Enna Press

Testata giornalistica Online

Caltagirone: 41 contagi in casa di riposo: Cgil e categorie denunciano responsabilità della politica. “Non bastano vademecum e decreti se poi non si attuano”

Caltagirone: 41 contagi in casa di riposo: Cgil e categorie denunciano responsabilità della politica. “Non bastano vademecum e decreti se poi non si attuano”
Palermo, 23 aprile- Sulla vicenda della casa di riposo di Caltagirone, che ha registrato 41 contagiati da Covid-19, intervengono la Cgil, lo Spi, la Filcams e la Funzione pubblica regionali e del calatino, puntando il dito sulle “responsabilità del governo regionale e delle Asp che sottostanno al proseguire dei contagi nelle strutture per anziani e soggetti fragili”. “ Non bastano- dice la nota sindacati- i decreti e i vademecum se poi questi non vengono attuati pienamente e se non si vigila sulla loro attuazione. Fatto è – sottolinea la Cgil con le sue federazioni di categoria- che il rischio di stragi silenziose nelle strutture per anziani e soggetti deboli prosegue, nonostante le iniziative che come sindacato abbiamo messo in campo”. Nelle scorse settimane la Cgil Sicilia con i sindacati di categoria ha chiesto interventi per garantire la sicurezza di operatori e utenti-pazienti di rsa, e di ogni struttura che ospita anziani e disabili, alla luce anche dell’andamento dei contagi. L’assessorato alla salute ha successivamente emanato un vademecum che contiene procedure di verifica sanitaria, controlli, sanificazione e distanziamento sociale. “Temiamo che in molte casi – denuncia il sindacato- quanto indicato sia rimasto sulla carta. All’assessore Razza sollecitiamo dunque il confronto, cosa che non c’è stato prima del varo del vademecum , benchè chiesto, ma che ora si rende quanto più necessario per verificarne i contenuti, lo stato di attuazione e fare in modo da mettere realmente in sicurezza le strutture per anziani”. La Cgil chiede ad esempio se “sono stati fatti i tamponi a tappeto che il sindacato aveva richiesto, così come i controlli. E’ questo l’unico modo- sottolinea la nota- per creare condizioni di sicurezza: vigilare per potere prevenire”.

Visite: 12