Enna Press

Testata giornalistica Online

Enna il sindaco firma ordinanza per la riapertura del Cimitero

Apertura al pubblico del Cimitero Comunale in recepimento dell’Ordinanza
contingibile e urgente n. 18 del 30 aprile 2020 del Presidente della Regione
Siciliana.
I L S I N D A C O
VISTI gli articoli 32, 117 e 118 della Costituzione della Repubblica Italiana;
VISTO l’art. 50 del D.Lgs. n. 267/2000;
VISTO l’art. 51 del D.P.R. n. 285 del 10 settembre 1990 che stabilisce che “la
manutenzione, l’ordine e la vigilanza dei cimiteri spettano al Sindaco”;
VISTA la legge 23 dicembre 1978, n. 833, recante “Istituzione del Servizio sanitario
nazionale” e, in particolare, l’articolo 32 (Funzioni di igiene e sanità pubblica e di
polizia veterinaria) che prevede che il Sindaco possa emettere ordinanze di carattere
contingibile e urgente, in materia di igiene e sanità pubblica e di polizia veterinaria,
con efficacia estesa al territorio comunale;
VISTA la delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato
dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al
rischio sanitario connesso all’ insorgenza di patologie derivanti da agenti virali
trasmissibili;
VISTO il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante “Misure urgenti in materia di
contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID -19”, convertito,
con modificazioni nella legge 5 marzo 2020, n. 13;
VISTO il decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9, recante “Misure urgenti di sostegno per
le famiglie, lavoratori e imprese connesse all’ emergenza epidemiologica da COVID-
19”;
C I T T À D I E N N A
VISTO il decreto-legge 8 marzo 2020, n. 11, recante “Misure straordinarie ed urgenti
per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenere gli effetti
negativi sullo svolgimento dell’attività giudiziaria”;
VISTO il decreto legge 9 marzo 2020, n. 14, recante “Disposizioni urgenti per il
potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all’emergenza COVID-
19”;
VISTO il decreto legge 17 marzo 2020, n. 18, recante “Misure di potenziamento del
Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e
imprese connesse all’ emergenza epidemiologica da COVID-19”;
VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 59 dell’8 marzo 2020;
VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 9 marzo 2020, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 62 del 9 marzo 2020;
VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 64 dell’11 marzo 2020;
VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° aprile 2020, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 2 aprile 2020;
VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 aprile 2020, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 108 del 27.04.2020;
VISTE altresì le ordinanze del Ministro della Salute del 20.03.2020 e del Ministro
della Salute di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del
28.03.2020;
CONSIDERATI l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere
particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio
nazionale;
VISTE le ordinanze contingibili e urgenti n° 1 del 25 febbraio 2020, n° 2 del 26
febbraio 2020 e nn° 3 e 4 del 08.03.2020, n° 5 del 13.3.2020, n° 6 del 19.03.2020, n°
7 del 20.03.2020, nn° 8, 9 e 10 del 23.03.2020, n° 11 del 25.03.2020 e n° 13 del
C I T T À D I E N N A
01.04.2020 adottate dal Presidente della Regione Siciliana ai sensi dell’art.32, comma
3, della legge 23 dicembre 1978, n.833 in materia di igiene e sanità pubblica recanti
misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-
2019;
VISTA l’ordinanza contingibile e urgente n° 14 del 03.04.2020 del Presidente della
Regione Siciliana che, nel dettare ulteriori misure per la prevenzione e gestione
dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, al fine di un coordinamento con le
disposizioni nazionali, ha abrogato tutte le precedenti ordinanze presidenziali
contingibili ed urgenti ad eccezione delle ordinanze del Presidente della Regione
Siciliana n° 5 del 13.3.2020, n° 7 del 20.03.2020 (ad eccezione dell’art.3 comma 5
che è abrogato dalla citata ordinanza n° 14) e n° 10 del 23.03.2020;
VISTE le ordinanze contingibili e urgenti n° 15 del 08.04.2020 e n° 16 del
11.04.2020 del Presidente della Regione Siciliana la quale ha prorogato, sino alla data
del 3 maggio, l’efficacia delle disposizioni di cui alle ordinanze del Presidente della
Regione Siciliana n° 5 del 13.3.2020, n° 7 del 20.03.2020 (con la sola eccezione
dell’art.3 comma 5 già abrogato), n° 10 del 23.03.2020 e dell’art.3 dell’ordinanza
contingibile e urgente n° 14 del 03.04.2020 del Presidente della Regione Siciliana;
VISTA l’ordinanza contingibile e urgente n° 17 del 18.04.2020 del Presidente della
Regione Siciliana che, nel dettare ulteriori misure per la prevenzione e gestione
dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, ha disposto il recepimento di
disposizioni nazionali (art.1), specifiche misure di attuazione del D.P.C.M. del
10.04.2020 nel territorio regionale (artt.2, 3, 4 e 5), misure di contenimento del
contagio nella cd. zone rosse (art.6), misure per lo svolgimento delle attività
produttive (artt.7 e 8) e misure in materia di prevenzione sanitaria (artt.9, 10, 11 e 12)
che trovano attuazione in Sicilia dal 19 aprile al 3 maggio compreso;
VISTA l’ordinanza contingibile e urgente n° 18 del 30.04.2020 del Presidente della
Regione Siciliana che, nel dettare ulteriori misure per la prevenzione e gestione
dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, ha abrogato tutte le precedenti
ordinanze presidenziali contingibili ed urgenti, rimanendo in vigore esclusivamente le
disposizioni esplicitamente richiamate nella stessa, e ha disposto il recepimento di
disposizioni nazionali (art. 1), misure specifiche di attuazione del D.P.C.M. 26 aprile
2020 (artt. 2 – 8), misure urgenti per lo svolgimento delle attività produttive ( artt. 9
e 10), misure urgenti in materia di prevenzione sanitaria (artt. 11 – 16);
C I T T À D I E N N A
PRESO ATTO che la disposizione di cui all’art. 7 dell’ordinanza presidenziale della
Regione Siciliana n. 18 attribuisce la facoltà ai sindaci di effettuare l’apertura dei
cimiteri, a condizione che possano essere assicurate adeguate misure organizzative
per evitare l’assembramento di visitatori e per garantire la distanza interpersonale;
CONSIDERATE le misure organizzative previste, finalizzate ad evitare
l’assembramento di visitatori e a garantire la distanza interpersonale di cui alla
presente disposizione;
D I S P O N E
l’apertura ai visitatori del Cimitero Comunale, nel rispetto delle norme
comportamentali di seguito indicate:
1) i visitatori dovranno essere muniti di idonea mascherina protettiva e,
preferibilmente, di guanti;
2) dovrà essere mantenuta la distanza interpersonale di 1 metro in qualunque caso di
interazione sociale;
3) l’accesso all’area cimiteriale potrà avvenire in maniera contingentata, a turni, per
una capienza massima contemporanea, all’interno dell’area cimiteriale, di 60
persone;
4) è consentito l’ingresso di n. 2 persone per volta manifestanti al personale comunale
preposto la volontà di visitare il medesimo luogo di sepoltura, ciò al fine di evitare
assembramenti nelle adiacenze dello stesso e creare le condizioni necessarie al
mantenimento della dovuta distanza interpersonale;
5) la durata massima della visita consentita è stabilita in 30 minuti, al fine di
consentire un adeguato ricambio degli ingressi ed evitare lo stazionamento
dell’utenza all’esterno dell’area cimiteriale;
6) resta fermo l’obbligo ai visitatori di rispettare quanto previsto dall’art. 63 del
Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con deliberazione del consiglio
comunale n. 62 del 17.12.2007 e ss.mm.ii., con particolare riferimento all’ingresso
delle autovetture;
C I T T À D I E N N A
7) al fine di consentire il coordinamento da parte del personale comunale dei
visitatori, l’accesso all’area cimiteriale è consentito dal lunedì al sabato dalle ore
08:30 alle ore 12:30 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00;
8) resta fermo quanto disposto ai commi 2, 3 e 4 dall’art. 62 del Regolamento di
Polizia Mortuaria approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 62 del
17.12.2007 e ss.mm.ii;
9) le cerimonie funebri sono consentite esclusivamente alla presenza dei congiunti
(come definiti da FAQ), nel numero massimo di quindici persone, con funzione da
svolgersi preferibilmente all’aperto e con l’obbligo di indossare mascherine
protettive e di rispettare le misure di distanziamento;
10) resta fermo l’obbligo in capo ai destinatari della presente ordinanza di
rispettare le disposizioni normative vigenti in materia di contenimento del contagio
e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 ed il loro
assoggettamento alle sanzioni di legge;
11) la Polizia comunale, e le altre Forze per legge tenutevi, provvederanno a fare
rispettare la presente ordinanza, emanata in conformità alla disciplina nazionale e
regionale in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da
COVID-19, la cui mancata osservanza comporterà le conseguenze sanzionatorie
previste dalla legge vigente.
12) la presente ordinanza ha efficacia dal giorno della sua pubblicazione nel sito
istituzionale del Comune di Enna, con valore di notifica individuale a tutti gli
effetti di legge, e sino al permanere delle condizioni sanitarie fin qui registrate
nonché alla validità dell’ordinanza contingibile e urgente n° 18 del 30.04.2020 del
Presidente della Regione Siciliana, ed è comunicata alle Autorità a cui la
comunicazione è dovuta.
IL SINDACO
f.to Avv. Maurizio Dipietro

Visite: 14