Enna Press

Testata giornalistica Online

Salvare i Comuni dal default. Proposta di O.d.G al Comune di Palermo di Attac Italia. Verso la Società della cura.

In tutta Italia ed anche a Palermo, una rete nazionale di 322 realtà associative e di singole persone riunite dal manifesto della “Società della cura” chiede a tutti, a partire dagli Enti Locali, un cambio di paradigma.
Attac Italia, che è parte di questa rete, nell’ottica di restituire ai Comuni un ruolo ed una capacità di spesa da investire sulla cura della comunità, ha scelto di proporre simbolicamente proprio oggi al Sindaco, alla Giunta ed al Consiglio Comunale di Palermo un O.d.G., già approvato da alcune città italiane tra le quali Napoli e Roma, con il quale tra le altre cose si chiede al governo nazionale la sospensione del patto di stabilità interno e del pareggio di bilancio per liberare risorse immobilizzate che possono essere messe a disposizione dei Comuni per far fronte alla crisi sociale ed economica in atto.

Salvare i Comuni dal default. Proposta di O.d.G.L’emergenza sanitaria, economica e sociale provocata dall’epidemia di Covid 19 hareso critica la situazione finanziaria degli Enti Locali, già messi a dura prova dadecenni di politiche di austerità. Tutti i Comuni sono a rischio di default, stretti tramoltiplicazione dei bisogni cui devono urgentemente rispondere e indisponibilità dirisorse da destinare alle collettività locali. La crisi investe anche quei Comuni che,dispongono di risorse libere dall’avanzo di amministrazione, ma le stannovelocemente consumando per contrastare l’emergenza sanitaria, per garantire iservizi alla persona e per sostenere le fasce sociali deboli e i senza reddito.ATTAC Italia ha voluto affrontare i problemi strutturali che hanno determinato, negliultimi venti anni, il progressivo impoverimento dei Comuni e, di conseguenza, ildepauperamento della loro storica funzione di luoghi primari di democrazia diprossimità e ha formulato una proposta di OdG (cfr allegato) che indica soluzioniperchè le comunità territoriali e gli Enti Locali si riapproprino della propria storicafunzione pubblica e sociale. In qualità di Comitato territoriale di Palermo dell’associazione ATTAC Italia,proponiamo a Lei, alla Sua Giunta e al Consiglio Comunale, di discutere eapprovare la proposta di Odg che alleghiamo alla presente. In estrema sintesi, con la proposta di OdG, si chiede:a) la sospensione del patto di stabilità interno e del pareggio di bilancio per i Comuni,analogamente a quanto fatto dall’Ue per gli Stati;
b) l’approvazione del decreto attuativo dell’art. 39 del DL 162/2019, convertito nellaLegge n. 8/2020 , che prevede l’accollo allo Stato dei mutui in essere con CassaDepositi e Prestiti, al fine di ridurne drasticamente i tassi di interesse;c) di opporsi alla proposta di rinegoziazione dei mutui fatta da Cdp (si tratta diprocrastinare nel tempo il pagamento, con relativo aumento degli interessi) e dirivendicare per il biennio 2020-2021 mutui a tasso zero per gli investimenti deiComuni;d) di annullare tutti i debiti dovuti a derivati;e) l’apertura del Fondo nazionale di solidarietà per i Comuni, sulla base dell’attualeFondo di solidarietà comunale, per garantire a tutti i Comuni le risorse necessarie perl’emergenza economica e il riavvio delle comunità locali.Dopo l’approvazione di una delibera specifica del Consiglio Comunale di Napoli,Attac Italia ha inoltrato a tutti i Consigli Comunali l’ordine del giorno in allegatochiedendo agli Enti locali di schierarsi fuori da ogni ambiguità: in tante città ilConsiglio ha approvato con apposita delibera, fra queste, Livorno e Roma. Non sappiamo se quanto si propone si adatta alla situazione di indebitamento del suoEnte, ma lo riteniamo, in ogni caso, uno stimolo all’apertura di una riflessionecomplessiva sullo stato di indebitamento a cui le politiche di austerità, le banche e laCassa Depositi e Prestiti hanno costretto Regioni, Province e Comuni.Ringraziando per l’attenzione, ci dichiariamo disponibili ad un incontro al fine diillustrare più compiutamente quanto da noi proposto e restiamo in attesa di un vostrogentile riscontro

Visite: 119

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *