Enna Press

Testata giornalistica Online

Libero Consorzio: 56 ditte sorteggiate per 4 differenti lavori

Sono 56 le imprese sorteggiate tutte della provincia di Enna dall’albo di fiducia dell’ente per 4 lavori (quindi 14 per ogni lavoro) sulla viabilità di competenza del Libero Consorzio dei Comuni. Il sorteggio lunedì scorso nella stanza del dirigente capo dell’ufficio tecnico Giuseppe Grasso. Il Commissario straordinario del Libero Consorzio dei Comuni Girolamo Di Fazio ha voluto utilizzare questo strumento di massima trasparenza malgrado avesse la possibilità da un punto di vista normativo di poter effettuare degli affidamenti diretti su lavori sino ad un massimo di 150 mila euro. Adesso le imprese sorteggiate dovranno fare una loro offerta sul lavoro dove sono interessati a partecipare. Si aggiudicherà l’appalto chi presenterà l’offerta più conveniente. I lavori, rientranti nell’accordo quadro, sono destinati agli interventi in emergenza e suddivisi nei vari settori della viabilità. In modo particolare due sono previsti per la zona nord e altrettanti per il versante Sud del territorio. Così dopo l’avvio dei lavori sull’asse che va dallo svincolo autostradale di Agira sino a Troina passando dalla stessa Agira e Gagliano, e quelli sulla Sp 28 meglio conosciuta “Panoramica” che cambierà sicuramente in positivo il volto della mobilità di Enna, ed anche sulla Leonforte – Nicosia, continua da parte del Commissario Straordinario del Consorzio Girolamo Di Fazio l’attività di manutenzione ordinaria e straordinaria sulla viabilità di competenza. Dopo anni di tira e molla si è concluso l’iter con cui l’ex Provincia, oggi Libero Consorzio, cede all’Anas la Sp 4 che dallo svincolo di Mulinello risale sino a Valguarnera e che collega la SS 192 da un lato con la SS 117 Bis dall’altro. Di Fazio ha firmato la delibera, proposta dal dirigente del III settore, Giuseppe Grasso, con la quale si riconferma l’interesse dell’ente a riavviare l’iter amministrativo per il passaggio all’Anas della S.P. 4 come già richiesto dal 2008 e che aveva ricevuto il parere favorevole dall’allora Consiglio provinciale, senza procedere però con atti conseguenziali.

Visite: 299

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *