Enna Press

Testata giornalistica Online

Cronache Tavachine di Gabriella Grasso

Il sindaco di Catania Pogliese è stato condannato a 4 anni e 3 mesi per peculato
nell’ambito del processo “spese pazze” su rimborsi all'Assemblea regionale Siciliana,
mentre ricopriva la carica di vice presidente del gruppo del Pdl nella legislatura tra il
2008 e il 2012. Pogliese è stato dichiarato “interdetto in perpetuo dai pubblici uffici” ed
è stata ordinata “la confisca del profitto del reato di peculato continuato”. Il Prefetto di
Catania lo ha sospeso dalla carica di primo cittadino per diciotto mesi in ottemperanza
alla legge Severino e il comune è passato alla guida dal vice sindaco Bonaccorsi, ma le
opposizioni chiedono le dimissioni di Pogliese e il ritorno alle urne .“Non posso
nascondere enorme amarezza e grande delusione per una sentenza che trovo
assolutamente ingiusta. Ma da uomo delle istituzioni la devo accettare e rispettare”
afferma Pogliese. L’opportunità è necessaria all’attore politico, che dovrebbe scandire
ogni suo comportamento sulla base del principio di trasparenza e correttezza. Pre
requisiti fondamentali e categorie di azione evocate costantemente dagli uomini delle
istituzioni, che non dovrebbero mai applicare un doppio indirizzo giurisprudenziale e
invece anche nell’affaire Pogliese si leggono dichiarazioni di cautela e di fiducia per
l’operato di un uomo, che se avesse rivestito altre casacche o se non avesse indossata
nessuna, sarebbe già stata condannato dalla moralità imperante di chi evoca Dio,
Patria e Giustizia a ogni piè sospinto.
Gabriella Grasso

Visite: 143

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *