Enna Press

Testata giornalistica Online

PESCHERECCI SEQUESTRATI IN LIBIA. IL SEGRETARIO UILA PESCA SICILIA

PESCHERECCI SEQUESTRATI IN LIBIA. IL SEGRETARIO UILA PESCA SICILIA: “EQUIPAGGI COLPEVOLI SOLO DI AVER VOLUTO LAVORARE ONESTAMENTE IN UN SETTORE DEL MEDITERRANEO DOVE REGNA IL CAOS”

“Non si può lavorare, e lavorare in mare, senza certezze ne tutele. Gli equipaggi dell’Antartide e del Medinea, due pescherecci della Marineria di Mazara del Vallo, vengano immediatamente restituiti alle loro famiglie perché colpevoli solamente di avere cercato, tra mille rischi e fatiche, una onesta occasione di produrre reddito per se e i propri cari in un settore del Mediterraneo dove regna il caos come in tutto il territorio libico”. Lo afferma il segretario della Uila Pesca Sicilia, Tommaso Macaddino, che aggiunge: “La Uila Pesca esprime solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie, chiedendo un intervento efficace e rapido delle istituzioni italiane, a qualunque livello, perché i due equipaggi vengano liberati e siano finalmente assicurate garanzie alle nostre Marinerie impegnate in acque internazionali”.

Visite: 38

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *