Enna Press

Testata giornalistica Online

INFORMATIVA PERIODICA DEL CONSIGLIO E DELLA FONDAZIONE NAZIONALE DEI COMMERCIALISTI: APPROFONDIMENTO SULLA REAZIONE ECONOMICA DELLE ISTITUZIONI EUROPEE ALLA PANDEMIA

INFORMATIVA PERIODICA DEL CONSIGLIO E DELLA FONDAZIONE NAZIONALE DEI COMMERCIALISTI: APPROFONDIMENTO SULLA REAZIONE ECONOMICA DELLE ISTITUZIONI EUROPEE ALLA PANDEMIA
Secondo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale l’Italia sarà tra i Paesi più colpiti: la stima per il 2020 è una contrazione del Pil del 9,1%, mentre nel 2021 la crescita prevista dovrebbe essere del 4,8%. Anche sul fronte dell’occupazione i dati non sono confortanti, per il nostro Paese disoccupazione in aumento dal 10 al 12,7%
Roma 16 aprile 2020
Il Consiglio e la Fondazione Nazionale dei Commercialisti hanno pubblicato la informativa periodica “Attività Internazionale”, una analisi sulle misure economiche adottate in ambito europeo ed internazionale per contrastare la pandemia. Il dibattito europeo si è acceso sui risultati della riunione dell’Eurogruppo che ancora una volta ha rimandato la decisione sugli Eurobond, accordandosi su un uso flessibile del meccanismo di stabilità e sulla creazione di un fondo possibilmente finanziato da titoli comuni.
L’Eurogruppo ha anche accolto favorevolmente la proposta della Commissione di istituire SURE, lo strumento temporaneo a tutela dell’occupazione nelle specifiche circostanze della crisi COVID-19, impegnandosi a rendere operativa quanto prima questa ulteriore rete di protezione e a portarne avanti velocemente l’iter legislativo.
Per promuovere il rilancio dell’attività economica e degli investimenti, inoltre ha concordato di lavorare su un fondo per sostenere la ripresa economica (Recovery Fund), fornendo finanziamenti a programmi progettati per rilanciare l’economia in linea con le priorità europee e garantire la solidarietà nei confronti degli Stati membri più colpiti dall’emergenza. Tali finanziamenti dovrebbero essere forniti mediante il bilancio dell’UE.
Nell’ambito degli aiuti di Stato erogabili in base al Quadro temporaneo europeo approvato il 19 marzo, la Commissione ha accolto in questi giorni alcune specifiche misure per l’Italia, a sostegno di economia, imprese e lavoro.
Non sono positive le previsioni di primavera diffuse dal Fondo Monetario Internazionale, che mostrano un’economia mondiale in recessione, e un rischio che si fa sempre più concreto di dover affrontare la più grave crisi economica dal 1929. Come si temeva i dati mostrano un’economia globale in recessione, con una contrazione del 3% nel 2020, previsioni quindi anche peggiori rispetto a quanto accaduto durante la crisi finanziaria del 2008. La situazione dovrebbe migliorare gradualmente nel 2021, con una crescita intorno al 5,8%, in base al presupposto di una attenuazione della pandemia nella seconda metà dell’anno in corso e di una graduale normalizzazione delle attività nel 2021. Politiche efficaci saranno fondamentali per evitare che i risultati siano anche peggiori. Poiché le conseguenze negative sono piuttosto acute in alcuni settori specifici, sarà necessario varare misure interne in campo fiscale, monetario e dei mercati finanziari per sostenere famiglie e imprese. L’Italia è tra i Paesi più colpiti, la previsione per il 2020 è una contrazione del Pil del 9,1%, mentre nel 2021 la crescita prevista dovrebbe essere del 4,8%. Anche sul fronte dell’occupazione i dati non sono confortanti, per l’Italia, il Fondo prevede una disoccupazione in aumento dal 10 al 12,7%.
ATTIVITÀ INTERNAZIONAL
EInformativa periodica -16aprile 20205Coronavirus: Consultazione degli Stati membri sulla proposta di estendere il Quadro temporaneo sugliaiutidi Stato alle misure di ricapitalizzazioneLe modifiche apportate il 3 aprilescorso alQuadro temporaneo per le misure di aiuto di Statoal fine di incrementarele possibilità di sostegno pubblico alla ricerca, alla sperimentazione e alla produzione di prodotti utili a combattere la pandemia, salvaguardare posti di lavoro e sostenere l’economia, potrebbero non essere le ultime. Il 9 aprilescorso infatti la Commissione europea ha inviato per consultazione agli Stati membri un progetto per l’inserimento diulteriori modifiche che consentirebbero di ampliare ulteriormente la portatadel quadro temporaneo per sostenere l’economianel periodo di emergenza determinata dalcoronavirus.In totale, la Commissione ha adottato 43 decisioni che approvano 53 misure nazionali relative alla pandemia di coronavirus, 39 decisioni in materia di aiuti di Stato per approvare 49 misure nazionali che garantiscano alle imprese europee la liquidità di cui hanno estremamente bisogno in questi difficili frangenti. Ha inoltre adottato 4 decisioni su 4 misure nazionali a norma dell’articolo 107, paragrafo 2, lettera b), del trattato sul funzionamento dell’Unione europea per quanto concerne gli aiuti per compensare i danni derivanti da circostanze eccezionali, come la pandemia di coronavirus.La Commissione propone ora di ampliare ulteriormente il campo di applicazione del quadro temporaneo per dare agli Stati membri la possibilità di varare misure di ricapitalizzazione per le imprese in difficoltà. In considerazione del forte impatto che possono avere sulla concorrenza nel mercato unico, tali interventi pubblici dovrebbero restare misure di ultima istanza. Inoltre saranno subordinati a chiare condizioni per quanto riguarda l’entrata dello Stato nelle imprese interessate, la sua remunerazione e l’uscita da esse, a rigide disposizioni in materia di governance e a misure adeguate per limitare eventuali distorsioni della concorrenza.Gli Stati membri hanno la possibilità di presentare osservazioni sul progetto di proposta della Commissione,il quadro temporaneo modificato sarà attuato entro la prossima settimana.Comunicato stampaAiuti di Stato: la Commissione approva il regimedi garanzia dell’Italiadi 200 miliardi di euro a sostegno dell’economia nell’emergenza coronavirusIl 14 aprile, la Commissione europea ha approvato il regimedi aiuti italiano a sostegno dell’economia messa a dura prova dalla pandemia. Lo schema è stato approvato sulla base delQuadro temporaneoper gli aiuti di Stato del 19 marzo,così come modificato il3 aprile 2020. Il budget totale della misura comunicatodalle autorità italiane ammonta a200 miliardi di euro.
ATTIVITÀ INTERNAZIONALEInformativa periodica -16aprile 20206La misura di sostegnoitaliana La misura presentata alla Commissione dall’Italia in base al Quadro temporaneoprevedeuno schema di garanzie per i nuovi prestiti per gli investimenti e per il capitale di esercizio concessi dalle banche a sostegno delle imprese colpite dall’emergenza del coronavirus. L’aiuto sarà garantito a tali imprese dagli istituti finanziariattraverso la statale SACE. Lo scopo della misura è quello di limitare i rischi associati all’erogazione di prestiti a imprese seriamente interessate dall’impatto economico del coronavirus, aiutando le imprese a coprire il fabbisogno immediato di capitale di esercizio e per gli investimenti, al fine di garantire il proseguimento della loro attività. Il bilanciototale comunicato dalle autorità italiane è di 200 miliardidi euro.Secondo la Commissione la misura è in linea con le condizioni previste dal Quadro temporaneo. In particolare: i)l’importo del relativo prestito per ciascuna impresa è limitato a quanto necessario a coprire il suo bisogno di liquidità per l’immediato futuro;ii)le garanzie saranno fornite soltanto fino alla fine di quest’anno;iii)le garanzie sono limitate ad un massimo di sei anni;iv)i premi relativi alle commissioni delle garanzienon superano i livelli previsti dal Quadro temporaneo.La misura include inoltre tutele per garantire che l’aiuto sia effettivamente veicolato dagli entifinanziariai beneficiari che ne hanno bisogno.La Commissione ha concluso che la misura è necessaria, opportuna e proporzionata per porre rimedio a un grave turbamento dell’economia italiana, in linea con l’articolo 107, 3) b) TFUE e le condizioni previste dal Quadro temporaneo. Comunicato stampaAiuti di Stato: la Commissioneapprova il regimedi garanzia per l’Italia a sostegno dilavoratori autonomi, PMI e impreseamedia capitalizzazione interessatidalla pandemiaIl 14 aprile, la Commissione europea ha approvato il regimedi aiuti italiano per supportare lavoratori autonomi, e imprese che impiegano fino a 499 dipendenti, interessate dalla diffusione del coronavirus. Lo schema è stato approvato sulla base delQuadro temporaneoper gli aiuti di Stato del 19 marzo,così come modificato il3 aprile2020.
ATTIVITÀ INTERNAZIONALEInformativa periodica -16aprile 20207La misura di sostegnoitaliana La misura presentata alla Commissione dall’Italia in base al Quadro temporaneointende supportare le imprese che hanno subito l’impatto della crisi innescata dalla pandemia. In applicazione di tale regime gli enti finanziari erogheranno sostegno dal fondo statale di garanzia per le PMI sotto forma di: •garanzie dello Stato sui prestiti per gliinvestimenti eper il capitale di esercizio;•sovvenzioni dirette sotto forma di rinunciaallacommissioneapplicabilealle garanzie concesse.Il regimesarà accessibilea lavoratori autonomi e imprese che impiegano fino a 499 dipendentiche abbiano subito l’impatto della crisi. Lo scopo è consentire alle imprese di far fronte alpropriofabbisognoimmediatodi capitale di esercizio e per gli investimenti, garantendo in tal modo che possano portare avanti le loro attività.Secondo la Commissione la misura è inlinea con le condizioni previste dal Quadro temporaneo. In particolare:•per quanto riguarda le garanzie di Stato nell’ambito del regime:-le garanzie sui prestiti a copertura del 100% del rischio possono essere concesse fino a un valore nominale di 800.000euro a impresacome previsto dal Quadro temporaneo (per le imprese operanti nei settori della pesca e dell’agricoltura i massimaliapplicabili sono rispettivamente di 120.000 e 100.000 euro);-oppure, in tutti gli altri casi, i) le garanzie coprono fino al 90% del rischio legato aiprestiti; ii) l’importo del relativo prestito per ciascuna impresaè limitato a quanto necessario a coprire il suo bisogno di liquidità per l’immediato futuro, iii) le garanzie saranno concessesoltanto fino a dicembre 2020, iv) le garanzie sono limitate ad un massimo di sei anni, e iv) i premi relativi alle commissioni di garanzia non superano i livelli previsti dal Quadro temporaneo.•per quanto riguarda le sovvenzioni dirette sotto forma di rinuncia alle commissioni applicabili alle garanzie concesse, ilsostegnonon potrà superare gli 800.000 euro a impresa come previsto dal Quadro temporaneo (per le imprese operanti nei settori dellapesca e dell’agricoltura i massimali applicabili sono rispettivamente di 120.000 e 100.000 euro).LaCommissione ha concluso che la misura è necessaria, opportunae proporzionata per porre rimedioa un grave turbamento dell’economia italiana, in lineacon l’articolo107, 3)b) TFUEe le condizioni previste dal Quadro temporaneo.Comunicato stampa
ATTIVITÀ INTERNAZIONALEInformativa periodica -16aprile 20208La Commissione e il Fondo europeo per gli investimenti sbloccano 8 miliardi di euro di finanziamenti per 100.000 piccole e medie impreseUna delle conseguenze economiche immediate della pandemia di coronavirus è l’improvvisa mancanza di liquidità che colpisce le piccole e medie imprese, quelle che solitamente sono più colpite in caso di crisi e che quindi hanno maggiore bisogno di liquidità per superarla. A fronte di unacrisi di liquidità, tuttavia, le banche sono più restiea erogare prestiti alle PMIa ragione dell’aumento del rischio percepito. Sono quindinecessarie garanzie dell’UE a sostegno di tali prestiti.Il 6 aprile scorso, la Commissione europea ha sbloccato 1 miliardo di euro dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) a titolo di garanzia per il Fondo europeo per gli investimenti (FEI), parte del Gruppo Banca europea per gli investimenti. In questo modo il FEI potrà fornire garanzie speciali perincentivare le banche e altri finanziatori a fornire liquidità, per un importo disponibile stimabile in 8 miliardi di euro, ad almeno 100.000 PMI e piccole imprese a media capitalizzazione europee colpite dalle conseguenze economiche della pandemia di coronavirus. L’annuncio risponde all’impegno assunto dalla Commissione nellacomunicazionedel 13 marzo, di apportare un sollievo immediato alle PMI duramente colpite grazie a fondi che saranno disponibili già in aprile e che sono parte integrante del pacchetto di misure annunciato dal gruppo BEI il 16 marzo per erogare in tempi rapidi un sostegno alle PMI e alle imprese a media capitalizzazione europee.Comunicato stampaRevoca temporanea dei dazi doganali e dell’IVA sulle importazionidi attrezzature mediche provenienti da paesi terziLa Commissioneeuropeaha decisodi accogliere le richieste di tutti gli Stati membri e del Regno Unito di rinunciare temporaneamente ai dazi doganali e all’IVA sull’importazione di dispositivi medici e di protezione dai paesi terzi. In tal modo si agevolerà sul piano finanziario l’acquisto delle attrezzature mediche di cui hanno disperatamente bisogno medici, infermieri e pazienti. La Commissione ha inoltre pubblicatoorientamenti specializzatiper facilitare il lavoro delle autorità doganali degli Stati membri e di altre parti interessate in materia di procedure doganali, ad esempio riducendo al minimo le formalità riguardanti l’importazione di organi umani e di midollo osseo destinati al trapianto nell’UE, oppure vari strumenti di pagamento per la gestione del debito doganale o per la prova dell’origine preferenziale delle merci.Consultazione pubblica UE sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario da parte delle grandi imprese (norme aggiornate)La Commissione europea ha esteso fino all’11 giugno il termine per la partecipazione allaconsultazionepubblicaonlinesulla revisione della Direttiva sulla Comunicazione delle informazioni
ATTIVITÀ INTERNAZIONALEInformativa periodica -16aprile 20209di carattere non finanziario. La consultazione è aperta a tutti i cittadini e le organizzazioni, in particolare ai soggetti incaricati della redazione dei report contenenti informazioni non finanziarie e agli utilizzatori di tali informazioni, in special modo organismi del settore finanziario, investitori, organismi della società civile e sindacati. È possibile partecipare alla consultazione pubblica rispondendo al questionario online, o eventualmente contattando l’indirizzo e-mailfisma-non-financial-reporting@ec.europa.eu.Consultazione pubblica UE sulla nuova strategia per la finanza sostenibile L’8 aprile scorso la Commissione ha lanciatounaconsultazioneestesa(fino al15 luglio2020) sulla nuova strategia per la finanza sostenibile. La strategia indicherà la strada per le nuove azioni da intraprendere per incrementare gli investimenti private in progetti e attività sostenibili a supporto delle diverse azioni previste dal Green Deal europeo e per la gestione e l’integrazione dei rischi legati al clima e all’ambiente nel sistema finanziario UE.
ATTIVITÀ INTERNAZIONALEInformativa periodica -16aprile 202011USA, possono avvalersidei poteri loro conferiti per supportare la ripresa dell’economia italiana, all’occorrenza e in osservanza delle limitazioni politiche previste dal Memorandum.IFACDisponibili nuove risorse online L’International Federation of Accountants oltre alla webpagededicataCovid-19segnalata nelle scorse edizioni ed in continuo aggiornamento, ha aggiunto una nuova risorsa OnlineCPDServicesforPAOs, con suggerimenti dagli organismi membri per quanto concerne l’erogazione dei servizi di formazione professionale continua.Anche gli standard-setting board internazionali stanno fornendo alla professione linee guida specifiche relativamente ai principi nelle rispettive aree di competenza consultabili ai seguenti link: IAASBCovid-19eIPSASBCovid-19.
ATTIVITÀ INTERNAZIONALEInformativa periodica -16aprile 202012PER AGGIORNAMENTI E APPROFONDIMENTICommissioneeuropea -E-news on economic and financial developmentsOrganizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE)-newsAccountancy Europe -newsCFE Tax Adviser Europe-newsEuropean Tax Adviser Federation (ETAF)-newsenewsletterInternational Federation of Accountants (IFAC)-newsInternational Valuation Standards Council (IVSC)-newsInternational Integrated Reporting Committee (IIRC)-newsComitato di Integrazione Latino Europa-America (CILEA)-newsConference of European Restructuring and Insolvency Law-news

Visite: 12