Enna Press

Testata giornalistica Online

La seconda panchina gialla antidipendenza da internet in Sicilia Giorgio Assenza la inaugura in agosto a Punta Secca

La seconda panchina gialla antidipendenza da internet in Sicilia

Giorgio Assenza la inaugura in agosto a Punta Secca

Venerdì 7 agosto alle 10,30 in piazza Faro, località Punta Secca, comune di Santa Croce Camerina, sarà inaugurata – seconda nell’Isola – la “panchina gialla contro la dipendenza da cellulare e contro i social risk”.

L’evento, fortemente voluto dal presidente dei Questori in Ars, Giorgio Assenza, realizzato dall’Associazione Made 3.0 e patrocinato dalla stessa Assemblea regionale siciliana, ha lo scopo di sensibilizzare adulti e adolescenti sui fenomeni legati all’utilizzo scorretto della Rete e sulla dipendenza dai dispositivi. L’iniziativa, nella località conosciuta per la serie televisiva Il commissario Montalbano, rientra nel progetto che ha visto già a Palermo l’inaugurazione della prima panchina gialla sul lungomare di via Messina Marine.

“Oggi più che mai – afferma Cetty Mannino, ideatrice del progetto ed esperta in cyberbullismo – bisogna porre attenzione alle tematiche legate al digitale e all’utilizzo dei social da parte dei giovani e non solo dei giovani. Il lockdown, causato dal corona virus, ha fatto emergere, infatti, un aumento di casi di dipendenza e di uso scorretto della Rete. La panchina è dunque ha un messaggio sociale, di prevenzione ed è esteso a tutti”.

Il sindaco di Santa Croce, Giovanni Barone, dichiara: “Il fenomeno della dipendenza, così come quello dei rischi legati all’utilizzo dei social, è molto subdolo e ti coinvolge senza accorgertene. Questa, per il nostro Comune, è la prima iniziativa che mira alla sensibilizzazione e alla prevenzione su questi temi sociali e condivido il messaggio”.

“Ci siamo fatti carico e continuiamo a farlo in tutte le sedi istituzionali a partire dall’Ars – conclude Assenza – di un lavoro certosino per combattere efficacemente il cyberbullismo e tutte le nuove patologie legate all’uso improprio della Rete. Personalmente, sono lieto che il secondo intervento simbolico sul territorio lo si faccia proprio nella mia zona d’origine: il Ragusano. Continuerò nel mio impegno politico e sociale in tal senso”.

Visite: 78

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *