buoni risultati
Rozzano (Milano), 13 febbraio 2020 – L’ultima frontiera della lotta contro i tumori del sangue come linfomi o leucemie, in studio anche nei tumori solidi, è la terapia cellulare con CAR T, che si basa sulla modificazione genetica in laboratorio di un particolare tipo di globuli bianchi del paziente, i linfociti T, che vengono così istruiti a riconoscere le cellule tumorali e aggredirle.
Una terapia altamente innovativa e allo stesso tempo complessa ed impegnativa, sia nella fase di preparazione sia di esecuzione: CAR T è ora realtà anche in Italia, con pochissimi Centri selezionati già attivi nel trattamento. Tra questi, l’IRCCS Humanitas di Rozzano (Milano), che ha già trattato i primi pazienti con buoni risultati ed ha attivato una CAR T Unit con un team multidisciplinare dedicato e uno sportello dedicato ai pazienti per una valutazione dei candidati.
«Oggi i pazienti con linfomi non Hodgkin o con leucemie linfoblastiche ricaduti dopo una o più terapie convenzionali hanno una possibilità in più di controllare la malattia (con un netto aumento della sopravvivenza) e la possibilità di guarire in circa il 40% dei casi – spiega Armando Santoro, Direttore del Cancer Center di Humanitas – non tutti i pazienti però sono candidabili alla terapia e non in tutti la terapia ha successo. È dunque molto importante che la selezione dei pazienti venga eseguita tenendo conto del corretto rapporto rischio/beneficio per ciascuno ed è fondamentale affidarsi a Centri specializzati per potenziare al massimo l’uso corretto di questa innovativa risorsa».

Visite: 13