Enna Press

Testata giornalistica Online

Al via il Corso di Alta Formazione all’impegno Sociale e Politico,

Questa la lettera di apprezzamento che Papa Francesco ha inviato in occasione dell’apertura del Corso di Alta Formazione all’impegno Sociale e Politico, promosso dalla Federazione Italiana Exallievi ed Exallieve di Don Bosco e dai Salesiani Cooperatori con il supporto didattico dello Iusve (Istituto Universitario Salesiano di Venezia).
L’equipe che ha lavorato alla relazione del corso risulta essere formata da: Italo Canaletti ed Andrea Zapparoli per i Salesiani Cooperatori; Giovanni Costanza e Valerio Martorana per gli Exallievi di Don Bosco; prof. Don Nicola Giacopini, direttore Iusve; prof. Lorenzo Biagi, direttore scientifico della Scuola e docente Iusve; prof. Cristiano Chiusso, coordinatore didattico, docente Iusve.

Presidente dell’Istituto Universitario Salesiano – Venezia
In occasione del Corso di formazione all’impegno sociale e politico, organizzato presso l’Istituto Universitario Salesiano di Venezia e promosso dall’Associazione dei Salesiani Cooperatori Italia-Malta-Medioriente in collaborazione con la Federazione Nazionale Exallievi Don Bosco, desidero esprimere il mio apprezzamento per l’importante iniziativa volta a formare onesti cittadini impegnati nel mondo per un futuro migliore.
Ringrazio i promotori dell’iniziativa per la loro sollecitudine nell’animare l’ambito socio-politico, offrendo criteri morali per discernere itinerari buoni nella prospettiva del bene comune. In pari tempo, auspico che i partecipanti al Corso possano riscoprire l’importanza di dedicarsi all’impegno sociale e politico con spirito di servizio, sforzandosi di testimoniare con serenità e atteggiamento propositivo i valori della trasparenza e dell’onestà, tenendo conto anche della Dottrina Sociale della Chiesa, in armonia con le diverse sensibilità culturali.
La condizione precaria delle fasce più deboli della società richiede da parte di tutti – istituzioni, comunità ecclesiali, realtà educative e assistenziali – un costante sforzo per chinarsi sulle difficoltà e le sofferenze di tanti nostri fratelli e sorelle, offrendo loro gesti concreti di condivisione e di solidarietà. Auspico, pertanto, che si dedichi ogni energia per ridare speranza alle persone più deboli e bisognose di aiuto, in vista di una società sempre più accogliente, fraterna e a misura d’uomo.
Assicuro la mia preghiera affinché l’evento formativo possa produrre frutti di bene, e di cuore invio la mia benedizione.
Roma, San Giovanni in Laterano, 13 gennaio 2021-02-13
Francesco

Visite: 103

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *