Enna Press

Testata giornalistica Online

Spostato il Southern Series Festival a causa del Coronavirus "Lavoriamo alla prima edizione, ma a luglio una prima sorpresa!"

Spostato il Southern Series Festival
a causa del Coronavirus
“Lavoriamo alla prima edizione,
ma a luglio una prima sorpresa!”
Il Southern Series Festival, primo Festival del Sud Italia interamente dedicato alle Serie TV rallenta ma non si ferma. Il direttore artistico Jacopo Genuardi rassicura “L’attuale situazione sanitaria non ci permette di organizzare serenamente la prima edizione del Festival, che per noi dev’essere un momento di condivisione e di festa.
Nonostante le date dell’evento (previsto originariamente per luglio 2020) non rientrino nel periodo di sicurezza previsto dall’ultimo dpcm, abbiamo preferito rimandare a data da destinarsi per garantire la sicurezza dei partecipanti e la serenità dell’evento.”
A luglio però, è in programma una sorpresa! “Non vogliamo anticipare nulla, ma siamo già al lavoro per regalare due momenti di anticipazione rispetto al Festival vero e proprio: uno si svolgerà proprio a luglio ed un altro a dicembre.
Sarà un’occasione per stare insieme e non perdere l’entusiasmo che ha sempre contraddistinto i partecipanti dei nostri eventi, aspettando la prima edizione di un evento al quale lavoriamo già da un anno!” ci anticipa Simone Dei Pieri, direttore di produzione del Festival.
Due ‘short edition’ quindi, ridimensionate nei numeri e nel programma, che porteranno in Sicilia ospiti e serie TV, nonché qualche anticipazione (o spoiler, come si dice in gergo) in vista della prima edizione dell’attesissimo Southern Series Festival.
Sono previsti inoltre degli spazi agevolati per chi volesse partecipare come sponsor, così da sostenere attivamente il rilancio delle aziende del territorio dopo un periodo di forte crisi quale quello che sta vivendo l’intero Paese.
In tal senso l’organizzazione ribadisce che “si tratta di un modo per dare una mano, nel nostro piccolo, a tutto il tessuto imprenditoriale che soprattutto nel settore culturale sta soffrendo questa chiusura forzata.”

Visite: 13