Enna Press

Testata giornalistica Online

Il movimento "Costruire Comunità" lancia un'appello. Perché no l’ospedale di Petralia Sottana?

Il movimento “Costruire Comunità” lancia un’appello. Perché no l’ospedale di Petralia Sottana?
I problemi attuali del territorio nazionale mettono a forte rischio la salute di tanta gente che deve combattere con un imprevisto problema che sin d’ora poteva essere raccontata o sentito da altri, ove nessuno mai avrebbe immaginato di vivere in prima persona seppur la situazione potrebbe sfuggire di mano. Gli enti predisposti a contenere e combattere in prima linea sono certamente gli ospedali che in linea di massima tentano e cercano di arrivare, a delle attese reali che possono certamente essere rinforzate, adeguate e rimpinguate nello stesso tempo . La terribile esperienza del corona virus sta insegnando una cosa: che i tagli alla sanità e al welfare state universale fatti in tutti questi anni, espongono la popolazione al rischio di rimanere senza cure e assistenza.
La non sufficienza di posti letto di terapie intensive e sub intensive così come, più in generale, di posti letto adeguati a contenere una simile epidemia, è il vero problema più che la diffusione del virus in quanto tale.
Ci si accorge ora che questa politica ha esposto tutta la popolazione, un’intera nazione, a pagarne le conseguenze. Le persone muoiono. Si corre perciò ai ripari cercando di rattoppare una falla generata in tanti anni cercando di attrezzare nuove strutture in attesa del malaugurato peggio. Vanno sostenute le politiche universalistiche e sociali con adeguati investimenti quali imprescindibili per garantire a tutti la salute e la vita.
Nei social, alcuni cittadini madoniti hanno posto giustamente l’interrogativo di utilizzare l’Ospedale di Petralia Sottana. Quasi nuovo, ampiamente inutilizzato, disponibilissimo e al centro della Sicilia, dotato di atterraggio per elisoccorso è lì pronto a… essere ulteriormente ridimensionato e finanche chiuso.
La giusta domanda sollevata è stata perciò: PERCHÉ NON UTILIZZARE L’OSPEDALE “MADONNA DELL’ALTO” DI PETRALIA SOTTANA?
Il Movimento politico nato per amministrare Polizzi Generosa, uno dei Comuni delle Madonie, sottoscrive l’appello lanciato da alcuni cittadini e si permettono di farlo loro.”Si utilizzi perciò l’ospedale “Madonna dell’Alto” di Petralia Sottana, – dice il suo candidato sindaco Gandolfo Librizzi – lo si riqualifichi attrezzandolo per contrastare, curare e assistere la diffusione del corona virus e suoi deleteri effetti o anche e solo per decongestionare altri nosocomi, diventi esso un tassello di una doverosa inversione di tendenza. Sottoporremo questa richiesta alla Conferenza dei sindaci per la sanità provinciale, il cui VicePresidente è il Sindaco di Petralia Sottana, al Governo e ai parlamentari regionali, ai Sindaci delle Madonie, alle autorità sanitarie regionali”.
Il territorio delle Madonie chiede dunque di poter sbloccare ed adeguare l’ospedale di Petralia Sottana al fabbisogno attuale, pensando di aiutare ed assistere un territorio già abbastanza penalizzato da tanti fattori di viabilità,lavoro e strutture carenti, dunque un aiuto sostanziale per tanta gente che invoca ma, ottiene poco.
Antonio David

Visite: 23