Enna Press

Testata giornalistica Online

Emergenza Sociale; i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil incontrano il sindaco di Valguarnera Francesca Draià

Sindacato confederale a fianco degli enti locali nella gestione dell’emergenza sociale e nell’avvio della fase due. Infatti dopo aver tracciato un percorso comune con il sindaco di Enna sindaco Maurizio Dipietro, i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Nunzio Scornavacche, Carmela Petralia e Vincenzo Mudaro hanno fatto la stessa cosa con il primo cittadino di Valguarnera Francesca Draià che ha richiesto questo confronto, incontrato in video conferenza nel pomeriggio di lunedì scorso insieme con l’assessore alle Attività Produttive Giovanni Giarrizzo. Anche con la sindaca i tre dirigenti sindacali hanno discusso sulle misure che il Comune di Valguarnera sta adottando in materia di interventi di sostegno alle fasce deboli, non solo a chi in questo momento si è ritrovato senza lavoro e quindi senza reddito con oltre un centinaio di nuclei famigliari assistiti sia con pacchi che con buoni spesa ma anche ad esempio agli over 65 che hanno necessità di essere assistiti. Ed in questo caso importante è il contributo che sta arrivando dalle locali associazioni di volontariato come l’Avis, Sicilia Emergenza e Golem. Ma parti sociali ed ente locale oltre all’analisi del momento emergenziale hanno iniziato a discutere della cosiddetta fase due e quindi è molto probabile che quello di lunedì scorso sia il primo di altri incontri che si terranno nei prossimi giorni. Intenzione della sindaca è quella di avviare il prima possibile un tavolo istituzionale locale permanente con la presenza dei rappresentanti non solo dei sindacati ma anche delle associazioni datoriali in modo da fare un quadro generale della situazione. Scornavacche, la Petralia e Mudaro hanno ribadito che faranno la propria parte. Primo tra tutti gli impegni la richiesta alla Prefettura della costituzione un tavolo di coordinamento complessivo in modo da avere una unica voce per fronteggiare tutti insieme questo momento sicuramente il più difficile in assoluto per il territorio provinciale dal dopoguerra ad oggi.

Visite: 29