Enna Press

Testata giornalistica Online

Orbisphera.it: Il nuovo mondo che sta nascendo

Il nuovo mondo che sta nascendo

Era il 1920 quando, dopo la Prima Guerra mondiale, l’Europa ed il mondo dovettero affrontare la peggiore pandemia della storia. L’influenza “spagnola” (virus A sottotipo H1N1) infettò 500 milioni di persone – pari a un quarto della popolazione mondiale – producendo 50 milioni di morti. Una pandemia che fece più vittime della “peste nera” del XIV secolo. Sintomi e conseguenze dell’influenza spagnola – come mal di testa, difficoltà respiratoria, tosse, febbre alta, polmonite – sono molto simili al coronavirus che, a cento anni di distanza, ha colpito il mondo. Allora, come oggi, il mondo iniziò a discutere su come avviare la ricostruzione cercando di superare e risolvere le tante cause che avevano scatenato il conflitto mondiale, e che avevano indebolito la popolazione al punto tale da essere falcidiata dal virus. Era evidente che bisognava cambiare il paradigma politico, economico, culturale e scientifico. Tuttavia i gruppi più illuminati fallirono e il mondo vide l’emergere di ideologie dittatoriali e violente. I problemi non furono risolti e, anzi, il sistema mantenne in vita il modello economico utilitarista che legittimava lo sfruttamento sistematico delle risorse, il colonialismo, lo schiavismo e il razzismo, con il risultato che, nel giro di vent’anni, si scatenò il secondo conflitto mondiale, il più sanguinoso della storia. Oggi il mondo si trova ad affrontare i medesimi problemi: pandemia, crisi economica, ideologie politiche discriminatorie, violente e razziste. Una cultura diffusa dell’odio ed un continuo rischio di conflitti regionali che potrebbero innescare un nuovo conflitto mondiale. Si avverte il rischio che tutto possa implodere, ma molti sostengono che le crisi multiple che stanno opprimendo l’umanità potrebbero rivelarsi una opportunità per costruire un mondo nuovo, dove la giustizia, la verità e la bellezza possano governare. La grande differenza – rispetto al 1920 – è che, dal punto di vista culturale, economico, scientifico, tecnologico e sociale, esiste oggi una coscienza di popolo: un’aggregazione planetaria di tipo civile e comunitario che può essere in grado di superare la crisi sistemica ed operare per la costruzione di un mondo migliore. Le linee portanti su cui operare il cambiamento d’epoca si stanno sviluppando all’interno di governi e organismi internazionali, e sono molto simili a quelle indicate da Papa Francesco. Fin dall’inizio del suo pontificato, infatti, il Pontefice ha invitato ad una “rivoluzione della tenerezza” per sconfiggere la cultura dell’odio, dello scontro, della violenza fisica e verbale. Ha scritto l’enciclica Laudato si’ per superare la contrapposizione tra ecologisti neomalthusiani e sviluppisti predatori, proponendo un’armonica alleanza tra l’umanità e il Creato per uno sviluppo sostenibile ed una economia circolare. Un programma, quello della Laudato si’, che ha trovato il sostegno delle Nazioni Unite con l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e della Commissione Europea con il “Green New Deal”. In merito all’economia, il Papa ha proclamato in tutti continenti che il denaro deve servire e non governare. Si è contrapposto ai modelli che praticano le guerre commerciali e la cultura dello scarto. Ha sostenuto la necessità di un modello economico francescano, basato sulla cultura dell’incontro, della condivisione e della fratellanza. Per difendere la pace, si è opposto ad ogni muro, costruendo ponti, ricucendo strappi, superando divisioni e ostracismi, proponendo la collaborazione con tutte le religioni e indicando la pacificazione, il perdono e l’aiuto ai poveri come finalità primarie. Il programma di Papa Francesco noi di “Orbisphera” lo testimoniamo, lo sosteniamo e lo alimentiamo, raccontando ogni giorno la buona novella. Aiutaci nella costruzione della civiltà dell’amore, leggici e sostienici: https://www.orbisphera.org/It/Donazioni (Antonio Gaspari, direttore Orbisphera)

Visite: 73

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *