Enna Press

Testata giornalistica Online

I SINDACATI DEGLI INQUILINI E DELLA PROPRIETA’ COSTANTEMENTE VICINI ALLE ISTANZE DI CHIARIMENTI SUGLI AFFITTI

I SINDACATI DEGLI INQUILINI E DELLA PROPRIETA’ COSTANTEMENTE VICINI ALLE ISTANZE DI CHIARIMENTI SUGLI AFFITTI
Ritornano ancora sul tema dei contratti di locazione i sindacati degli inquilini SICET CISL e UNIAT UIL e il sindacato dei proprietari UPPI.
E quindi, a distanza di pochi giorni si riconferma l’indicazione che Proprietari e Conduttori, compatibilmente con le proprie necessità economiche, definiscano con scrittura privata accordi integrativi del contratto con abbattimento del canone, facendo riferimento al breve periodo massimo di due o tre mesi.
In applicazione a quanto indicato nella Circolare n° 8/E del 3 aprile u.s. dell’Agenzia Delle Entrate non è necessario comunicare, per il momento, i contenuti delle scrittura privata, in quanto tutti gli atti sottoposti a registrazione sottoscritti tra l’8 marzo il 31 maggio potranno essere registrati entro il prossimo 30 giugno fatte salve eventuali proroghe.
Pertanto, Proprietari e Conduttori possono concordare e sottoscrivere la rimodulazione del canone da applicare per i prossimi mesi mantenendo in vita il contratto di locazione e potendo successivamente usufruire della cedolare secca al 10% sul nuovo canone.
Si informa inoltre che la scrittura privata dovrà essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate esclusivamente tramite modello RLI non essendo previste altre modalità.
Ribadisce, Mario La Rosa Segretario Uniat Uil è indispensabile in questa difficile fase, mantenere il rapporto contrattuale in vita e in attesa della ritorno alla normalità.
Nonostante la drastica riduzione degli orari e della fruizione delle nostre sedi di attività sindacale, dichiara Angelo Assennato Segretario Generale Sicet Cisl Agrigento Caltanissetta Enna, siamo quotidianamente impegnati a fornire assistenza telefonica e tramite mail ai nostri iscritti e a quanti necessitano di ulteriori chiarimenti.
Infine, assicura il Presidente UPPI in rappresentanza della proprietà Luigi Scavuzzo ricorda, l’U.P.P.I. a livello nazionale aveva richiesto per tutti gli esercizi commerciali e attività diverse dell’abitazione che la riduzione dei canoni di locazione fosse oggetto di una scrittura privata registrata ed attestata obbligatoriamente dalle organizzazioni sindacali dei proprietari e degli inquilini, a fronte di una tassazione agevolata e/o altre agevolazioni fiscali, lasciando alle parti la possibilità di concordare reali diminuzioni dell’affitto secondo le singole esigenze territoriali; aveva, altresì, richiesto la soppressione del pagamento dell’acconto IMU di giugno 2020.
OGGI R I C H I E D E la costituzione immediata in videoconferenza di un Tavolo di lavoro tra il MISE, o i Ministeri competenti, l’ANCI, ed i rappresentanti delle organizzazioni di categoria maggiormente rappresentative in Italia per addivenire ad un protocollo d’intesa in merito alle problematiche riscontrate dai proprietari immobiliari e dagli inquilini ed alle possibili soluzioni di dette problematiche, ivi comprese le forme per conseguire le attestazioni di cui sopra.
A questo punto che il confronto continuo con le associazioni degli inquilini ha prodotto un valido strumento di informazione per l’utenza e un modello virtuoso di relazioni sindacali, esportabile in altri territori.
Ritornano ancora sul tema dei contratti di locazione i sindacati degli inquilini SICET CISL e UNIAT UIL e il sindacato dei proprietari UPPI.
E quindi, a distanza di pochi giorni si riconferma l’indicazione che Proprietari e Conduttori, compatibilmente con le proprie necessità economiche, definiscano con scrittura privata accordi integrativi del contratto con abbattimento del canone, facendo riferimento al breve periodo massimo di due o tre mesi.
In applicazione a quanto indicato nella Circolare n° 8/E del 3 aprile u.s. dell’Agenzia Delle Entrate non è necessario comunicare, per il momento, i contenuti delle scrittura privata, in quanto tutti gli atti sottoposti a registrazione sottoscritti tra l’8 marzo il 31 maggio potranno essere registrati entro il prossimo 30 giugno fatte salve eventuali proroghe.
Pertanto, Proprietari e Conduttori possono concordare e sottoscrivere la rimodulazione del canone da applicare per i prossimi mesi mantenendo in vita il contratto di locazione e potendo successivamente usufruire della cedolare secca al 10% sul nuovo canone.
Si informa inoltre che la scrittura privata dovrà essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate esclusivamente tramite modello RLI non essendo previste altre modalità.
Ribadisce, Mario La Rosa Segretario Uniat Uil è indispensabile in questa difficile fase, mantenere il rapporto contrattuale in vita e in attesa della ritorno alla normalità.
Nonostante la drastica riduzione degli orari e della fruizione delle nostre sedi di attività sindacale, dichiara Angelo Assennato Segretario Generale Sicet Cisl Agrigento Caltanissetta Enna, siamo quotidianamente impegnati a fornire assistenza telefonica e tramite mail ai nostri iscritti e a quanti necessitano di ulteriori chiarimenti.
Infine, assicura il Presidente UPPI in rappresentanza della proprietà Luigi Scavuzzo ricorda, l’U.P.P.I. a livello nazionale aveva richiesto per tutti gli esercizi commerciali e attività diverse dell’abitazione che la riduzione dei canoni di locazione fosse oggetto di una scrittura privata registrata ed attestata obbligatoriamente dalle organizzazioni sindacali dei proprietari e degli inquilini, a fronte di una tassazione agevolata e/o altre agevolazioni fiscali, lasciando alle parti la possibilità di concordare reali diminuzioni dell’affitto secondo le singole esigenze territoriali; aveva, altresì, richiesto la soppressione del pagamento dell’acconto IMU di giugno 2020.
OGGI R I C H I E D E la costituzione immediata in videoconferenza di un Tavolo di lavoro tra il MISE, o i Ministeri competenti, l’ANCI, ed i rappresentanti delle organizzazioni di categoria maggiormente rappresentative in Italia per addivenire ad un protocollo d’intesa in merito alle problematiche riscontrate dai proprietari immobiliari e dagli inquilini ed alle possibili soluzioni di dette problematiche, ivi comprese le forme per conseguire le attestazioni di cui sopra.
A questo punto che il confronto continuo con le associazioni degli inquilini ha prodotto un valido strumento di informazione per l’utenza e un modello virtuoso di relazioni sindacali, esportabile in altri territori.

Visite: 38