Enna Press

Testata giornalistica Online

PREMIO GIORNALISTICO INTERNAZIONALE “CRISTIANA MATANO” La cerimonia di premiazione ha chiuso “Lampedus’amore”

PREMIO GIORNALISTICO INTERNAZIONALE
“CRISTIANA MATANO”
La cerimonia di premiazione ha chiuso “Lampedus’amore”
Filippo Mulè: “E’ stata l’edizione più difficile, quella delle sfide, ma alla fine siamo riusciti a dare continuità al Premio”
Una voce unica: Lampedusa non è razzista

Performace teatrali, musica d’autore e tante risate tenute insieme dalla solita, grande, emozione che accompagna le serate di “Lampedus’amore – Premio giornalistico internazionale Cristiana Matano”, organizzato dall’associazione Occhiblu onlus. Nonostante il Covid. Nonostante il vento. Graziano Piazza, Chiara Civello, Lello Analfino dei Tinturia, I Soldi Spicci, Gianfranco Jannuzzo, Tony Colapinto si sono alternati sul palco regalando momenti straordinari al pubblico presente in nome di Cristiana e del suo amore per l’isola delle Pelagie.
Salvo La Rosa, che ha presentato la serata finale con Ninfa Colasanto (La7), dice: “Sono felice di aver condotto per il quinto anno consecutivo il Premio dedicato a Cristiana in un posto magico come Lampedusa, luogo dell’anima e dell’accoglienza. Questa manifestazione ha qualcosa in più, viaggia sul filo delle grandi emozioni e vive sulla passione e l’amore di Filippo e Marta Mulè e su quella di tanti colleghi e amici di Cristiana. Non poteva esserci titolo più adatto di “Lampedus’amore”, perché è l’amore che lega tutta l’organizzazione. E che neppure il maestrale può fermare”.
Un riconoscimento speciale è andato alle eccellenze lampedusane, Tony Colapinto e Nino Taranto, e un altro alla Guardia Costiera, nel giorno triste del ritrovamento del corpo del sottufficiale della Guardia costiera di Milazzo, Aurelio Visalli.

Sul palco, oltre agli ospiti, i vincitori del Premio giornalistico internazionale “Cristiana Matano” con le loro storie toccanti, legate al tema dell’edizione 2020 “Lampedusa, Mediterraneo di pace: occhio del mondo sulla coesistenza fra i popoli”: sono Gustav Hofer (Arte Journal TV) per la stampa estera, Alice Martinelli (Italia1, Le Iene) e Giovanni Verga (L’Eco di Bergamo) per la stampa italiana, e Daniele Puggioni (La Nuova Sardegna), giornalista emergente.
Affidato a Filippo Mulè, presidente dell’associazione “Occhiblu onlus”, il commento finale: “E’ stata l’edizione più difficile, quella delle sfide, ma alla fine siamo riusciti a dare continuità al Premio e ad offrire una tre giorni ricca di contenuti, presenze prestigiose e momenti di riflessioni. Dalla tradizionale data di luglio siamo stati costretti a spostarci a fine settembre, mantenendo comunque il format degli anni precedenti con grande coraggio e impegno. Il bilancio non può che essere positivo, avendo offerto un programma che anche stavolta ha promosso il buon giornalismo e i valori della solidarietà, della coesione sociale, del dialogo e della cultura, in un mondo che invece sembra andare da un altro lato. Riprenderci ciò che ci appartiene, il gusto delle emozioni e della vita, è l’obiettivo in un tempo in cui non ci è consentito neppure di abbracciarci: vedere Piazza Castello gremita, nel rispetto delle ordinanze in vigore e del distanziamento anti Covid, ci ha ripagato dei sacrifici e ci ha confermato che la strada intrapresa è quella giusta”.
In mattinata, la sala convegni dell’aeroporto aveva ospitato il convegno dal titolo “Dall’accoglienza alla speranza: la nuova vita di Lampedusa, frontiera di pace” con un dibattito su informazione, solidarietà e impegno sociale, organizzato con il patrocinio dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, della Federazione Nazionale della Stampa, di Assostampa Sicilia e Palermo. Moderati da Elvira Terranova (AdnKronos) sono intervenuti, il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello, il giornalista e scrittore Gaetano Savatteri, il parroco di Lampedusa, don Carmelo La Magra, l’attore e regista Graziano Piazza, e il presidente del Comitato 3 ottobre Tareke Brhane. “Accogliere – ha spiegato don Carmelo La Magra – significa tenere al centro la persona, per questo non è possibile che 1500 persone stiano in una gabbia come l’hotspot di Lampedusa. Il problema è che si gestisce tutto come un’emergenza senza tenere conto della persona nel fare leggi e progetti. Un punto di partenza per Lampedusa non può che essere quello di tornare ad avere a cuore la singola persona”.
Per l’eurodeputato Pietro Bartolo “dobbiamo lavorare perché queste persone possano arrivare attraverso i canali regolari, i corridoi umanitari, il nostro mare bellissimo ma non perdona. Abbiamo il dovere di accoglierli e di aiutarli per restituire loro un centesimo di quello che il mondo occidentale gli ha tolto. Sono dispiaciuto perché qualcuno fomenta odio e rancore: Lampedusa non è quella che fanno apparire, Lampedusa è un’isola di pescatori e tale deve rimanere”. Il sindaco Martello sottolinea: “L’Italia non mostra a Bruxelles una linea compatta, non ha una posizione forte sul fenomeno migratorio. Si va avanti per slogan che servono a tappare buchi momentanei senza affrontare l’argomento, servono solo a spostare l’attenzione. Servono decisioni che vadano al di là dell’appartenenza politica perché incidono sull’intera Europa, dove non esiste una politica nei confronti dei paesi rivieraschi. Non sono cambiati i lampedusani, è cambiata la società italiana, di cui Lampedusa fa parte. E’ cambiata la percezione che abbiamo noi del fenomeno migratorio rispetto a chi sta a Roma o a Bruxelles”. Savatteri: “Il nostro è un Paese in cui da 40 anni viviamo in emergenza su tutto, dalle mafie al terrorismo. Ogni emergenza ne scaccia via un’altra. Quella migratoria è una questione secolare che resterà tale se si tenta di arginarla dentro regole di tipo costrittivo. Come si fa a eliminare questa necessità di emergenza? Dovremmo ragionare su questo vizio dell’emergenza continua. Che dopo anni, diventa storia”.

PARTNER – L’evento è organizzato con il patrocinio del Parlamento Europeo, della Camera dei Deputati, della Regione Siciliana (Assessorato Turismo, Sport e Spettacoli), dei Comuni di Lampedusa e Palermo, dell’Ordine dei Giornalisti e della Federazione Nazionale della Stampa, Assostampa Sicilia e Palermo.

SPONSOR – Unicredit, Sicilia Outlet Village, Dat Voli di Sicilia, Coldiretti, Oleum, Newtron Group, Fiasconaro, Mandrarossa.

Visite: 106

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *