Enna Press

Testata giornalistica Online

“In.. montagna non in..visibili”: domani, alle 10, nuovo sit in delle ZFM allo svincolo Irosa per la fiscalità di sviluppo

“In.. montagna non in..visibili”: domani, alle 10, nuovo sit in delle ZFM allo svincolo Irosa per la fiscalità di sviluppo

«Gli imprenditori delle terre alte di Sicilia manifestano per non morire». Richiesta di attenzione al governo nazionale e al governo regionale

Domenica 30 maggio, dalle ore 10 alle 12, una rappresentanza di imprenditori residenti nelle Terre alte di Sicilia, scenderanno in strada, riunendosi allo svincolo Irosa dell’autostrada A19 per accendere i riflettori sulla richiesta di una fiscalità di sviluppo per i comuni che si trovano al di sopra di 500 metri dal mare e con una popolazione inferiore a 15 mila abitanti, che rischiano di spopolarsi definitivamente a causa della crisi economica. L’appuntamento è promosso dall’associazione Zone Franche Montane Sicilia.

Il governo non può ignorare la volontà dell’Ars

«La fiscalità di sviluppo, destinata alle Terre alte di Sicilia, cambierà la Sicilia – ha commentato il coordinatore regionale Vincenzo Lapunzina -. L’hanno compreso i parlamentari regionali, approvando la prima norma di prospettiva della storia dell’Assemblea Regionale Siciliana (17 dicembre 2019) e i deputati di Camera e Senato, eletti in Sicilia, impegnati nella definizione dell’iter legislativo. Tuttavia, il percorso è rallentato da chi dovrebbe favorirne incondizionatamente il buon esito. Il governo non può ignorare la volontà dell’Ars. L’istituzione delle Zfm in Sicilia dovrebbe essere la priorità di coloro che, a qualsiasi titolo, ricoprono un ruolo istituzionale e rappresentativo nell’Isola. Nelle prossime ore hanno la possibilità di dimostrarlo con atti, dichiarazioni e azioni concrete. Gli operatori economici delle Terre alte di Sicilia, le loro famiglie non possono aspettare scelte che stridono con la drammaticità del momento».

Governo nazionale e regione facciano un passo avanti

Le richieste del comitato, degli amministratori e degli operatori economici per questa nuova iniziativa sono rivolte alla deputazione di Camera e Senato eletta in Sicilia, affinché faccia sentire la propria voce nei due rami del parlamento e si decida di approvare, nell’immediato, le disposizioni concernenti l’istituzione delle Zone Franche Montante in Sicilia, approvata all’unanimità dall’Assemblea regionale siciliana il 17 dicembre 2019. Al Governo della Regione siciliana, si chiede di accelerare il processo di perimetrazione delle Zone Franche Montane in Sicilia, così come indicato nelle Disposizioni, e di dare seguito alla volontà politica espressa chiaramente dall’Assemblea regionale siciliana con l’ordine del giorno approvato lo scorso 17 maggio, che impegna il presidente della Regione siciliana a porre in essere tutte le interlocuzioni istituzionali opportune affinché la Commissione paritetica (composta da quattro membri in rappresentanza dello Stato e della Regione) adotti provvedimenti idonei a trovare adeguata copertura finanziaria destinando le risorse provenienti dal gettito dell’Iva all’importazione.

Parola chiave: Zone Franche Montane
Tag: Associazione Zone Franche Montane Sicilia, comunità montane, Terre Alte, Regione siciliana, Camera dei deputati, Senato della Repubblica, Vincenzo Lapunzina
Snippet: Nuova manifestazione delle Zone Franche Montane Sicilia domenica 30 maggio allo svincolo Irosa sull’austrada A19. Protagonisti gli operatori economici delle Terre alte

Visite: 78

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *