Enna Press

Testata giornalistica Online

LA FURBIZIA NON PAGA SEMPRE – di Angiolo Alerci

LA FURBIZIA NON PAGA SEMPRE
Nell’agosto scorso, al centro delle ferie estive, Matteo Salvini tenendo conto dei sondaggi che davano la Lega intorno a l 35%, tentò la carta della crisi di Governo nella convinzione che l’ impossibilità della formazione creazione di un nuovo governo avrebbe determinato la necessità di nuove elezioni.
Le cose da lui previste, purtroppo per lui, non si realizzarono e da allora non fa che piangere per il suo autogol.
Sarà forse il nome Matteo a creare situazioni simili, dal momento che l’altro Matteo, Renzi, ha posto in atto una sua strategia suicida.
E’ stato lui l’artefice della creazione di questo governo, facendo superare le notevoli perplessità esistenti all’interno del suo partito.
Dopo avere fatto la sua “frittata” esce dal P.D. creando Italia Viva, per assumere autonomamente posizioni di chiara apposizione, sottolineate col suo modo arrogante di porgerle, dimostrando notevole avversità nel rapporto con quel Movimento 5 Stelle da lui stesso voluto.
La strategia miope di Renzi è stata quella di sostenere la creazione del nuovo Governo per la paura che eventuali elezioni avrebbero potuto cancellarlo dalla scena politica.
Oggi tira continuamente la corda nella speranza che non si spezzi,
senza considerare che la pazienza ha un limite e che la sua rappresentanza, in questo particolare momento, potrebbe non essere determinante.
Caro Matteo valuta bene tutte le mosse e cerca di evitare di commettere un autogol ,come quello commesso nell’agosto scorso dall’altro Matteo, che ancora ne piange le conseguenze.
angiolo alerci

Visite: 17