Enna Press

Testata giornalistica Online

] DDL Beni culturali. Fava “Governo non sa che dire o non vuole fare sapere”

] DDL Beni culturali. Fava “Governo non sa che dire o non vuole fare sapere”
“Se un disegno di legge riceve 500 emendamenti vuol dire che non è emendabile ma che va integralmente riscritto. E’ quello che ho chiesto già nei giorni scorsi e che ho ribadito oggi in Commissione cultura, proponendo – inascoltato – di ritirare la proposta”.

Lo dichiara il Presidente della Commissione antimafia dell’Ars, Claudio Fava, secondo il quale “c’è il rischio che, dietro partendo dal legittimo obiettivo di semplificare procedure e burocrazia, si finisca con lo scardinare tutto il sistema dei vincoli posti a salvaguardia del patrimonio paesaggistico, artistico e culturale della Sicilia. Questi aprirebbe la strada a speculazioni di ogni tipo e saccheggi del territorio fuori da ogni controllo”.

Per Fava, inoltre “è grave l’assenza del neo assessore ai Beni Culturali, Samonà.
Se il Governo decide di non confrontarsi con il Parlamento su una materia così sensibile, delle due l’una: o non sa cosa dire o preferisce non far sapere”.

Visite: 15