Enna Press

Testata giornalistica Online

CORONAVIRUS: SINDACATI, BANCARI NON PROTETTI, VIA A MOBILITAZIONE E SCIOPERO

CORONAVIRUS: SINDACATI, BANCARI NON PROTETTI, VIA A MOBILITAZIONE E SCIOPERO
Roma, 23 marzo 2020. I sindacati bancari Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin preparano la mobilitazione
della categoria, a partire da domani, e minacciano lo sciopero: i dipendenti del settore, tra i quali si registrano
molti casi di positività al Coronavirus, non operano in condizioni di sicurezza. Ciò perché i dispositivi individuali
(mascherine chirurgiche) necessari a proteggere le lavoratrici e i lavoratori non sono stati distribuiti né sono
disponibili gel igienizzanti e guanti. «Preso atto dei provvedimenti governativi, che comprendono tra i servizi
che restano garantiti i “servizi bancari e finanziar”, ma “nel rispetto delle norme igienico-sanitarie», Vi
dichiariamo che ci riserviamo ogni iniziativa di tutela collettiva, fino allo sciopero» scrivono i segretari generali
di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin – Lando Maria Sileoni, Riccardo Colombani, Giuliano Calcagni,
Massimo Masi ed Emilio Contrasto – in una lettera spedita questa mattina all’Abi, a Federcasse, a tutte le
banche, e, per conoscenza, al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, oltre che alle rappresentanze sindacali
aziendali e di gruppo. «In mancanza di urgente positivo riscontro, da parte Vostra e/o direttamente da
ciascuna Associata, ci riterremo liberi di assumere, a partire dalla giornata di martedì 24 marzo, ogni
necessaria iniziativa di tutela dei nostri rappresentati» si legge nella lettera firmata dai segretari generali di
Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin. «Vi abbiamo espresso una forte e unitaria richiesta di chiusura, per
almeno 15 giorni, di tutti gli sportelli bancari, che oggi rappresentano purtroppo punti di diffusione del
contagio; a tale richiesta ci avete risposto negativamente» aggiungono Sileoni, Colombani, Calcagni, Masi e
Contrasto.
«Abbiamo sottoscritto con ABI un Protocollo contenente «misure di prevenzione, contrasto e contenimento
della diffusione del virus Covid-19 nel settore bancario», che impegna ABI e quindi le Associate a garantire
standard di sicurezza adeguati alla gestione dell’emergenza. Nel Protocollo si è condiviso che “la prosecuzione
delle attività produttive può infatti avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone adeguati
livelli di protezione”. Il decreto “Cura Italia” definisce ulteriori e necessari strumenti di protezione individuale,
prevedendo, all’art. 16, che in mancanza di presidii organizzativi che garantiscano la distanza di sicurezza
minima, i lavoratori siano dotati dei dispositivi di protezione individuati dalla stessa legge. Le “mascherine
chirurgiche” rientrano tra questi dispositivi di protezione individuali necessari; dispositivi che, insieme a gel
igienizzante e guanti, sono peraltro già da tempo in uso generalizzato nei supermercati, ma a tutt’oggi non
sono in dotazione dei lavoratori del nostro settore, che pertanto non operano in condizioni di sicurezza. Ne è
conferma il numero di operatori bancari già contagiati. Il Presidente del Consiglio non ha accolto la nostra
istanza, conseguente al Vostro diniego, di provvedere per via legislativa alla sospensione dell’attività delle filiali
bancarie; anzi nel DPCM di ieri 22 marzo ne ha confermato l’operatività, rendendo necessario, per la gestione
della emergenza, questa nostra ulteriore iniziativa, anch’essa emergenziale, di tutela delle lavoratrici e dei
lavoratori» osservano le organizzazioni sindacali.
Roma, 23 marzo 2020
I Segretari Generali
Fabi – First Cisl – Fisac Cgil – Uilca – Unisin
Lando Maria Sileoni – Riccardo Colombani – Giuliano Calcagni – Massimo Masi – Emilio Contrasto
Al Presidente della Regione Siciliana Sebastiano Musumeci
piazza Indipendenza, n. 21
90129 Palermo
presidente@certmail.regione.sicilia.it
Oggetto: Emergenza Covid-19 – Misure urgenti a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori e della
Clientela
Scriviamo per sottoporre alla Sua attenzione alcune richieste specifiche per il settore bancario e assicurativo nella Regione in relazione alla emergenza Covid-19.
Come noto, i Segretari Generali delle nostre Organizzazioni Sindacali hanno interessato dapprima l’Associazione Bancaria Italiana ed infine il Presidente del Consiglio, chiedendo la chiusura per 15 giorni degli sportelli bancari.
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo 2020, pur apportando nuove restrizioni ai servizi essenziali, continua ad annoverare le “Attività finanziarie e assicurative” tra le attività produttive, industriali, professionali e commerciali strettamente necessarie.
Contestualmente, e con atti di pari efficacia del predetto Dpcm, alcuni Governatori Regionali, di concerto con le Prefetture, le Province ed i Comuni, hanno ordinato – talvolta in senso maggiormente aderente alle richieste sindacali – le misure di contenimento necessarie per far fronte all’emergenza. Tra questi rileva l’ordinanza del Governatore della Regione Emilia Romagna, approvata con decreto n. 44 del 20 marzo 2020, che dispone la chiusura per il territorio della provincia di Rimini, anche degli sportelli bancari e postali: .
Abbiamo apprezzato quanto da Lei disposto fino ad oggi nella nostra Regione e chiediamo un Suo intervento risolutore, nel senso della chiusura degli sportelli a tutela dei lavoratori bancari in Sicilia.
In via subordinata, anche alla luce delle file registrate negli ultimi giorni davanti alle agenzie quasi mai determinate da esigenze non rinviabili, chiediamo il Suo intervento affinché venga introdotto l’obbligo anche per la clientela di utilizzo di presidi atti al contenimento della epidemia, da indossare all’interno della filiale. Analogamente, chiediamo un intervento normativo per la configurazione degli sportelli, inteso come obbligo di installazione di strumenti idonei ad isolare e tutelare ulteriormente sia i clienti che i lavoratori quali, ad esempio, gli “scudi” in plexiglass.
Confidiamo nella Sua sensibilità e nella attenzione riservata alle questioni rappresentate, anche in considerazione della prossima scadenza per all’accredito delle pensioni che potrebbe provocare un afflusso difficilmente conciliabile con il superiore interesse alla salute.
Questo, ribadiamo, a tutela della salute e sicurezza delle lavoratrici dei lavoratori e della clientela tutta.
Palermo, 23/03/2020
I Segretari Regionali
Fabi Fna – First Cisl – Fisac Cgil – Uilca Uil – Unisin

Visite: 8