Enna Press

Testata giornalistica Online

Volontariato sportivo: le voci Uisp dal territorio: anche l’ennese Mariapaola Tabita

Volontariato sportivo: le voci Uisp dal territorio

 

 

Un impegno che coinvolge, che mette in contatto con la società e le comunità di appartenenza. Cosa significa essere volontario nell’Uisp

 

Anche l’Uisp ha contribuito alla Giornata internazionale del volontariato attraverso la partecipazione di alcuni volontari che seguono iniziative e progetti Uisp sul territorio. Tra loro c’è Marzia Russo, operatrice nei Centri Estivi Uisp a Roma: “Ho conosciuto l’Uisp durante il mio anno da volontaria in servizio civile – racconta Marzia – Giorno dopo giorno ho approfondito sempre di più ciò che portava avanti l’associazione. Complessivamente è stato qualcosa di diverso da quello che mi aspettavo ed è stato bello scoprire tutto quello che sta dietro un evento e a un’attività. Quest’anno ho partecipato alla gestione dei Centri estivi multisport all’impianto Uisp Fulvio Bernardini e questo mi ha dato l’occasione di lavorare con i bambini. È stato molto formativo avere uno staff di qualità che mi ha accompagnato e a cui ho rubato alcune conoscenze riguardo ai bambini che come operatori dobbiamo saper gestire. Le attività che facciamo in carcere o semplicemente le attività che svolgiamo con i bambini mi fanno sentire parte attiva dell’Uisp e della società”.

Mariella Tabita, invece, viene da Enna e grazie alla sua passione per il calcio è entrata in contatto con altre donne con cui dare vita al torneo “Mamma gol”. “Facevo parte di una squadra di calcio a 5 femminile e disputavamo un campionato FIGC – racconta – Poi nel 2016 mi hanno proposto di fare un campionato a livello interprovinciale e da lì sono entrata nel mondo della Uisp. Un gruppo di mamme che andavano a lasciare i figli a calcio hanno iniziato a dare calci al pallone, donne che nella maggior parte dei casi non avevano mai fatto sport. Da lì è nata una realtà stupenda, perché cerchiamo di ritagliarci qualcosa per noi giocando. Gioco che consiste non solo nella partita ma anche in allenamenti e preparazioni. I figli e i mariti stanno in tribuna e fanno il tifo per noi ed è una cosa veramente bella. Lo sport a qualsiasi età è salute. Lo sport ti aiuta a stare bene fisicamente e mentalmente”.

Un’attività molto in crescita è quella dei gruppi di cammino, ma Mirella Loschi, volontaria Uisp Reggio Emilia lo pratica da più di 20 anni, insieme ad un questo gruppo che organizza camminate e soggiorni per i soci Uisp. Mirella è l’anima dell’iniziativa: da quando è andata in pensione si è dedicata a questo progetto, ogni mattina va in ufficio per curare tutti gli aspetti delle attività: anche adesso, nonostante il Covid, da casa si informa, si confronta il comitato e sceglie le nuove mete insieme agli altri operatori Uisp.

Da Taranto arriva l’esperienza di Antonella Palmigiano, che aveva una sua società sportiva in cui proponeva ginnastica finalizzata al benessere con metodica yoga e con cui si è affiliata all’Uisp. “Mi piaceva che promuovessero e facessero sport per tutti – spiega Antonella – mi ha colpito molto il termine “Unione” e il fatto che l’Uisp svolgesse attività con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita. Il valore del mio impegno volontario si esprime nella promozione di uno sport che vada oltre l’agonismo e sia sociale. Nel corso degli anni sono diventata un’insegnante anche di ginnastica dolce e ho svolto attività con donne operate al seno. Ho conosciuto in questi anni molte persone e sono state tutte professionali. Mi auguro che il volontariato Uisp prosegua e che sia un’attività cardine dell’associazione”.

Il programma di sabato 5 dicembre si aprirà con gli interventi di Claudia Fiaschi (portavoce del Forum), Stefano Tabò (presidente di CSVnet) e Don Andrea La Regina (Caritas Italiana). Le testimonianze dei volontari saranno divise in tre blocchi, intervallati dagli interventi di Luca Gori (Università S. Anna di Pisa), Paolo Pezzana (Università Cattolica di Milano) e Andrea Volterrani (Università Tor Vergata di Roma). La conduzione è affidata a Elisabetta Soglio, caporedattrice di “Buone notizie, inserto settimanale del Corriere della Sera, e a Stefano Arduini, direttore di Vita. Per il programma clicca qui

Visite: 221

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *