Enna Press

Testata giornalistica Online

Troina; EMANATE MISURE URGENTI PER IL CONTRASTO DELL’EMERGENZA CORONAVIRUS

EMANATE MISURE URGENTI PER IL CONTRASTO DELL’EMERGENZA CORONAVIRUS
Su ordinanza del sindaco Fabio Venezia, a partire da oggi e fino a prossima revoca
Troina, 6 marzo 2020 – Il sindaco Fabio Venezia, a seguito dei decreti emanati nei giorni scorsi dal Governo sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da “COVID 19-CORONAVIRUS”, ha emanato stamane un’apposita ordinanza, volta ad adottare ulteriori provvedimenti anche sul territorio comunale.
Il primo cittadino, a partire da oggi, venerdì 6 marzo, fino a prossima revoca, ordina: la sospensione di congressi, riunioni, meeting ed eventi sociali in cui è coinvolto personale sanitario o incaricato in servizi di pubblica utilità; la sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura, svolti sia in pubblico, che in privato, che comportino affollamento; la sospensione delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina; la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado fino al 15 marzo; la sospensione di viaggi d’istruzione, gemellaggi e visite guidate; la sospensione del mercato settimanale di sabato 7 e 14 marzo e di quello contadino di domenica 8 e 15 marzo; la sospensione del ricevimento del pubblico negli uffici comunali, ad eccezione dei servizi pubblici essenziali, fino a venerdì 13 marzo prossimo.
Si invitano inoltre le strutture sanitarie locali e le case di accoglienza e di riposo per anziani a rispettare scrupolosamente tutte le precauzioni emanate su scala nazionale ed a mettere in atto tutti gli accorgimenti necessari per tutelare la salute pubblica ed alle persone anziane ed affette da patologie croniche, a limitare le uscite dalla propria abitazione, salvo necessità, evitando comunque i luoghi affollati in cui non sia possibile mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro.
Tutti coloro invece che abbiano fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico identificate dall’OMS o nella “Zona Rossa”, sono obbligati a comunicarlo al dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale ed al proprio medico.

Visite: 17