Enna Press

Testata giornalistica Online

Enna; il lavori della "discordia" al Castello di Lombardia: l'assessore Francesco Colianni "Intervento temporaneo di messa in sicurezza in attesa di quello risolutivo"

Una struttura temporanea per garantire la sicurezza dei pedoni dal momento in cui verrà riaperto l’anello stradale intorno al castello. E’ così che l’assessore ai Beni Culturali Francesco Colianni spiega l’intervento che si sta eseguendo sul muro di cinta del Castello di Lombardia nella parte che è stata interessata ai lavori che tante polemiche hanno suscitato. Colianni così scrive un lungo post sulla sua pagina Fb dove spiega cosa si sta facendo in attesa di un intervento definitivo.
I lavori del Genio Civile al Castello, vi spiego quale è’ il criterio:
Non analizzo nel dettaglio il precedente intervento svolto dal Genio Civile diversi anni fa, negli iter che si susseguirono in cui fu macchiato il nostro castello con un intervento, poco consono, per chi lo determinò.
Abbiamo contestualmente in questi anni chiesto al Genio civile (responsabile del cantiere) di riaprire L’anello, perché dopo il danno non era possibile ancora continuare ad avere un cantiere, cinturando lo stesso anello del castello da 7 anni.
Purtroppo i problemi legati alla sicurezza ed i cedimenti di massi di roccia permangono in quel costone. L’ unica soluzione era distanziarsi dal costone roccioso per rendere sicuro il camminamento dell’anello ai pedoni con una opera smontabile in Corten nell’ immediato futuro. L’opera in Corten che diversi hanno postato sarà momentanea, con la ghiaia bianca di sopra dopo il riempimento di Pietra di sotto e con delle piante ornamentali senza offendere ancora una volta il muro del castello, perché quello che abbiamo chiesto al genio civile era di non toccare ancora una volta il muro. Questo consentirà di riaprire l’anello, non toccare per il momento il costone che ha bisogno di un restauro con i santi crismi come stiamo facendo per L’ interno del castello, ma con un contestuale intervento economico di restauro considerevole. Vorrei che quel muro tornasse come era ma il passato c’è lo rende impossibile. In sintesi si riapre l’anello, la struttura è’ momentanea, non si tocca il bene, (lo farà chi ne ha maggiori competenze nel campo del restauro) si dà sicurezza ai pedoni.

Visite: 21