Enna Press

Testata giornalistica Online

Nessun ristoro per i lavoratori agricoli stagionali: sabato prossimo Sit – In davanti la Prefettura

le Segreterie Nazionali, regionali e territoriali di Fai-cisl , Flai-cgil e Uila-uil hanno riscontrato nel Decreto Sostegni l’esclusione dei lavoratori agricoli da ogni tipologia di ristoro. Il suddetto provvedimento, infatti, riconosce una indennità di 2.400 euro per i lavoratori stagionali e a tempo determinato e di importo variabile per altre categorie, ma come i precedenti decreti non prevede alcun ristoro per i lavoratori agricoli, malgrado abbiano subìto la perdita di milioni di giornate di lavoro a causa dell’emergenza Covid. A questo, si aggiunge la preoccupazione per il riemergere, attraverso alcune dichiarazioni a mezzo stampa, della tentazione di modificare, semplificandola, l’attuale normativa sui voucher in agricoltura, nonostante il contratto collettivo nazionale garantisca già tutta la flessibilità di cui necessitano le imprese. Inoltre, lo stallo dei rinnovi contrattuali provinciali, evidenziano i segretari territoriali savarino, cimino e malaguarnera fotografa e sottolinea la difficile situazione che si registra nelle trattative non solo nella nostra provincia, ma in tutta l’Italia, ed in particolare nel meridione. Per questi motivi, le segreterie generali di Fai, Flai e Uila hanno chiesto un incontro urgente ai Ministri del Lavoro e dell’Agricoltura e con le Commissioni Lavoro, Bilancio e Agricoltura sia di Camera che Senato, e deciso di avviare una serie di iniziative di mobilitazione della categoria. Pertanto sabato 10 aprile sono state programmate manifestazioni davanti alle prefetture di tutta Italia. I segretari di flai ,fai e uila nel rivendicare la centralita dell’agricoltura dichiarano con forza che se non si troveranno risposte positive alle giuste richieste dei lavoratori agricoli nelle prossime
settimane, saranno implementate ulteriormente le iniziative di mobilitazione.
FAI – CISL FLAI – CIGIL UILA – UIL
Cimino. Malaguarnera. Savarino

Visite: 51

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *