Enna Press

Testata giornalistica Online

“Senza verità non c’è giustizia e non ci accontentiamo di brandelli” Sentenza di Cassazione omicidio Luigi Ilardo,

“Senza verità non c’è giustizia e non ci accontentiamo di brandelli”

Sentenza di Cassazione omicidio Luigi Ilardo,

Il primo ottobre la Corte Suprema di Cassazione esprimerà il giudizio definitivo nei confronti dei mandanti ed esecutori dell’omicidio di Luigi Ilardo, avvenuto a Catania il 10 maggio 1996.

L’udienza è prevista alle ore 10:00 e la sentenza è prevista intorno le ore 17:00, (i colleghi saranno preventivamente informati e possono contattarci ai numeri in calce)

Come mandanti, sono stati condannati in sentenza di appello, i boss Giuseppe Madonia, Vincenzo Santapaola, come organizzatore, Maurizio Zuccaro, e, come esecutore materiale, Orazio Benedetto Cocimano.

Un omicidio, quello di Luigi Ilardo, che rientra perfettamente nello schema dei tanti misteri italiani.

Perché la sua storia non è solo quella di un capomafia della provincia di Caltanissetta, come per tanti anni si è voluto far credere, ma è quella di un uomo che ha deciso di spezzare quel vincolo, diventando confidente del colonnello Michele Riccio.

Non è un caso se è stato ucciso pochi giorni prima di divenire definitivamente collaboratore di giustizia.

E’ un dato oggettivo che grazie alle sue dichiarazioni, sotto il nome di “fonte Oriente”, sono stati arrestati uomini di mafia di primissimo piano. Ed è altrettanto noto che il 31 ottobre 1995, sempre Ilardo portò i Ros a Mezzojuso, nel covo di Bernardo Provenzano.

Quel mancato blitz per procedere all’arresto del boss corleonese è uno dei capitoli bui della nostra storia se si considera che un evento simile, in quel periodo storico, avrebbe rotto il patto tra Cosa nostra e lo Stato.

“Binnu u tratturi” (così era chiamato Provenzano), verrà arrestato 11 anni dopo, partendo proprio da quelle indicazioni e tracce che lo stesso Ilardo aveva lasciato.

Nel suo contributo aveva anche fornito indicazioni sui rapporti tra mafia, politica ed anche quelli con la massoneria.

E’ chiaro, dunque, il motivo per cui Ilardo era scomodo. Ed è altrettanto evidente che qualcuno lo ha tradito. Chi? E perché?

La famiglia Ilardo in tutti questi anni è sempre stata tenuta in silenzio dalla società, non ricevendo mai un telegramma o altro e ha appreso casualmente dalla stampa lo status di collaboratore (mai ufficiale) di Luigi Ilardo, mai protetto dallo Stato, né da vivo, né da morto. Quello Stato che doveva proteggere un Uomo che aveva offerto un contributo importante per l’arresto di diversi boss.

Per riflettere su questi argomenti, la Famiglia Ilardo organizza una conferenza stampa sulla sentenza di Cassazione che si terrà venerdì 2 ottobre, alle ore 10.30 presso l’hotel DonnaLaura (Lungotevere delle Armi, 21 Roma).

Interverranno: Luana Ilardo, Felice Centineo a rappresentare lo Studio Legale Tamburello Avellone Centineo, avvocato della famiglia Ilardo, Giorgio Bongiovanni (direttore della Rivista ANTIMAFIADuemila), e, in video collegamento, Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo Borsellino e fondatore delle Agende Rosse.

Visite: 119

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *