Enna Press

Testata giornalistica Online

Troina: LA REGIONE FINANZIA LA SISTEMAZIONE DEI RIFUGI “ACQUA CERNUTA” E “INTERLEO” DEL PARCO DEI NEBRODI

LA REGIONE FINANZIA LA SISTEMAZIONE DEI RIFUGI “ACQUA CERNUTA” E “INTERLEO” DEL PARCO DEI NEBRODI
200 mila per il progetto di ampliamento di fruizione della rete, presentato dall’Azienda Speciale Silvo-Pastorale
Troina, 9 marzo 2020 – La Regione Siciliana ha finanziato, nell’ambito della misura 8.5 del Piano di Sviluppo Rurale 2014/2020 – aiuti agli investimenti destinati ad accrescere la resilienza ed il pregio ambientale degli ecosistemi forestali – , la sistemazione dei due rifugi “Acqua cernuta” ed “Interleo”, siti all’interno del Parco dei Nebrodi”.
Il progetto, presentato nei mesi scorsi dall’Azienda Speciale Silvo-Pastorale di Troina, per un importo complessivo di 200 mila euro, mira all’ampliamento della rete dei rifugi presenti nei boschi, dislocati all’interno delle aree del Parco di proprietà del comune di Troina.
L’Azienda ha inoltre presentato, nell’ambito della misura 8.3 del PSR – sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici – , altri 2 progetti, per un importo totale di 1 milione di euro, per la sistemazione della sentieristica di accesso ai boschi demaniali comunali.
Grazie infine al finanziamento regionale di 2 milioni 500 mila euro dell’aprile scorso, entro metà marzo verrà aggiudicata la gara d’appalto per la sistemazione della caserma-rifugio di contrada “Sambuchello”, sempre nel cuore del Parco, che diventerà una delle più importanti strutture ricettive dell’intera area dei Nebrodi, offrendo la possibilità di trovare occupazione a 10 giovani del territorio.
“Grazie alla ristrutturazione di questi altri due manufatti – spiega il sindaco Fabio Venezia – , miglioreremo notevolmente la fruizione dei nostri boschi e, soprattutto, l’offerta ricettiva, mettendo in rete il sistema dei rifugi comunali dentro il Parco. Desidero ringraziare il Consiglio d’Amministrazione dell’Azienda Silvo-Pastorale, nelle persone di Angelo Impellizzeri, Angelo Barbirotto e Giovanni Ruberto, per l’eccellente lavoro svolto in questi mesi per la valorizzazione del nostro patrimonio boschivo”.

Visite: 29