Enna Press

Testata giornalistica Online

Impianto di Compostaggio Dittaino: Tribunale di Enna rigetta ricorso della SRR

Rigettato dal Tribunale ordinario di Enna – sezione civile – il ricorso presentato dalla SRR rifiuti di Enna, di escludere dalla procedura fallimentare della società Ennaeuno l’impianto di compostaggio di Dittaino di cui la stessa SRR ne rivendica la proprietà come bene di pubblica utilità. La SRR (società di rilevamento rifiuti) è una società pubblica poiché composta dai comuni e dalla ex Provincia oggi Libero Consorzio di comuni ed il Cda è composto dai sindaci di Assoro Antonio Licciardo con le funzioni di presidente e dei componenti Carmelo Scravaglieri e Salvuccio Messina sindaci rispettivamente di Catenanuova e Pietraperzia. L’impianto è stato realizzato nei primi anni del 2000 da parte dell’ex Provinciale regionale con un finanziamento di poco meno di 3 milioni e 500 mila euro assegnato dal dal commissario delegato per l’emergenza rifiuti, e trasferito successivamente alla società d’ambito Ennaeuno oggi in liquidazione. La curatela fallimentare ad onor del vero ha già aggiudicato provvisoriamente l’impianto alla società Progitec Srl per 1 milione e 140 mila euro. La SRR ha motivato il ricorso poichè l’impianto è destinato a pubblico servizio e Ennaeuno era solamente una società affidataria e non proprietaria mentre invece avrebbe più titolarità nella gestione la stessa SRR. Ma secondo la curatela fallimentare secondo l’ordinanza commissariale per l’emergenza rifiuti del 2004 ne attribuiva la titolarità e della proprietà proprio a EnnaEuno s.p.a. Per i giudici la sola destinazione del bene ad un interesse pubblico non può giustificare le motivazioni della SRR nella rivendica. La tutela dell’interesse pubblico è invece garantito dall’obbligo di mantenere il bene vincolato alla destinazione pubblicistica. Quindi lo scorso 8 aprile con apposita ordinanza viene revocato il provvedimento di sospensione dello scorso 5 marzo delle operazioni di liquidazione dell’impianto di compostaggio.

Visite: 112

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *