Enna Press

Testata giornalistica Online

Coronavirus, Milazzo (FI-PPE) al Governo nazionale e Prefetti: “Fermate il flusso di persone sullo Stretto, la sanità siciliana così rischia il collasso”

Coronavirus, Milazzo (FI-PPE) al Governo nazionale e Prefetti: “Fermate il flusso di persone sullo Stretto, la sanità siciliana così rischia il collasso”
Bruxelles, 23/03/2020: Con una missiva inviata al Ministro della Salute, on. Roberto Speranza, al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese e ai Prefetti di Palermo, Messina, Catania e Reggio Calabria, l’eurodeputato del Partito Popolare Europeo, on. Giuseppe Milazzo, fa appello alle Istituzioni affinché si blocchi il flusso incontrollato di persone che dalla Calabria si imbarcano alla volta della Sicilia.
“Non è sicuramente mio compito – scrive l’Eurodeputato – giudicare l’irresponsabilità di questi concittadini, ma scrivo a voi per un richiamo, con la massima urgenza affinché si controlli, e quando necessario bloccare tale flusso, in ottemperanza ai DPCM, in particolare a quello del 22 marzo 2020, che introduce ulteriori misure restrittive in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale e che fa divieto a tutte le persone fisiche di spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute”.
“Un flusso indiscriminato e non controllato sullo Stretto di Messina – conclude l’Esponente del PPE – comporterebbe l’accelerazione della diffusione del virus in Sicilia, una circostanza che avrebbe effetti nefasti per la sanità dell’Isola, la quale ad oggi, non sarebbe in grado di affrontare un contagio come quello che si assiste in altre regioni del Nord del Paese. Vi chiedo dunque, in qualità di Rappresentante del popolo siciliano presso il Parlamento europeo, di agire con la massima urgenza per scongiurare un’ulteriore propagazione del virus con annessi devastanti effetti che ciò avrebbe”.

Visite: 13