Enna Press

Testata giornalistica Online

Emergenza Coronavirus: il Sindaco di Assoro Antonio Licciardo "Immediata convocazione della Commissione permanente dei Sindaci del Distretto Sanitario"

Utilizzare l’ospedale Ferro Capra Branciforti di Leonforte solo ed esclusivamente per l’emergenza Coronavirus. E’ ancora una volta la richiesta che avanza il sindaco di Assoro Antonio Licciardo e che già insieme ai suoi colleghi di Leonforte Carmelo Barbera, Nissoria Armando Glorioso e Agira Maria Greco aveva fatto nei giorni scorsi. Licciardo in un documento inviato ai vertici dell’Asp, e per conoscenza al Prefetto Matilde Pirrera, al presidente della Conferenza dei Sindaci il sindaco di Enna Maurizio Dipietro ed a tutti gli altri primi cittadini evidenzia ancora una volta come l’epidemia di Coronavirus in provincia di Enna abbia una particolare incidenza in un territorio dei comuni in particolare di Assoro, Leonforte ed Agira. Un diffondersi dell’epidemia che potrebbe mettere in sofferenza la capacità della rete ospedaliera provinciale. E proprio per questo motivo sarebbe opportuno utilizzare la struttura di Leonforte dedicandola solo all’epidemia del Covd – 19, anziche ipotizzare utilizzo di altri immobili presenti in provincia e da dover adattare alla meno peggio con tempi per l’utilizzo non certo brevi con costi da sopportare per la collettività. Licciardo chiede che venga convocata una video conferenza permanente dei sindaci per fare il punto della situazione in modo da ottimizzare al meglio le risorse e capire se ci sono punti di criticità nell’organizzazione complessiva della macchina sanitaria.
ecco il testo integrale della lettera inviata
Oggetto: Richiesta chiarimenti urgenti in merito alla situazione sanitaria dei comuni del territorio della ex provincia di Enna rientranti nel distretto sanitario ASP 4 di Enna.
Lo sviluppo dell’epidemia da covid-19 nel territorio della provincia di Enna e la particolare incidenza nei territori dei comuni di Assoro, Agira, Leonforte desta molta precauzione, inoltre si evidenza un aumento importante di altri soggetti che risultano, anche in altri comuni, interessati dai sintomi dell’epidemia in corso.
La preoccupazione è quella di un aumento importante di soggetti affetti da questa patologia tale da destare allarme sociale nei comuni del distretto per la capacità della nostra rete ospedaliera e delle attività connesse, non solo alla gestione dell’epidemia da Covid-19, ma anche della gestione di tutte le altre attività svolte all’interno degli ospedali e in particolare l’ospedale di Enna (reparti di medicina, chirurgia, neonatologia, ostetricia, ecc). la gestione di tutte le altre patologie potrebbe essere messa a rischio per effetto di una contaminazione di altre aree dell’ospedale.
Ecco perché, abbiamo chiesto come sindaci del comprensorio del distretto sanitario di Agira, interpretando il sentimento di altri sindaci, che potenziare e separare la gestione dell’epidemia da Covid-19, è fondamentale ed urgente.
L’ospedale di Leonforte continua ad essere una risorsa inutilizzata di un ospedale aperto e non utilizzato, mentre non si comprende la ricerca di altre strutture che non sono ospedali e andrebbero adattai alla meno peggio per lo scopo con un maggior aggravio di costi per la Sanità pubblica.
A tale proposito, rivolgendo l’invito al Sindaco di Enna che legge la presente per conoscenza, sarebbe utile convocare la conferenza (in videoconferenza) permanente dei Sindaci del distretto sanitario, ai sensi del decreto legge n 10 del 9 ottobre 2008, per definire e comprendere con il supporto delle autorità sanitarie:
● Quali sono i piani previsti per la gestione delle criticità che si stanno verificando nel territorio
● Se il numero dei posti letto a disposizione è sufficiente rispetto alle previsioni di casi positivi e se no quali piani si sta provvedendo a mettere in atto.
● Se le strutture sanitarie sono sufficienti a contenere i ricoveri attuali e futuri della provincia e se no quali piani si sta prevedendo di mettere in atto.
● Se gli altri reparti presenti nell’ospedale di Enna e delle altre strutture Sanitarie non corrono pericolo di contagio alcuno.
● Se le ambulanze medicalizzate sono sufficienti per il territorio e in che tempi intervengono dalla segnalazione.
● Come è possibile che per l’esito dei tamponi sia necessario aspettare diversi giorni anche fino a 4/5 giorni e se non è il caso di provvedere ad approntare un laboratori direttametne nel nostro territorio.
● Come è possibile che ancora non siano stati eseguiti i tamponi a domicilio delle persone entrate in contatto con soggetti positivi.
● In che tempi vengono eseguite le comunicazioni da parte dell’ASP ai soggetti posti in quarantena fiduciaria
● Se è possibile emettere un report giornaliero, da comunare direttamente ai Sindaci, che tenga conto di:
1. Numero di tamponi eseguiti per comune
2. Numero di soggetti ricoverati per comune
3. Numero di soggetti in quarantena per comune
4. Numero di tamponi a domicilio da eseguire ed eseguiti per comune
5. Numero di soggetti guariti per comune
6. Numero di soggetti deceduti per comune
Si resta in attesa di un cortese ed urgente riscontro in merito.
Cordiali Saluti
Assoro, 23 marzo 2020
Sindaco di Assoro
Dott. Antonio Licciardo

Visite: 6