Enna Press

Testata giornalistica Online

accini. Avvisi delle aziende creano discriminazioni tra infermieri e medici

Vaccini. Avvisi delle aziende creano discriminazioni tra infermieri e medici

Spett.le,
sono stati pubblicati di recente dalle aziende sanitarie, ospedaliere e ospedaliere universitarie della regione avvisi per il reclutamento di personale medico e infermieristico per lo svolgimento di prestazioni aggiuntive finalizzate all’effettuazione delle vaccinazioni anti Covid presso i centri vaccinali. Restiamo sconcertati davanti gli avvisi pubblicati in quanto prevedono per i medici compensi orari doppi rispetto a quelli degli infermieri, ad esempio alcune aziende prevedono 60 euro per i medici e 30 per gli infermieri. Tutto ciò è irragionevole, la FSI-USAE non riesce a capire quali siano i criteri di tali scelte e quali siano le ragioni per cui gli infermieri siano trattati come professionisti di serie B. Forse l’iniezione sottocutanea è una procedura che richiede delle ‘‘mani di fata’’ che gli infermieri non hanno? I medici secondo diversi rapporti nazionali ed europei non si possono di certo lamentare, anzi non possono che sorridere guardando le proprie tasche. Riteniamo la scelta della Regione Siciliana anomala e discriminante, gli infermieri si sono resi disponili a partecipare alla campagna vaccinale anti Covid pertanto per difendere la loro dignità e per salvaguardare la salute di tutti i cittadini chiediamo che vengano utilizzati gli stessi criteri applicati per il medico. Tanto si doveva.

Visite: 76

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *