Enna Press

Testata giornalistica Online

STICCHI DAMIANI (ACI): “OSPITIAMO AL GP D’ITALIA DI F1 250 OPERATORI SANITARI

STICCHI DAMIANI (ACI): “OSPITIAMO AL GP D’ITALIA DI F1 250 OPERATORI SANITARI PER RENDERE OMAGGIO ALLO SFORZO DI TUTTA LA CATEGORIA CONTRO IL COVID-19”

Il presidente dell’Automobile Club d’Italia è intervenuto a Bergamo, insieme al presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile, Jean Todt, e al presidente della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC), Francesco Rocca, per sottolineare il lavoro svolto in tutto il mondo dalle squadre della Croce Rossa contro il Covid-19.

“Bergamo è un simbolo. Grande. Grandissimo, anzi. Non solo per l’Italia, ma per tutto il mondo. Simbolo della ferita più grande, ma anche della rinascita più grande”, è quanto dichiarato dal presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, intervenuto questa mattina a #KeepDistance&GoBetter, presso la Sede Croce Rossa Italiana Comitato di Bergamo, dove il presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile, Jean Todt, e il presidente della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC), Francesco Rocca, hanno reso omaggio al lavoro svolto in tutto il mondo dagli operatori della Croce Rossa per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

“La mano invisibile di questo nemico subdolo e letale – ha proseguito Sticchi Damiani – ha colpito qui più forte che altrove. Ma qui, ancora più forte che altrove, hanno lavorato le mani visibili di quanti lo hanno combattuto, lo hanno fermato e presto riusciranno a debellarlo. Penso, in particolare, a medici, infermieri, personale ospedaliero e della Croce Rossa che – da lunghi mesi, ormai – combattono in prima linea, spesso a rischio della loro stessa vita. Loro non vogliono essere chiamati eroi, anche se ciò che hanno fatto e stanno facendo è davvero eroico”.

“Queste persone – ha aggiunto il presidente dell’ACI – sono la parte migliore di noi. È soprattutto grazie a loro se Bergamo è diventata il simbolo dell’Italia che ce la fa. Per quanto sia dura l’avversità, riesce a rialzarsi e rimettersi in moto. Per questa ragione – nonostante, quest’anno, il Gran Premio di Monza si disputerà a porte chiuse – l’ACI ha deciso di invitare 250 di queste persone ad assistere alla gara. Mi auguro che le più alte cariche istituzionali saranno al fianco di ACI, FIA, piloti, team, tifosi e appassionati di tutto il mondo nel tributare a questi campioni di scienza, umanità e responsabilità l’applauso scrosciante che meritano”.

“Il 2020 – ha concluso Sticchi Damiani – rimarrà un anno indimenticabile. Facciam

Visite: 63

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *