Enna Press

Testata giornalistica Online

Il Pd ennese sul commissariamento del Comune di Barrafranca

La decisione del Consiglio dei Ministri di sciogliere il Comune di Barrafranca costituisce una profonda ferita per l’intera comunità. Lo Stato ha però il dovere di intervenire con provvedimenti forti laddove si registrano forme di ingerenza della criminalità organizzata che interferisce nella gestione della cosa pubblica e compromette il buon andamento dell’azione amministrativa di un ente locale. Nel ringraziare per il complesso lavoro svolto la Prefettura di Enna, la magistratura e le forze dell’ordine, ci auguriamo che le autorità competenti facciano presto piena luce su quanto accaduto negli ultimi anni a Barrafranca restituendo piena fiducia ai cittadini nelle istituzioni rispetto alle gravi opacità riscontrate.
La comunità barrese è fatta da tantissime persone oneste e laboriose che nei momenti più difficili del suo passato hanno sempre trovato la forza di rialzarsi e siamo certi accadrà anche in questo caso.
Il Partito Democratico è molto impegnato sul versante della legalità e contro ogni forma di oppressione mafiosa e non farà mancare il proprio supporto ai militanti e ai dirigenti locali del partito che, insieme alla società civile e alle tante persone perbene cui sta a cuore il bene comune, saranno impegnati, durante e dopo la gestione commissariale, nella difficile opera di ricostruzione morale e materiale della cittadina ennese.
Lo dichiarano in una nota congiunta Vittorio Di Gangi, segretario provinciale del PD di Enna, e Fabio Venezia, Presidente provinciale del partito e componente della Segreteria regionale del PD.

Visite: 53

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *