Enna Press

Testata giornalistica Online

25 aprile: la città di Enna ha ricordato il Comandante Barbato Pompeo Colajanni

E’ stata anche quest’anno la tomba di Pompeo Colajanni, il mitico Comandante Barbato, al cimitero di Enna il punto di riferimento delle iniziative sia ufficiali che di partito e sindacato, nel capoluogo per ricordare il settantaseiesimo anniversario della giornata del 25 aprile. Due sono stati i diversi momenti ed in entrambi i casi nel pieno rispetto delle norme anticovid. Alle 9,30 quella promossa dalla sezione provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani presieduta da Renzo Pintus che ha invitato sindaci e rappresentanti di sindacati a ritrovarsi davanti la tomba di Colajanni per un momento di riflessione sui valori di questa giornata simbolo di libertà e democrazia. Ed all’invito dell’Anpi rappresentata da Giuseppe Puglisi, (Pintus non ha potuto partecipare perché fuori sede) hanno risposto i segretari provinciali generali di Cgil e Cisl Nunzio Scornavacche e Carmela Petralia, altri dirigenti provinciali dei due sindacati, il primo cittadino di Assoro Antonio Licciardo, e il vice sindaco e Presidente del Consiglio di Enna Francesco Colianni e Paolo Gargaglione e consiglieri comunali. Sulla tomba dell’eroe ennese che alla testa di un battaglione di Partigiani liberò Torino, è stata deposta una corona di fiori. Quest’anno l’Anpi ha presentato un lavoro di ricerca che l’ha portato a ritrovare oltre 400 nominativi di tutta la provincia tra uomini e donne protagonisti nella lotta partigiana. Novantuno sono del capoluogo. E questo lavoro di ricerca continua visto che secondo Pintus il numero finale di “eroi dimenticati” dovrebbe avvicinarsi al doppio di quelli ritrovati. Gli elenchi per comune sono stati inviati a tutti i sindaci dei 20 comuni della provincia. Alle 10,30 invece si è ritrovato il gruppo dirigente del Pd, con il segretario regionale Antony Barbagallo, il presidente provinciale e sindaco di Troina Fabio Venezia e segretario provinciale Vittorio Di Gangi oltre che il senatore Mirello Crisafulli e numerosi tra consiglieri, militanti del movimento giovanile. Anche in questo caso è stata deposta una corona di fiori.

Visite: 164

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *