Enna Press

Testata giornalistica Online

Stabilizzati anche i precari storici dell’Automobile Club Enna

stabilizzazione precari storici dell’Automobile Club Enna
Enna. 01/04/2021. Si è chiuso stamane con la sottoscrizione in sede dei contratti, il
percorso che ha portato alla stabilizzazione dei precari dell’Automobile Club Enna. Un
risultato storico, per la dirigenza dell’Ente, che è riuscita con grande soddisfazione ad
inserire definitivamente in organico il proprio personale, che aspettava questo
importante momento sin dalla stipula del primo contratto, ormai risalente all’anno 2005.
Il percorso è stato molto articolato ed ha richiesto una certa sinergia da parte degli
organismi dell’ente. Infatti, il Consiglio Direttivo, proprio in ragione della rilevanza
della vicenda, ha deciso di procedere in questa direzione ed approvare senza indugio le
graduatorie formulate dalla commissione d’esame ed autorizzare l’immissione in ruolo
del personale interessato, mettendo così fine, una volta per tutte, ad un’annosa questione
di intollerabile precarietà che ormai perdurava, sotto varie forme, da diversi decenni.
“Penso che questo sia davvero un risultato di portata storica, oltre che oggetto di
grande soddisfazione personale” commenta il direttore dell’A.C.I., Maurizio Colaleo,
“siamo riusciti, nonostante tutto, a mettere fine ad una situazione molto complessa,
stabilizzando dei collaboratori legati all’ente e dando tranquillità alle loro famiglie”.
“La stabilizzazione conferma la nostra volontà di rafforzare l’A.C.I. di Enna ed in
questo senso è un risultato importante per noi come per la città” dichiara il Presidente
dell’A.C.I., Alessandro Battaglia “Infatti, dopo aver subito il commissariamento e corso
il rischio di fare le valigie, oggi possiamo dire che stiamo mettendo in campo ogni
sforzo possibile per salvaguardare la funzione ed il ruolo di un importante ente che
esiste ad Enna nientemeno che dal 1927, tutto a vantaggio dei servizi e dell’assistenza
che offriamo quotidianamente agli automobilisti di questo territorio”.

Visite: 360

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *