Enna Press

Testata giornalistica Online

Coronavirus e crisi economica delle associazioni di volontariato: i volontari dell'Unitalsi "Serve un grande sforzo per manentere in vita questa importante realtà"

Un grande sforzo per mantenerla in vita. E’ quello che chiedono i suoi volontari per l’Unitalsi una importante associazione di volontariato che che si occupa di ammalati e disabili e li accompagna in pellegrinaggio a Lourdes, Fatima, Siracusa, ecc… oltre realizzare tante attività in città coinvolgendo queste persone.
“Purtroppo, in questo momento la situazione della nostra associazione è DISPERATA a causa dello stop forzato dei pellegrinaggi, della giornata nazionale e di tutte le altre attività di autofinanziamento che hanno bloccato quelle entrate che consentono di pagare le spese per le utenze, le strutture come le case famiglia, le precedenti fatture, ecc.. insomma di far funzionare l’ UNITALSI – scrive un volontario Unitalsi – È necessario un grande sforzo per mantenere VIVA l’Unitalsi (perché di questo si tratta) da parte di tutti. Siamo perfettamente consapevoli che questo sforzo é ancora più grande e difficile da chiedere perché non è ancora passata del tutto l’emergenza sanitaria in cui abbiamo pianto o temuto morti e malattie e stiamo entrando in pieno in un’emergenza economica che coinvolgerà (se non l’ha già fatto) tanti di noi. Ma non abbiamo alternative: d’altronde stiamo sperimentando che proprio in questo periodo l’Italia si sta distinguendo per tanti gesti di solidarietà.
Mi rattrista tantissimo pensare di dover interrompere la storia ultracentenaria dell’UNITALSI, ma ancora di più castrare il suo futuro e deludere le persone e gli ammalati che l’UNITALSI non ha ancora accompagnato

Visite: 45