Enna Press

Testata giornalistica Online

E’ il Valguarnerese Salvatore Consolo il referente regionale del movimento giovanile nazionale “Studenti per Draghi”.

E’ il Valguarnerese Salvatore Consolo il referente regionale del movimento giovanile nazionale “Studenti per Draghi”.
Si tratta di un movimento studentesco apartitico nato tra i banchi universitari venuto alla luce grazie ai due fondatori Kevin Pimpinella e Chiara Di Giacinto, studenti del Dipartimento di Economia all’università Luiss Guido Carli. Il movimento è composto da centinaia di studenti appartenenti alle più svariate realtà territoriali con un unico scopo: Proporre alle istituzioni idee concrete cariche dell’entusiasmo giovanile che possano in qualche modo contribuire al rilancio del nostro paese da una forte crisi sanitaria, economica e sociale. “A differenza di altri movimenti non siamo un gruppo di protesta – spiega Salvatore Consolo – bensì una squadra di studenti che guarda agli obiettivi comuni per credere in un futuro diverso. Il nostro comun denominatore è certamente la figura istituzionale di Mario Draghi che rappresenta per noi una svolta per l’Italia, una figura di altissima professionalità e competenza mostrata durante tutto il suo mandato alla BCE. Il movimento è composto da diversi tavoli tematici, tra cui quello di Formazione, Sanità, Digitalizzazione, Ambiente, Parità di Genere e Rilancio del meridione”.
Una sintesi programmatica del movimento

Progetto “ecosostenibilità nelle scuole”- Studenti per Draghi.
Studenti per Draghi propone l’impianto della casa dell’acqua in ogni istituto di istruzione superiore e ateneo al fine di ridurre il consumo delle bottiglie di plastica (PET) e incentivare l’uso di borracce. I distributori saranno direttamente collegati alla pubblica rete idrica e ridurranno l’inquinamento dovuto all’uso eccessivo e scorretto della plastica all’interno di tutto il sistema educativo del nostro paese. La casa dell’acqua fornisce, infatti, acqua fresca, naturale e frizzante, soggetta ad analisi chimiche e microbiologiche le cui caratteristiche sono esposte al pubblico. Si aggiungerà così un tassello fondamentale al percorso di sostenibilità con un impegno che coinvolgerà tuta la comunità studentesca per sensibilizzare al rispetto dell’ambiente e per promuovere una maggiore consapevolezza nelle nuove generazioni.
– Corsi di educazione giuridico-finanziaria nelle scuole
Studenti per Draghi propone l’introduzione di corsi di educazione giuridico-finanziaria. Si propone l’inserimento nel piano di studi di corsi volti all’acquisizione di competenze giuridiche, economiche e finanziarie di base. Questi corsi avranno l’obiettivo di incrementare la consapevolezza sulla programmazione e gestione delle risorse finanziarie personali e familiari, e di interpretare fenomeni complessi che ci riguardano come cittadini. Inoltre, continua ad essere dimostrata una forte correlazione tra il reddito, l’istruzione della famiglia e la conoscenza finanziaria dei figli. Le competenze acquisite in ambito giuridico, finanziario, assicurativo e previdenziale incideranno sulla vita degli studenti e si riveleranno essenziali per affrontare al meglio l’attuale momento di crisi e incertezza. Conoscere l’economia e il diritto può fare la differenza!

– SOSTEGNO ALL’AUTONOMIA STUDENTESCA
Oggi sono numerose le difficoltà che gli studenti incontrano durante il loro percorso di formazione. I giovani necessitano di risorse e disponibilità per far fronte al mantenimento, alle spese per la formazione e alla capacità di rendersi autonomi rispetto al nucleo familiare. Sempre più ingenti sono, infatti, le spese per affitti e utenze, materiale didattico, tasse universitarie e mezzi di trasporto. Secondo i dati Eurostat, l’Italia è seconda solamente alla Croazia per numero di giovani (tra i 16 e 29 anni) che ancora vivono nel loro nucleo famigliare di origine. Infatti, circa l’85% dei giovani italiani non dispone di risorse sufficienti tali da poter raggiungere un’indipendenza economia e sociale, in vista della realizzazione di progetti di vita futuri. Studenti per Draghi propone l’istituzione di un sostegno all’autonomia studentesca attraverso l’erogazione di un accredito mensile, a prescindere dallo status economico-sociale di appartenenza, al fine di coprire parte delle spese di formazione. La metà della somma prestata dovrà essere successivamente restituita allo Stato, a tassi di interessi agevolati. La restituzione dovrà iniziare al decorrere di un periodo di tempo prestabilito, dai 3 ai 5 anni dalla fine del ciclo di studi prescelto. La nostra proposta di legge sostiene il diritto allo studio, garantendo una statisticamente quasi certa immissione nel mondo del lavoro, anche a coloro che troppo spesso sono costretti a rinunciare a priori al perseguimento degli studi.

-Centro Nazionale di formazione per operatori turistici
Studenti per Draghi propone la creazione di una struttura nazionale per l’alto livello di formazione del personale turistico al fine di promuovere una formazione professionale superiore. Favoriamo lo sviluppo dell’occupazione giovanile negli asset fondamentali del paese: cultura e turismo. La pandemia da Covid-19 ha cambiato la prospettiva delle organizzazioni turistiche, chiedendo maggiore flessibilità. Nei prossimi anni il settore turistico cambierà in modo significativo a causa dell’impatto della digitalizzazione e della necessità di rivedere i modelli di consumo riducendo l’utilizzo del carbonio. Questo comporterà la necessità di acquisire nuove competenze digitali, green e sociali, ma anche un’istruzione, una continua riqualificazione e aggiornamento della forza lavoro. Il progetto di formazione turistica promuove una crescita professione di qualità.

Visite: 271

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *