Enna Press

Testata giornalistica Online

Forum Sviluppo Aree interne: vi partecipano 10 sindaci

Sono stati 10 i sindaci che hanno risposto lunedì scorso alla “convocazione” del Forum di associazioni di terzo settore dei comuni di Cerami, Enna, Nicosia, Troina e San Teodoro per discutere sulle prospettive di sviluppo delle aree interne della Sicilia in vista dei Fondi che dovrebbero arrivare con il Recovery Fund. Per la precisione sono stati presenti Luigi Bonelli di Nicosia, Maria Greco di Agira, Francesco Bivona di Regalbuto, Silvestro Chiovetta di Cerami, Vincenzo Messina di Pietraperzia, Salvatore La Spina di Centuripe, Fabio Venezia di Troina, Fabio Arnaldo Ettore Accardi di Barrafranca, Carmelo Scravaglieri di Catenanuova e Leonardo Giuseppe Principato Trosso di Capizzi. Moderato dal giornalista Silvano Privitera ne è venuto fuori un incontro tra l’altro trasmesso in diretta sui social, che ha dato tanti spunti su cui poter discutere, programmare e lavorare per il futuro su una occasione unica ed irripetibile che capiterà a questo territorio e soprattutto sul ruolo che gli enti locali e nel caso specifico i sindaci potranno svolgere. E il problema principale individuato è stato che c’è il rischio che malgrado ci siano le risorse di contro potrebbero non esserci invece le progettualità pronte anche per una non adeguata preparazione delle risorse umane degli stessi enti. Problema che potrebbe essere superato che si andasse alla costituzione come ha proposto il sindaco di Regalbuto Francesco Bivona e di fatto condiviso a tutti i primi cittadini presenti, di un unico soggetto che si occupi di tutta l’azione di progettazione dei vari comuni interessati e che gli stessi progetti che saranno presentati non siano delle “cattedrali nel deserto”, ma interventi veramente utili alle comunità di riferimento. In pratica i comuni devono organizzarsi e fare “massa critica” altrimenti si corre il rischio che se non si faranno trovare preparati buona parte di queste risorse saranno appannaggio di grandi colossi come Terna, Enel e Anas.

Visite: 551

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *