Enna Press

Testata giornalistica Online

Calcio le Comunicazioni del Comitato provinciale Figc

1.1. COMUNICAZIONI DEL COMITATO REGIONALE SICILIA

SITO INTERNET COMITATO REGIONALE SICILIA E DELEGAZIONI PROVINCIALI

E’ attivo il sito Internet del Comitato Regionale Sicilia e delle Delegazioni Provinciali/Distrettuale al seguente indirizzo:

sicilia.lnd.it (senza digitare www.)

Il sito sarà raggiungibile, altresì, accedendo al portale www.lnd.it e selezionando “Sicilia” dal menu a tendina “Comitati”.

CONSIGLIO DIRETTIVO
ORGANICO SOCIETA’ CAMPIONATI REGIONALI E PROVINCIALI – STAGIONE
SPORTIVA 2020/2021 –

Allegato al presente C.U. si pubblica l’organico dei Campionati Regionali e Provinciali al 30 giugno
2020.
ORGANIZZAZIONE CAMPIONATI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –
Il Comitato Regionale, indice ed organizza per la suddetta stagione sportiva, i seguenti campionati:

CALCIO A UNDICI MASCHILE

• ECCELLENZA 2 Gironi da 16 Squadre Totale N. 32

• PROMOZIONE 4 Gironi da 16 Squadre Totale N. 64

• PRIMA CATEGORIA 7 Gironi da 14 Squadre Totale N. 98

• SECONDA CATEGORIA 5 Gironi da 14 Squadre Totale N. 70

• TERZA CATEGORIA Gironi da comporre
• TERZA CATEGORIA – Under 21 Gironi da comporre
• TERZA CATEGORIA – Under 19 Gironi da comporre

• REGIONALE “Juniores Under 19” Gironi da comporre
• PROVINCIALE “Juniores Under 19” Gironi da comporre

• COPPA ITALIA Memorial “Gianfranco Provenzano” (Società di Eccellenza)
• COPPA ITALIA Memorial “Orazio Siino” (Società di Promozione)
• COPPA SICILIA Memorial “Filippo Lentini” (Società di Prima Categoria)
• COPPA TRINACRIA Memorial “Salvatore Sajeva” (Società di Seconda Categoria)
• TROFEO PROVINCE Memorial “Pietro Lo Bianco” (Società di Terza Categoria)

• ATTIVITA’ AMATORI

CALCIO A CINQUE MASCHILE

• SERIE “C1” – 2 Gironi da 14 squadre Totale N. 28
• SERIE “C2” – Gironi Interprovinciali 5 Gironi da 12 squadre Totale N. 60
• SERIE “D” – Gironi Provinciali Gironi da comporre

• REGIONALE “UNDER 21” Gironi da comporre
• REGIONALE “UNDER 19” Gironi da comporre (ex Juniores)
• REGIONALE “UNDER 17” Gironi da comporre (ex Allievi)
• PROVINCIALE “UNDER 17” Gironi da comporre (ex Allievi)
• PROVINCIALE “UNDER 15” Gironi da comporre (ex Giovanissimi) (*)

(*) con successiva Fase Regionale
• COPPA ITALIA Società Serie “C1” (obbligatoria)
• COPPA SICILIA Società Serie “C2” (obbligatoria)
• COPPA TRINACRIA Riservata Società Serie “D” Provinciale

CALCIO A CINQUE FEMMINILE

• REGIONALE – Girone Unico 1 Girone da 12 squadre Totale N. 12
• PROVINCIALE/INTERPROVINCIALE Gironi da comporre

• REGIONALE “UNDER 21” Gironi da comporre
• REGIONALE “UNDER 19” Gironi da comporre (ex Juniores)

• COPPA ITALIA REGIONALE Società Girone “Unico” Regionale (obbligatoria)

• CAMPIONATI GIOVANILI FEMMINILI Gironi da comporre

CALCIO A UNDICI FEMMINILE

• REGIONALE “Eccellenza” Gironi da comporre
• PROVINCIALE “Promozione” Gironi da comporre
• CAMPIONATO “JUNIORES” Gironi da comporre
• COPPA ITALIA Società ”Eccellenza” Reg.le (obbligatoria)

ATTIVITA’ GIOVANILE SUL TERRITORIO

• REGIONALE “UNDER 17” (ex Allievi) 6 Gironi da 14 Squadre Totale N. 84 (*)
• REGIONALE “UNDER 15” (ex Giovanissimi) 6 Gironi da 14 Squadre Totale N. 84 (*)
• PROVINCIALE “UNDER 17” (ex Allievi) Gironi da comporre
• PROVINCIALE “UNDER 15” (Ex Giovanissimi) Gironi da comporre

(*) Si “Deroga” da 65 a 84 squadre – solo per la Stagione Sportiva 2020/2021 – collegato ad una situazione di carattere eccezionale non essendosi effettuate “retrocessioni” a conclusione della Stagione Sportiva 2019/2020 (COVID-19) – Delibera Consiglio Direttivo C.R. Sicilia del 25 Giugno 2020 – C.U. N. 379 del 26 Giugno 2020 –

PROGETTO DI “DEMATERIALIZZAZIONE” TESSERAMENTO E ISCRIZIONI AI CAMPIONATI – FIRMA ELETTRONICA – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –

Con riferimento alla materia in oggetto, si ricorda che tutte le iscrizioni ai Campionati (dati societari, Presidente, Organigramma, Variazioni organigramma) nonché tutte le operazioni di tesseramento vanno effettuate per via telematica, con l’uso della “Firma Elettronica”, attraverso una apposita area funzionale sul portale web della L.N.D.
Detta procedura di “Dematerializzazione” sostituisce la consegna cartacea delle pratiche presso gli Uffici del Comitato Regionale/Delegazioni o tramite l’invio per posta ordinaria.
Si invitano le Società a prendere visisione delle istruzioni consultando il pro-memoria inserito fra le NEWS del sito del Comitato Regionale Sicilia – cliccando su “Notizie utili, scadenze, informazioni importanti” e, successivamente, cliccando su “Guida alla dematerializzazzione e firma elettronica”, ovvero attraverso la propria area riservata, immettendo il proprio codice identificativo (LND + numero di matricola) e la propria password (le Società ancora sprovviste di password sono invitate a richiederla urgentemente all’Ufficio Affari Generali – Fax 091/6808498; E-mail: sicilia.affarigenerali@lnd.it ), cliccando sul tasto HOME e successivamente “integrazione aiuto in linea per firma elettronica”.

Entrati nell’ area riservata occorrerà seguire le relative istruzioni.

Per quanto sopra si informano le Società che per poter effettuare qualsiasi operazione all’interno dell’Area Società, è OBBLIGATORIO abilitare un dirigente (presente nell’Organigramma con potere di firma) alla FIRMA ELETTRONICA. Nell’Area Società e nel sito del Comitato Regionale Sicilia, fra le NEWS, è scaricabile la GUIDA per mettere in atto i passaggi per l’abilitazione alla FIRMA ELETTRONICA – cliccando su “Progetto di DEMATERIALIZZAZIONE”.

RIATTIVAZIONE FIRMA ELETTRIONICA
Per tutti i Dirigenti già accreditati alla FIRMA ELETTRONICA nella Stagione Sportiva 2019/2020 non è necessario ripetere la procedura di richiesta TAC, ma è obbligatorio utilizzare la funzione “Riattivazione PIN” dal menù “Firma Elettronica”. Per i Presidenti di Società, prima di utilizzare detta funzione, occorre indicare in “Organigramma”- sulla propria anagrafe – l’indicazione di “Rappresentante legale”.

DOMANDE DI AMMISSIONE AI CAMPIONATI REGIONALI DI CATEGORIA SUPERIORE – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –

Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Sicilia, nella riunione del 25 Giugno 2020, ha confermato i criteri di “Ripescaggio” individuati per la Stagione Sportiva 2019/2020, il cui bando viene allegato al presente Comunicato Ufficiale, con gli opportuni adattamenti determinati dalla interruzione delle competizioni sportive. In tal senso, relativamente al punto C) – Meriti Sportivi – dell’Art. 2 – verranno assegnati soltanto i punti di cui ai numeri 3, 4, 5, 6 e 17.
Si precisa, altresì, che le squadre classificatesi al 2°, 3°, 4° e 5° posto s’intendono come partecipanti ai Play-Off, anche se NON disputati in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e, pertanto, non perderanno la priorità nella graduatoria per eventuali “Ripescaggi” alla categoria superiore, così come stabilito dal “Bando”.

Le Società regolarmente in organico nei rispettivi Campionati che, al termine della Stagione Sportiva 2019/2020, intendano concorrere all’ammissione ad un Campionato Regionale di Categoria superiore, nel caso in cui si rendessero disponibili posti, dovranno depositare la scheda del “Bando di Concorso” allegata al presente Comunicato, debitamente compilata, presso questo Comitato Regionale:

• entro e non oltre le ore 12.00 di LUNEDI’ 27 LUGLIO 2020 per il “Ripescaggio” ai Campionati di Eccellenza, Promozione e Serie “C1” di Calcio a 5 Maschile;
• entro e non oltre le ore 12.00 di LUNEDI’ 24 AGOSTO 2020 per il “Ripescaggio” ai Campionati di 1^ e 2^ Categoria, Serie “C2” di Calcio a 5 Maschile e Girone UNICO Femminile di Calcio a 5 –

o inviarla a mezzo Raccomandata con ricevuta di ritorno, purché pervenga entro il giorno di scadenza (non fa fede la data del timbro postale).

Si precisa che il termine per la presentazione delle domande di “Ripescaggio” ha carattere perentorio.

Per concorrere la Società dovrà risultare regolarmente iscritta al Campionato di competenza.

La domanda dovrà contenere l’intero importo della somma dovuta per la Categoria per la quale si chiede il “Ripescaggio” nonché l’eventuale saldo passivo dovuto al 30 Giugno
2020, e dovrà essere depositata in busta “chiusa”, con scritto chiaramente, possibilmente in stampatello, “RIPESCAGGIO”. Anche per quelle inviate a mezzo Raccomandata dovrà chiaramente essere indicato sulla busta “RIPESCAGGIO”. Si precisa che la domanda di “Iscrizione” al Campionato di competenza dovrà avvenire SEPARATAMENTE nei modi e nei termini di cui al presente Comunicato, indicando che la somma dovuta è stata inviata unitamente alla domanda di “Ripescaggio”.

Si ribadisce che le Società che intendono concorrere all’ammissione ad un Campionato Regionale di Categoria superiore, dovranno perfezionare l’iscrizione al Campionato di competenza prima della scadenza del termine fissato per il “Ripescaggio”, inviando “TELEMATICAMENTE” tutta la documentazione di cui alla lettera A) del successivo punto 9. del presente Comunicato Ufficiale, ivi compreso il nulla-osta disponibilità campo di giuoco.

Si fa presente che relativamente all’utilizzo dei campi in Erba Artificiale dovrà essere allegata copia del verbale di omologazione rilasciato dalla CISEA (Commissione Impianti Sportivi in Erba Artificiale) in corso di validità.

Qualora non si dovesse ottenere l’ammissione al Campionato di Categoria superiore, questo Comitato Regionale provvederà, dietro richiesta, al riaccredito della differenza.

E’ stata costituita apposita Commissione che provvederà all’esame delle domande le cui graduatorie saranno successivamente formulate ed approvate dal Consiglio Direttivo.

Per concorrere occorre seguire le procedure del Regolamento allegato al presente Comunicato Ufficiale.

**********

“RIPESCAGGI” CAMPIONATI CALCIO A 5 – MASCHILI E FEMMINILI

Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Sicilia, nella riunione del 25 Giugno 2020, ha confermato i criteri di “Ripescaggio” individuati per la Stagione Sportiva 2019/2020, il cui bando viene allegato al presente Comunicato Ufficiale, con gli opportuni adattamenti determinati dalla interruzione delle competizioni sportive.

MASCHILE –

Per concorrere occorre seguire le procedure del Regolamento allegato al presente Comunicato Ufficiale, presentando la scheda del “Bando di Concorso” debitamente compilata.

Le Società 2nda e 3rza classificata nella media punti tra le Società Seconde classificate nelle Delegazioni Provinciali con meno di dieci Società avranno priorità in sede di “Ripescaggio” nel Campionato Regionale di Serie C2.

FEMMINILE –

Per quanto attiene al CAMPIONATO REGIONALE FEMMINILE, resta confermato quanto segue:

a) La vincente del girone provinciale accede direttamente al Girone Unico Regionale;
b) Eventuali altri posti liberi saranno assegnati nell’ordine appresso indicato:

1. Società che nell’ultimo anno hanno partecipato al Girone Provinciale Femminile, portandolo regolarmente a termine;
2. Società affiliate da almeno un anno;
3. Società nuove affiliate.

Per quanto attiene al punto 1), in caso di esubero, la precedenza sarà attribuita in base all’ordine di classifica.

Per quanto attiene ai rimanenti punti, nella eventualità di esubero, la precedenza sarà attribuita in base alla data di ratifica dell’affiliazione.

Le domande di ammissione (vedere “scheda” R/FEMM. allegata al presente comunicato ufficiale), dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12.00 di LUNEDI’ 24 AGOSTO 2020 e contenere l’intero importo previsto per il girone Unico Regionale.

SI RICORDA CHE NON VALE LA DATA DEL TIMBRO POSTALE.

ISCRIZIONE AI CAMPIONATI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –

Ai fini della partecipazione ai rispettivi Campionati di competenza della Stagione Sportiva 2020/2021, le Società sono tenute a perfezionare l’iscrizione secondo i criteri, le modalità ed entro i termini d’appresso stabiliti, provvedendo a tutti gli adempimenti previsti dalle disposizioni deliberate dal Consiglio Direttivo di Lega ai sensi dell’Art. 28 del Regolamento della L.N.D. che si ritiene opportuno trascrivere:
Art. 28 – REGOLAMENTO L.N.D.
L’iscrizione ai Campionati
1. Le società sono tenute a perfezionare l’iscrizione ai Campionati, attuabile anche con la modalità telematica, entro i termini annualmente fissati, provvedendo a tutti gli adempimenti previsti secondo le disposizioni emanate dalla Lega Nazionale Dilettanti, anche attraverso i Comitati Regionali, le Divisioni, i Comitati Provinciali Autonomi di Trento e Bolzano e i Dipartimenti.

2. Costituiscono, comunque, condizioni inderogabili per l’iscrizione ai Campionati:

a) la disponibilità di un impianto di giuoco omologato, dotato dei requisiti previsti dall’art. 31 del presente Regolamento. Le Società sono tenute a svolgere l’ attività sportiva di competenza nel rispetto di quanto stabilito dall’art. 19, delle N.O.I.F..

b) l’inesistenza di situazioni debitorie nei confronti di Enti federali, società e tesserati;

c) il versamento delle seguenti somme dovute a titolo di diritti ed oneri finanziari:

1. Tassa associativa alla L.N.D.;
2. Diritti di iscrizione ai campionati di competenza;
3. Assicurazione tesserati;
4. Acconto spese per attività regionale o nazionale e organizzazione;

I Comitati Regionali, le Divisioni, i Comitati Provinciali Autonomi di Trento e Bolzano, il Dipartimento Interregionale ed il Dipartimento Calcio Femminile hanno facoltà di disporre, nel Comunicato che fissa le disposizioni relative all’iscrizione ai Campionati, che le somme di cui ai punti 3 e 4, della lett. c) siano versate in misura non inferiore al 30% di quanto dovuto. In tal caso gli importi residui, che non potranno superare il 70% del dovuto, dovranno essere versati dalle società secondo i termini e le modalità stabiliti dai predetti Comitati, Divisioni e Dipartimenti, ma comunque non oltre il 15 dicembre di ogni anno.
d) il deposito da parte delle società aventi titolo a partecipare ai Campionati nazionali di una fideiussione bancaria a prima richiesta di importo e scadenza stabiliti dal Dipartimento Interregionale o dal Dipartimento Calcio Femminile o Dalla Divisione Calcio a Cinque competente.

********
PROCEDURA DI “DEMATERIALIZZAZIONE” –
Si ricorda che è obbligatoria l’iscrizione ai Campionati Regionali e Provinciali di ogni categoria e disciplina sportiva tramite il sistema telematico, secondo le modalità previste dalla procedura di “Dematerializzazione” alla quale il Comitato Regionale ha aderito a far data dalla Stagione Sportiva 2015/2016 – secondo le istruzioni fornite a tutte le Società (vedi punto 1.1.4. presente Comunicato Ufficiale).

Tale procedutra è l’unica consentita.

A) ADEMPIMENTI PER L’AMMISSIONE AI CAMPIONATI: Le Società devono, a pena di decadenza, nel periodo fissato, formalizzare l’iscrizione al Campionato di competenza, secondo le modalità On-line. Decorso il termine stabilito per il Campionato di competenza il sistema operativo non accetterà alcuna operazione relativa alla richiesta di iscrizione.
Entro un lasso di tempo non superiore a 10 giorni successivi alla scadenza del “termine ordinatorio” fissato per l’iscrizione On-line, la Società dovrà procedere alla compilazione definitiva e relativo invio “Telematico” della domanda di iscrizione al Campionato di competenza e della modulistica allegata.

L’adempimento di cui al punto A) dovrà essere comprensivo, oltre che della domanda di iscrizione, della seguente documentazione:

1) DATI SOCIETA’ – Si raccomanda il corretto inserimento dei dati relativi al Codice Fiscale e Partita IVA della Società (NON del legale rappresentante), allegando copia del certificato di attribuzione del Codice Fiscale e Partita IVA rilasciato dalle Autorità competenti.

2) ORGANIGRAMMA (Allegare copia autentica dell’ultimo Verbale di Assemblea Societaria nel corso della quale sono state attribuite le cariche sociali per la Stagione Sportiva 2020/2021). Si ricorda che ogni qualvolta il Consiglio Direttivo subisce una modifica (anche l’inserimento di un solo Consigliere) si dovrà procedere sempre con la procedura On-line, compilando il modello VARIAZIONI ORGANIGRAMMA con allegato il relativo verbale. Soprattutto quando viene sostituito il legale rappresentante della Società, lo stampato dovrà essere accompagnato, oltre che dal verbale, dalle dimissioni del Presidente uscente, ovvero i Componenti il Consiglio Direttivo dimissionari devono risultare dal relativo verbale, debitamente firmato dagli stessi.

Al riguardo si riporta l’Art. 37, comma 1, della N.O.I.F.:
“ il tesseramento dei dirigenti e dei collaboratori nella gestione sportiva avviene all’atto dell’ iscrizione al Campionato della Società di appartenenza. A tal fine le Società sono tenute a comunicare alle Leghe, alle Divisioni o ai Comitati competenti i nominativi dei dirigenti e dei collaboratori, precisandone le qualifiche e gli incarichi. Ogni variazione deve essere comunicata entro venti giorni dal suo verificarsi, e, agli effetti federali, ha efficacia a decorrere dalla data di ricezione della comunicazione ”.

3) PRESIDENTE

4) DELEGATI ALLA FIRMA

5) AUTOCERTIFICAZIONE – Norme in materia di comportamento e di Onorabilità –
Si fa rinvio alle norme generali di cui al Codice di Comportamento Sportivo, approvato dal Consiglio Nazionale del C.O.N.I., nonché agli Artt. 22 bis e 22 Ter delle N.O.I.F., richiamando l’attenzione delle Società sul contenuto dei sotto riportati punti 6) e 6 bis dell’ Art. 22 bis delle N.O.I.F. :

punto 6: All’atto della richiesta di tesseramento (Art. 37, delle N.O.I.F.) e quale imprescindibile condizione dello stesso, i dirigenti di Società o di Associazione ed i collaboratori nella gestione sportiva delle stesse debbono espressamente dichiarare di non trovarsi in alcuna delle incompatibilità previste dal 1° comma del presente articolo. La dichiarazione deve essere prodotta nella forma della autocertificazione. Per le Società ed Associazioni che svolgono attività in ambito regionale e provinciale l’obbligo di cui sopra grava esclusivamente sui Presidenti delle Società ed Associazioni stesse, i quali debbono anche dichiarare l’assenza di condizioni di incompatibilità degli altri dirigenti e dei collaboratori.

punto 6 bis: I Dirigenti di Società o di Associazione e i collaboratori della gestione sportiva delle stesse, ove intervenga una situazione di incompatibilità di cui al primo comma, o siano sottoposti alle misure previste dal quarto comma o siano colpiti da provvedimento restrittivo della libertà personale, sono tenuti a darne immediata comunicazione alla Lega o al Comitato competente.

Si segnala che la dichiarazione deve essere resa e sottoscritta nella consapevolezza di quanto disposto dall’Art. 20 Legge 4.01.1968 N. 15 e delle sanzioni penali previste dall’Art. 26 della stessa Legge. Alla stessa deve essere allegata copia di un valido documento di riconoscimento.

6) DELEGA NEGOZIAZIONE DIRITTI DI IMMAGINE, PUBBLICITARI E COMMERCIALI – Le Società all’atto dell’iscrizione al Campionato di competenza, dovranno sottoscrivere – a cura del proprio Legale Rappresentante – la delega alla Lega Nazionale Dilettanti per la negoziazione dei diritti di immagine, pubblicitari e commerciali –

7) DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA’ DEL CAMPO DI GIUOCO – Si ricorda che, all’atto dell’iscrizione ai Campionati, le Società dovranno indicare la disponibilità di un campo da giuoco ove disputare le gare ufficiali, nel rispetto di quanto previsto dall’Art. 19 delle N.O.I.F.
Al fine di garantire il regolare svolgimento delle manifestazioni, è necessario che per l’impianto sportivo, oltre alla omologazione da parte del Comitato Regionale, sia stato rilasciato dal rispettivo Comune di appartenenza o da parte dell’Ente privato proprietario, (come da modello che sarà a disposizione delle Società in forma telematica) l’attestato di completa idoneità del campo di giuoco e degli annessi servizi e strutture a corredo, nel rispetto sia della normativa in tema di sicurezza, sia per quanto attiene l’agibilità. (Punto 31 DISPONIBILITA’ CAMPI DI GIUOCO – C.U. N. 1 della L.N.D. dell’ 1 Luglio 2020).

Si fa presente che relativamente all’utilizzo dei campi in Erba Artificiale dovrà essere allegata copia del verbale di omologazione rilasciato dalla CISEA (Commissione Impianti Sportivi in Erba Artificiale) in corso di validità.

8) ISCRIZIONE AL CAMPIONATO REGIONALE “ JUNIORES – UNDER 19” (obbligatorio per le squadre del Campionato di Eccellenza e Promozione e per le squadre delle Società siciliane partecipanti al Campionato Nazionale Serie “D” della Stagione Sportiva 2020/2021).

9) ISCRIZIONE ALLA COPPA DI COMPETENZA – Coppa Italia obbligatoria per le Società di Eccellenza e Promozione. Coppa Sicilia, Coppa Trinacria e Trofeo Province a richiesta delle Società partecipanti rispettivamente ai Campionati di 1^, 2^ e 3^ Categoria. Coppa Italia Calcio a 5 Maschile Serie “C1” obbligatoria. Coppa Sicilia Calcio a 5 Maschile Serie “C2”obbligatoria. Coppa Trinacria Calcio a 5 Maschile riservata alle Società partecipanti al Campionato di Serie “D”. Coppa Italia Calcio a 5 Femminile obbligatoria Girone Regionale Unico. Coppa Italia Calcio a 11 Femminile obbligatoria per le Società partecipanti al Campionato Regionale di “Eccellenza”.

10) DIRITTI ED ONERI PER LA PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI – Le Società dovranno versare, oltre all’eventuale saldo passivo al 30 Giugno 2020, gli importi stabiliti dalla lettera c) del comma 2) dell’Art. 28 del Regolamento della L.N.D., così come riportati al punto 11. del presente Comunicato Ufficiale che risultano già comprensivi dell’importo relativo a “ASSICURAZIONE DIRIGENTI” (€ 130,00 per ogni singola Società partecipante ai Campionati di Eccellenza, Promozione e 1^ Categoria – € 90,00 per ogni singola Società partecipante a tutti gli altri Campionati, ad eccezione dell’Attività Amatoriale e Ricreativa) ed ai quali va aggiunto l’importo relativo all’ “ASSICURAZIONE DEI TESSERATI” che, si ribadisce, varierà a seconda del numero dei tesserati che ogni singola Società avrà in carico alla data del 30 Giugno 2020 (€ 27,00 – C.U.N. 5 della L.N.D. del 1° Luglio 2020 – moltiplicato per il numero dei tesserati – importo che potrà essere rilevato esclusivamente attraverso la procedura On-line).

Per quanto attiene al premio relativo alla Categoria “Dirigenti” delle Società della L.N.D. – così come disposto dal 1° Luglio 2012, recependo il Decreto attuativo delle Assicurazioni obbligatorie degli sportivi dilettanti del 3 Novembre 2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale N. 296 del 20 Dicembre 2010 – l’importo pro capite è pari ad € 5,00. Ai “Dirigenti Ufficiali” sono applicate le medesime coperture assicurative previste per i calciatori (C.U.N. 5 della L.N.D. del 1° Luglio 2020).

A tale proposito si ricorda che sono considerati “Dirigenti Ufficiali” i tesserati ammessi nel recinto di giuoco e possessori di una tessera identificativa della F.I.G.C./L.N.D. valida per la Stagione Sportiva 2020/2021, segnatamente:

a) Dirigenti indicati come accompagnatori ufficiali;
b) Dirigenti indicati come addetti agli ufficiali di gara;
c) Dirigenti che svolgono mansioni di assistenti di parte;
d) Dirigenti ammessi nel recinto di giuoco al posto dell’Allenatore.

I Dirigenti che non saranno indicati in una delle suddette Categorie rientreranno nel regime assicurativo della Categoria dei “Dirigenti”.

********

Tutte le rimesse dovranno pervenire tramite Assegno Circolare (“non trasferibile” intestato a: F.I.G.C. L.N.D. Comitato Regionale Sicilia) o Bonifico bancario in favore di: F.I.G.C. LEGA NAZIONALE DILETTANTI – Via Orazio Siino s.n.c. – 90010 FICARAZZI/PA (Tel. 091.680.84.28)

ordinate Bancarie / IBAN
Paese Cin Eur Cin Abi Cab n. conto corrente
IT 26 S 02008 43730 000300644037

Presso Banca UniCredit Agenzia di VILLABATE (22165)

Copia della ricevuta dovrà essere allegata alla domanda di iscrizione o, inviata tramite Fax al N. 091/6808494 – Si ricorda che sulla causale del Bonifico dovranno essere indicati chiaramente i seguenti dati:

– denominazione sociale;
– numero di matricola;
– campionato per il quale si effettua il versamento

ovvero a mezzo SERVIZIO RISCOSSIONE BANCOMAT – POS – c/o la Sede del C.R. Sicilia –
**********
Si precisa che nei casi di doppia attività (es. Campionati di Calcio a 11 di qualsiasi Categoria Maschile e/o Femminile più Calcio a 5 Maschile e/o Femminile e/o Juniores o viceversa) gli oneri (associazione e spese organizzazione attività regionale) dovranno essere versati una sola volta, con riferimento al Campionato di Categoria superiore. Per i campionati di Categoria inferiore, bisogna versare solo i “diritti d’ iscrizione” al Campionato di cui al punto 12. – lettera A).

Nel sottolineare le condizioni inderogabili per l’iscrizione ai rispettivi Campionati di cui alla lettera c) del comma 2) del suindicato Art. 28 del Regolamento della L.N.D., si ribadisce che le Società, alla data di scadenza, dovranno versare, anche, gli eventuali saldi passivi relativi alla Stagione Sportiva precedente.

La lettera b) del comma 2) – del citato Art. 28 stabilisce, altresì, l’inesistenza di situazioni debitorie nei confronti di Enti Federali, ovvero altre pendenze verso Società consorelle o verso dipendenti e tesserati, e ciò a seguito di sentenze passate in giudicato emesse dagli Organi della Disciplina Sportiva o dagli Organi per la risoluzione di controversie.

• Art. 94 ter comma 12 N.O.I.F. –

In presenza di decisioni della Commissione Accordi Economici divenute definitive entro il 31 Maggio 2020 nonché, sempre entro il predetto termine, in presenza di decisioni anch’esse divenute definitive del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Vertenze Economiche – e della Commissione Premi, le somme poste a carico delle Società devono essere integralmente corrisposte agli aventi diritto entro il termine annualmente fissato per l’iscrizione al rispettivo campionato.
In caso contrario, la Società inadempiente deve essere esclusa dal Campionato di competenza (cfr. Circolare N. 66 della L.N.D. del 26 Giugno 2020).

• Art. 94 ter comma 13 N.O.I.F. –

Ai soli fini delle iscrizioni ai Campionati della Stagione Sportiva 2020/2021, le disposizioni riguardanti l’applicazione dell’Art. 94 ter, comma 13, delle N.O.I.F. sono state derogate come di seguito riportato, giusto provvedimento di cui al C.U. F.I.G.C. N. 217/A del 10 Giugno 2020 (cfr. Comunicato Ufficiale L.N.D. N. 315 dell’11 Giugno 2020).

In presenza di decisioni del Collegio Arbitrale presso la L.N.D. pubblicate entro il 15 Luglio 2020 ed aventi ad oggetto ratei di premio di tesseramento annuale e rimborsi spese maturati sino al 29 Febbraio 2020, le somme poste a carico delle Società devono essere integralmente corrisposte agli aventi diritto entro il termine annualmente fissato per l’iscrizione al rispettivo Campionato.
In caso contrario, la Società inadempiente deve essere esclusa dal Campionato di competenza (cfr. Circolare N. 66 della L.N.D. del 26 Giugno 2020).

********

SI FA PRESENTE CHE – GIUSTO QUANTO ESPRESSAMENTE ORDINATO DALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI – L’INOSSERVANZA DEI DISTINTI TERMINI FISSATI PER L’ISCRIZIONE ON-LINE E PER L’INOLTRO “TELEMATICO” DELLA DOCUMENTAZIONE CON RIFERIMENTO ALL’ADEMPIMENTO PREVISTO AL PUNTO A) (compilazione definitiva della domanda di iscrizione secondo la modalità On-line a pena di decadenza) COMPORTERA’ L’ESCLUSIONE DELLA SOCIETA’ DAL CAMPIONATO DI COMPETENZA.

Si riportano le linee-guida per le iscrizioni delle Società ai Campionati di competenza della Stagione Sportiva 2020/2021, così come deliberato dal Consiglio Direttivo della L.N.D. nella riunione dell’11 Giugno 2020.

Si ribadisce che ai sensi dell’Art. 28, del Regolamento della Lega Nazionale Dilettanti, costituiscono condizioni Inderogabili per l’iscrizione ai Campionati regionali e provinciali della L.N.D.:

a) la disponibilità di un impianto di gioco omologato, dotato dei requisiti previsti dall’Art. 31, del Regolamento della Lega Nazionale Dilettanti;

b) l’inesistenza di situazion i d ebitorie nei conf ronti di Enti federali, Società e tesserati;
c) il versamento delle seguenti somme dovute a titolo di diritti e oneri finanziari:

– Tassa associativa alla L.N.D.;
– Diritti di iscrizione ai Campionati di competenza;
– Assicurazione tesserati;
– Acconto spese per attività regionale e organizzazione.

Per quanto riguarda le voci di cui al punto c) – tassa associativa alla L.N.D., diritti di iscrizione ai Campionati di competenza, assicurazione tesserati, acconto spese per attività regionale e organizzazione – si fa presente che, in deroga all’Art. 28 del Regolamento della L.N.D., il Consiglio Direttivo della L.N.D. ha dato facoltà ai Comitati di prevedere le seguenti rateizzazioni nei pagamenti secondo le modalità di seguito specificate.

– Prima rata: 30% dell’importo globale entro il termine perentorio fissato per l’iscrizione al Campionato di competenza;
– Seconda rata: ulteriore 30% dell’importo globale entro il termine perentorio del 16 Novembre 2020;
– Terza rata: ulteriore 20% dell’importo globale entro il termine perentorio del 21 Dicembre 2020;
– Quarta rata: saldo del restante 20% entro il termine perentorio del 22 Febbraio 2021.

Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Sicilia, riunitosi in data 25 Giugno 2020, ha accolto di applicare la “deroga” come più sopra riportata.

Il versamento degli importi di cui al punto b), relativo a situazioni debitorie nei confronti di Enti federali, Società e tesserati residuate a conclusione della Stagione Sportiva 2019/2020, non rientra nel sistema delle rateizzazioni, ma deve invece essere tassativamente saldato entro il termine ultimo per entorio f issato per l’iscrizione al Ca mpion ato di co mpetenz a (vedi Art. 94 ter delle N.O.I.F. commi 12 e 13 più sopra richiamato).
Il mancato versamento della rata iniziale del 30% e degli importi di cui al punto b) entro il termine perentorio fissato per l’iscrizione al Campionato di competenza comporta la mancata iscrizione della Società al Campionato stesso.

Alla scadenza dei termini perentori del 16 Novembre 2020, del 21 Dicembre 2020 e del 22 Febbraio 2021, verrà avviata, senza indugio, la procedura del “PRELIEVO COATTIVO” nei confronti delle Società eventualmente inadempienti, secondo le norme di cui all’Art. 53 delle N.O.I.F. ed all’Art. 30 del Regolamento della Lega Nazionale Dilettanti.

In tal senso troveranno applicazione i punti 5, 5 bis e 6 dell’Art. 53, delle N.O.I.F. che di seguito si riportano (Nuovo testo C.U. N. 83/A della F.I.G.C. pubblicato in Roma il 2 Aprile 2019 ed allegato al C.U. N. 278 della L.N.D. pubblicato in Roma il 4 Aprile 2019 – Già pubblicato con C.U. del C.R. Sicilia N. 388 del 4 Aprile 2019 e N. 390 del 5 Aprile 2019):

5. – Fatto salvo quanto previsto al successivo comma 5 bis, la Società che rinuncia per la 2^ volta a disputare gare è esclusa dal Campionato o dalla manifestazione ufficiale.

5.bis – Le Società dilettantistiche che, a causa del mancato adempimento degli oneri di iscrizione al Campionato, non disputino 2 gare, ai sensi del Regolamento della L.N.D., sono escluse dal Campionato stesso.

6. – Il mancato pagamento di somme, coattivamente disposto dalle Leghe, dal Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica, dalle Divisioni, dai Comitati e dai Dipartimenti, equivale a rinuncia alla disputa della gara.

Si ricorda, altresì, che è stato modificato l’Art. 30 del Regolamento della L.N.D. nel senso che i “prelievi coattivi” possono essere disposti anche se la Società inadempiente disputa la gara in campo esterno.

Questo Comitato Regionale, al fine di offrire assistenza alle Società per la compilazione dell’iscrizione On-line, ha istituito un apposito “sportello” operativo. Analoga postazione é resa disponibile presso ogni Delegazione Provinciale/Distrettuale.

Le Società, pertanto, sono invitate a regolarizzare l’iscrizione nei termini e con le modalità stabilite dal presente Comunicato Ufficiale.
Non è consentita l’iscrizione con generici telegrammi di adesione o con l’invio telematico incompleto della documentazione da allegare alla domanda di iscrizione, anche con riferimento ad uno soltanto degli allegati previsti come sopra elencati.
In tal caso questo Comitato considererà la Società rinunciataria a tutti gli effetti, e sarà esclusa dal campionato di competenza.

CAMPIONATO “JUNIORES- UNDER 19” – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –

A) CAMPIONATO REGIONALE

Il Comitato Regionale ha riconfermato la formula di svolgimento del Campionato Regionale “Juniores – Under 19”, obbligatorio per le Società di Eccellenza e Promozione, ed al quale possono essere iscritte, a completamento dell’organico, Società partecipanti ai Campionati inferiori (1^, 2^ e 3^ Categoria) nonché le Società “Pure” che ne faranno richiesta.

Al Campionato Regionale “Juniores – Under 19” sono iscritte d’ufficio, altresì, le squadre delle Società siciliane partecipanti al Campionato Nazionale Serie “D” della Stagione Sportiva 2020/2021, che parteciperanno “Fuori Classifica”.

La data di scadenza di iscrizione viene fissata entro le ore 12.00 di Lunedì 28 Settembre 2020. Rimane articolato con una 1^ Fase gestita, per delega, dalle Delegazioni Provinciali/Distrettuale, ed il Campionato dovrà iniziare non oltre la fine del mese di Ottobre 2020. Ciò in considerazione che la vincente Regionale, che verrà ammessa alla Fase Nazionale, deve essere individuata e comunicata alla L.N.D. entro il termine che sarà reso noto con successiva informativa da parte della stessa L.N.D. Al termine della 1^ Fase ogni Delegazione comunicherà al Comitato Regionale – entro il mese di Marzo 2021 – la vincente di ogni Girone.

– L’articolazione della 2^ Fase delle Società dei Campionati Regionali è subordinata al numero delle vincenti per girone.

La gara FINALE REGIONALE si disputerà su un campo neutro in considerazione che la gara Finale Regionale, relativa all’edizione 2019/2020, non si è effettuata in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

– L’articolazione della 2^ Fase riservata alle Società di Serie “D” vedrà il coinvolgimento di tutte le partecipanti a detto Campionato. La formula sarà successivamente comunicata.

Il tempo di attesa è fissato in 15 minuti.

Potranno partecipare i calciatori nati dal 1° gennaio 2002 in poi e che, comunque, abbiano compiuto il 15° anno di età; è consentito impiegare fino a un massimo di tre calciatori “fuori quota”, nati dal 1° gennaio 2001 in poi.
L’inosservanza delle predette disposizioni sarà punita con la sanzione della perdita della gara prevista dall’art. 10, comma 6, del Nuovo Codice di Giustizia Sportiva.
E’ consentito alle Società Juniores “pure” regionali di impiegare in ogni gara fino ad un massimo di tre calciatori “fuori quota”, nati dal 1° gennaio 2001 in poi. (vedere lettera A/9 – punto 2) lettera b) – Limite di partecipazione dei calciatori in relazione all’età – del C.U. N. 1 della L.N.D. dell’1 Luglio 2020).

B) CAMPIONATO PROVINCIALE

Il Campionato Provinciale è organizzato da ciascuna Delegazione Provinciale/Distrettuale sulla base di uno o più gironi.

Potranno partecipare i calciatori nati dal 1° gennaio 2002 in poi e che, comunque, abbiano compiuto il 15° anno di età; è consentito impiegare fino a un massimo di quattro calciatori “fuori quota”, nati dal 1° gennaio 2000 in poi.
L’inosservanza delle predette disposizioni sarà punita con la sanzione della perdita della gara prevista dall’art. 10, comma 6, del Nuovo Codice di Giustizia Sportiva.
E’ consentito alle Società Juniores “pure” provinciali di impiegare in ogni gara fino ad un massimo di quattro calciatori “fuori quota”, nati dal 1° gennaio 2000 in poi. (vedere lettera A/9 – punto 3) lettera b) – Limite di partecipazione dei calciatori in relazione all’età – del C.U. N. 1 della L.N.D. dell’1 Luglio 2020).

******

Norme sull’utilizzo dei calciatori “fuori quota”
Per quanto riguarda l’impiego dei Calciatori “fuori quota” si chiarisce che l’utilizzo è facoltativo e che il limite di 3 (Campionato “Regionale” Juniores) e di 4 (Campionato “Provinciale” Juniores) si riferisce all’intera durata della gara. Ne consegue che sulla distinta presentata all’arbitro, prima dell’inizio della gara, potranno essere riportati i nominativi di massimo 3 calciatori nati dal 1° Gennaio 2001 in poi (Campionato “Regionale” Juniores) e di massimo 4 calciatori nati dal 1° Gennaio 2000 in poi (Campionato “Provinciale” Juniores), sia che gli stessi vengano utilizzati immediatamente sia che subentrino nel corso della gara.

TERMINI DI ISCRIZIONE E DIRITTI ED ONERI FINANZIARI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –
Le iscrizioni ai Campionati Regionali e Provinciali sono aperte dal 15 LUGLIO 2020 e chiuderanno secondo il calendario di seguito riportato – “TERMINE ORDINATORIO” –

Si riportano qui di seguito, altresì, i diritti ed oneri finanziari, distinti per singolo Campionato, ai quali va aggiunto l’ “Assicurazione Tesserati”.

CALCIO A 11 MASCHILE

• Campionato di Eccellenza ore 12.00 – Lunedì 27.07.2020 € 5.930,00 (.)
• Campionato di Promozione ore 12.00 – Lunedì 27.07.2020 € 5.330,00 (.)
• Campionato Prima Categoria ore 12.00 – Lunedì 24.08.2020 € 3.330,00
• Campionato Seconda Categoria ore 12.00 – Lunedì 24.08.2020 € 2.340,00
• Campionato Terza Categoria – Terza
Categoria “Under 21” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 1.400,00
• Campionato Terza Categoria “Under 19” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 1.300,00
• Campionato Terza Categoria “Riserve” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 660,00
• Campionato Regionale
“Juniores – Under 19” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 1.490,00 (*)
• Campionato Regionale
“Juniores – Under 19” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 800,00 (X)
• Campionato Provinciale
“Juniores – Under 19” ore 12.00 – Lunedì 26.10.2020 € 1.200,00 (*)
• Campionato Provinciale
“Juniores – Under 19” ore 12.00 – Lunedì 26.10.2020 € 610,00 (X)

(.) + € 350,00 Coppa Italia ed € 800,00 “Juniores – Under 19” (obbligatori)
(*) Società “pure”
(X) Tutte le altre società partecipanti

CALCIO A 11 FEMMINILE

• Regionale “Eccellenza” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 1.340,00 (*) (.)
• Regionale “Eccellenza” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 750,00 (**)(.)
• Regionale “Eccellenza” – “Riserve” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 750,00 (.)
• Provinciale “Promozione” ore 12.00 – Lunedì 26.10.2020 € 965,00 (*)
• Provinciale “Promozione” ore 12.00 – Lunedì 26.10.2020 € 475,00 (**)
• Campionato “Juniores” ore 12.00 – Lunedì 26.10.2020 € 865,00 (*)
• Campionato “Juniores” ore 12.00 – Lunedì 26.10.2020 € 275,00 (X)

(.) + € 100,00 Coppa Italia (obbligatoria)
(*) Società “pure”
(**) Doppia attività
(X) Tutte le altre società partecipanti

CALCIO A 5 MASCHILE

• Regionale Serie “C1” ore 12.00 – Lunedì 27.07.2020 € 1.990,00 (.)
• Regionale Serie “C2” ore 12.00 – Lunedì 24.08.2020 € 1.665,00 (..)
• Provinciale Serie “D” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 1.165,00 (*)
• Provinciale Serie “D” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 425,00 (**)
• Provinciale Serie “D” “Riserve” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 425,00
• Campionato Regionale “Under 21” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 965,00 (*)
• Campionato Regionale “Under 21” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 275,00 (X)
• Campionato Regionale “Under 19” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 965,00 (*)
• Campionato Regionale “Under 19” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 € 275,00 X)

(.) + € 250,00 Coppa Italia (obbligatoria)
(..) + € 100,00 Coppa Sicilia (obbligatoria)
(*) Società “pure”
(**) Doppia attività
(X) Tutte le altre Società partecipanti

• Campionato Regionale “Under 17” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 (ex Allievi)
• Campionato Provinciale “Under 17” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 (ex Allievi)
• Campionato Provinciale “Under 15” ore 12.00 – Lunedì 28.09.2020 (ex Giovanissimi) (**)

(**) con successiva Fase Regionale
Si ricorda alle Società che per poter perfezionare l’iscrizione ai Campionati Giovanili è prioritaria ed obbligatoria l’iscrizione ai Campionati di Lega o di Categoria superiore (Eccellenza, Promozione, 1^, 2^ e 3^ Categoria, Serie C1, C2 e D), pena l’esclusione.

CALCIO A 5 FEMMINILE

• Femminile Regionale –
Girone UNICO ore 12.00 – Lunedì 24.08.2020 € 1.265,00 (*)(…)
• Femminile Regionale –
Girone UNICO ore 12.00 – Lunedì 24.08.2020 € 525,00 (**)(…)

• Femminile Provinciale/Interprovinciale ore 12.00 – Lunedì 12.10.2020 € 1.115,00 (*)
• Femminile Provinciale/interprovinciale ore 12.00 – Lunedì 12.10.2020 € 425,00 (**)
• Femminile Provinciale/Interprovinciale
” Riserve” ore 12.00 – Lunedì 12.10.2020 € 425,00

• Campionato Regionale “Under 21” ore 12.00 – Lunedì 12.10.2020 € 965,00 (*)
• Campionato Regionale “Under 21” ore 12.00 – Lunedì 12.10.2020 € 275,00 (X)
• Campionato Regionale “Under 19 ore 12.00 – Lunedì 12.10.2020 € 965,00 (*)
• Campionato Regionale “Under 19” ore 12.00 – Lunedì 12.10.2020 € 275,00 (X)

(…) + € 100,00 Coppa Italia (obbligatoria)
(*) Società “pure”
(**) Doppia attività
(X) Tutte le altre Società partecipanti

• Attività Amatori € 375,00
ATTIVITA’ GIOVANILE SUL TERRITORIO

Si ricorda alle Società che per poter perfezionare l’iscrizione ai Campionati Giovanili è prioritaria ed obbligatoria l’iscrizione ai Campionati di Lega (Eccellenza, Promozione, 1^, 2^ e 3^ Categoria), pena l’esclusione.

• Regionale “Under 17” (ex Allievi) ed
“Under 15” (ex Giovanissimi) ore 12.00 – Lunedì 27.07.2020
• Provinciale “Under 17” (ex Allievi) ed
“Under 15” (ex Giovanissimi) ore 12.00 – Lunedì 21.09.2020

Altre notizie verranno pubblicate con apposito Comunicato Ufficiale.
DIRITTI DI ISCRIZIONE AI CAMPIONATI REGIONALI E PROVINCIALI DELLA L.N.D. ED ONERI FINANZIARI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –
In ottemperanza a quanto deliberato nella riunione del Consiglio Direttivo della L.N.D., tenutasi a Roma l’11 Giugno 2020, si riporta il prospetto riepilogativo degli importi unici relativi ai diritti di iscrizione che le Società debbono versare per l’ammissione ai Campionati regionali e/o provinciali L.N.D. di competenza per la Stagione Sportiva 2020/2021, nonché l’importo del c.d. “Contributo Covid”, riconosciuto in via straordinaria per l’iscrizione delle Società ai suddetti Campionati.

A tale ultimo proposito, si specifica che detto contributo viene assegnato per l’iscrizione ad un solo Campionato, non essendo cumulabile nei casi in cui le Società svolgano più di una attività.

Il Consiglio Direttivo della L.N.D., inoltre, ha disposto per la Stagione Sportiva 2020/2021 il rinnovo dei provvedimenti collegati allo sviluppo delle attività di Calcio a Undici Femminile e di Calcio a Cinque femminile sul territorio, nonché alla gratuità di iscrizione al Campionato di Terza Categoria e Calcio a 5 Maschile 2020/2021 per le neo-affiliate e per le Società che, nella Stagione Sportiva 2020/2021, saranno autorizzate ad effettuare il cambio di status da S.G.S. “pure” a L.N.D. Tali Società, che sono esentate dal pagamento dei diritti di iscrizione, come appare naturale non beneficeranno del suindicato contributo.

A) Diritti di iscrizione ai Campionati di competenza e c.d. “CONTRIBUTO COVID” –

CAMPIONATI DIRITTI DI ISCRIZIONE CONTRIBUTO “COVID”
(solo per un Campionato, non cumulabile per attività multiple)

Campionato di Eccellenza 2.500 1.500
Campionato di Promozione 1.900 1.200
Campionato di 1^ Categoria 1.400 1.000
Campionato di 2^ Categoria 950 800
Campionato di 3^ Categoria – 3^ Categoria Under 21 – 660 500
Campionato di 3^ Categoria Under 19 610 500
Campionato Regionale Juniores Under 19 800 500
Campionato Provinciale Juniores Under 19 610 400
Attività Amatori 375 ====
Campionato Regionale Calcio Femminile Eccellenza 750 400
Campionato Provinciale Calcio Femminile Promozione 475 400
Campionato Juniores Calcio Femminile 275 200
Campionato Regionale Calcio a 5 Serie C-C1 Maschile 800 500
Campionato Regionale Calcio a 5 Serie C2 Maschile 525 300
Campionato Provinciale Calcio a 5 Serie D Maschile 425 300
Campionato Regionale Calcio a 5 Femminile Serie C 525 300
Campionato Provinciale Calcio a 5 Femminile Serie D 425 300
Campionato Regionale Under 21 Calcio a 5 Maschile e Femminile 275 200
Campionato Under 19 Calcio a 5 Maschile e Femminile 275 200

B) Diritti di Associazione alla L.N.D. € 300,00

C) Diritti di affiliazione alla F.I.G.C.
(solo per le nuove affiliate) € 65,00

Si specificano, altresì, le altre voci che costituiscono oneri a carico delle Società per l’iscrizione ai Campionati di propria competenza della Stagione Sportiva 2020/2021:

D) Acconto Spese e organizzazione – Attività Regionale

CALCIO A 11 MASCHILE

Campionato di Eccellenza € 3.000,00
Campionato di Promozione € 3.000,00
Campionato di 1^ Categoria € 1.500,00
Campionato di 2^ Categoria € 1.000,00
Campionato di 3^ Categoria – 3^ Categoria Under 21 € 350,00
Campionato di 3^ Categoria Under 19 € 300,00
Campionato Regionale “Juniores – Under 19” € 300,00
Campionato Provinciale “Juniores – Under 19” € 200,00

CALCIO A 11 FEMMINILE

Campionato Regionale “Eccellenza” € 200,00
Campionato Provinciale “Promozione” € 100.00
Campionato “Juniores” € 200,00
CALCIO A 5

Campionato Regionale Serie “C1” € 800,00
Campionato Regionale Serie “C2” € 750,00
Campionato Provinciale Serie “D” € 350,00
Campionato Femminile Regionale – Girone UNICO € 350,00
Campionato Femminile Provinciale/Interprovinciale € 300,00
Campionato Regionale Maschile e Femminile “Under 21” € 300,00
Campionato Regionale Maschile e Femminile “Under 19” € 300,00

E) Assicurazione Tesserati

Euro 27,00 moltiplicato per il numero dei tesserati che ogni Società avrà in carico alla data del 30 Giugno 2020. L’importo potrà essere rilevato esclusivamente attraverso la procedura ON-LINE.

F) Assicurazione Dirigenti

Ogni singola Società partecipante ai Campionati di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria dovrà corrispondere un premio forfettario annuale pari ad € 130,00.
Ogni singola Società partecipante a tutti gli altri Campionati della L.N.D., ad eccezione dell’Attività Amatoriale e Ricreativa, dovrà corrispondere un premio forfettario annuale pari ad € 90,00.

Le Società potranno prendere visione ON-LINE di quanto dovuto nell’area riservata immettendo il proprio codice identificativo (LND + matricola e la propria password)

Le notizie relative all’Attività Giovanile sul territorio verranno pubblicate con apposito Comunicato Ufficiale.

ONERI ISCRIZIONI COPPE REGIONALI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –
Gli importi degli oneri di iscrizione alle Coppe sono i seguenti:

Calcio a Undici Maschile
– Coppa Italia Dilettanti Memorial “Gianfranco Provenzano” € 350,00
– Coppa Italia Memorial “Orazio Siino” € 350,00
– Coppa Sicilia Memorial “Filippo Lentini” € 250,00
– Coppa Trinacria Memorial “Salvatore Sajeva” € 250,00
– Trofeo Province Memorial “Pietro Lo Bianco” € 100,00

Calcio a Cinque Maschile
– Coppa Italia Serie “C1” € 250,00
– Coppa Sicilia Serie “C2” € 100,00
– Coppa Trinacria Serie D € 100,00

Calcio a Cinque Femminile
– Coppa Italia € 100,00

Calcio a Undici Femminile
– Coppa Italia € 100,00

Più le spese arbitrali.

DATE INIZIO CAMPIONATI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –

CALCIO A UNDICI MASCHILE

• Campionato di Eccellenza Regionale Domenica 13 Settembre 2020
• Campionato di Promozione Domenica 13 Settembre 2020
• Campionato di Prima Categoria Domenica 27 Settembre 2020
• Campionato di Seconda Categoria Domenica 11 Ottobre 2020
• Campionato di Terza Categoria Entro il mese di Ottobre 2020
• Campionato di Terza Categoria Under 21 Da stabilire
• Campionato di Terza Categoria Under 19 Da stabilire
• Campionato Juniores Regionale “Under 19” Entro il mese di Ottobre 2020
• Campionato Juniores Provinciale “Under 19” Da stabilire

CALCIO A CINQUE MASCHILE E FEMMINILE

• Serie “C1” Regionale Sabato 26 Settembre 2020
• Serie “C2” Interprovinciale Sabato 10 Ottobre 2020
• Serie “D” Provinciale Entro il mese di Ottobre 2020
• Regionale “Under 21” Maschile Entro il mese di Ottobre 2020
• “Under 19” Maschile e Femminile Entro il mese di Ottobre 2020
• Regionale “Under 17” (ex Allievi) Entro il mese di Ottobre 2020
• Provinciale “Under 17” (ex Allievi) Entro il mese di Ottobre 2020
• Provinciale “Under 15” (ex Giovanissimi) Entro il mese di Ottobre 2020
• Regionale Femminile – GIRONE UNICO Domenica 18 Ottobre 2020
• Provinciale/Interprovinciale Femminile Entro il mese di Ottobre 2020

CALCIO A UNDICI FEMMINILE

• Regionale “Eccellenza” Entro il mese di Ottobre 2020
• Provinciale “Promozione” Da stabilire

ATTIVITA’ GIOVANILE SUL TERRITORIO

• Regionale “Under 17” (ex Allievi) ed
“Under 15” (ex Giovanissimi) Domenica 27 Settembre 2020
• Provinciale “Under 17” (ex Allievi) ed
“Under 15” (ex Giovanissimi) Entro il 18 Ottobre 2020 (*)

(*) I Campionati dovranno concludersi entro la prima quindicina del mese di Maggio 2021.

DATE INIZIO COPPE REGIONALI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –

CALCIO A 11 MASCHILE

• Coppa Italia Memorial “Gianfranco Provenzano”
(Eccellenza – Prima fase) Domenica 30 Agosto 2020
Domenica 06 Settembre 2020
• Coppa Italia Memorial “Orazio Siino”
(Promozione – Prima fase) Domenica 30 Agosto 2020
Domenica 06 Settembre 2020
• Coppa Sicilia Memorial “Filippo Lentini”
(1^ Categoria – Primo Turno) Da stabilire

• Coppa Trinacria Memorial “Salvatore Sajeva”
(2^ Categoria – Primo Turno) Da stabilire

• Trofeo Province Memorial “Pietro Lo Bianco”
(3^ Categoria) Da stabilire

CALCIO A CINQUE MASCHILE E FEMMINILE

• Coppa Italia Maschile Serie “C1” Sabato 05 Settembre 2020
• Coppa Sicilia Serie “C2” Sabato 19 Settembre 2020
• Coppa Trinacria Maschile Da stabilire
• Coppa Italia Femminile (*) Domenica 27Settembre 2020

(*) Eventuale Fase di Qualificazione- Final Four: date da stabilire

CALCIO A 11 FEMMINILE

• Coppa Italia Da stabilire

ORARI UFFICIALI DI INIZIO DELLE GARE PER LA STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 – C.U. N. 3 della L.N.D. del 1° Luglio 2020 –

Si rendono noti, di seguito, gli orari ufficiali di inizio delle gare per la Stagione Sportiva 2020/2021:

• dal 26 LUGLIO 2020 ore 16.00
• dal 06 SETTEMBRE 2020 ore 15.30
• dal 25 OTTOBRE 2020 ore 14.30
• dal 24 GENNAIO 2021 ore 15.00
• dal 28 MARZO 2021 ore 16.00
• dal 18 APRILE 2021 ore 16.30

I Comitati, il Dipartimento Interregionale, il Dipartimento Calcio Femminile e la Divisione Calcio a Cinque della L.N.D. sono, peraltro, autorizzati a disporre orari diversi secondo le esigenze locali, pubblicandone notizia, sui rispettivi Comunicati Ufficiali, prima dell’inizio dei Campionati.

Sono fatti salvi eventuali provvedimenti delle Autorità governative e/o sanitarie in merito all’emergenza sanitaria da COVID-19 per quanto attiene allo svolgimento dei Campionati, delle competizioni agonistiche e di ogni altra attività ufficiale indetta e organizzata dalla Lega Nazionale Dilettanti nella Stagione Sportiva 2020/2021.

CONCLUSIONE ATTIVITA’ AGONISTICA UFFICIALE – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 – Circolare N. 1 della L.N.D. del 1° Luglio 2020 –

Si riporta integralmente il testo della Circolare in oggetto:

“ In ottemperanza a quanto previsto dalla vigente regolamentazione in materia, si comunica che tutta l’attività agonistica ufficiale organizzata nell’ambito della Lega Nazionale Dilettanti per la Stagione Sportiva 2020/2021 dovrà essere conclusa entro il termine del 30 Giugno 2021.

Si informa che eventuali differimenti, necessari per intervenute impreviste esigenze di carattere organizzativo, dovranno essere preventivamente autorizzati con appositi provvedimenti derogativi assunti dal Consiglio Direttivo della L.N.D.

Sono fatti salvi eventuali provvedimenti delle Autorità governative e/o sanitarie in merito all’emergenza sanitaria da COVID-19 per quanto attiene allo svolgimento dei Campionati, delle competizioni agonistiche e di ogni altra attività ufficiale indetta e organizzata dalla Lega Nazionale Dilettanti nella Stagione Sportiva 2020/2021.

Si raccomanda la immediata e puntuale informativa a tutte le rispettive Società aderenti. “

SISTEMA DI SQUALIFICHE CONSEGUENTI AL NUMERO DELLE
AMMONIZIONI RIPORTATE ED ESECUZIONE DELLE SANZIONI –

Si ritiene opportuno ricordare il meccanismo adottato dagli Organi di Disciplina Sportiva in merito all’assunzione di provvedimenti di squalifica per recidività in ammonizione.

Art. 9 del Codice di Giustizia Sportiva
Sanzioni a carico di dirigenti, soci e tesserati delle Società
(Nuovo testo C.U.N. 139/A della F.I.G.C. del 17 Giugno 2019 allegato al C.U. N. 363 della L.N.D. del 17 Giugno 2019)
..omissis..

Si trascrive il testo aggiornato dei commi 5) e 6) dell’Art. 9 C.G.S.

5. I tesserati cui gli Organi di giustizia sportiva infliggano più ammonizioni, ancorché conseguenti ad infrazioni di diversa natura, alla quinta ammonizione incorrono nella squalifica per una gara. Nei casi di recidiva, si procede secondo la seguente progressione:

a) successiva squalifica per una gara alla quinta ammonizione;
b) successiva squalifica per una gara alla quarta ammonizione;
c) successiva squalifica per una gara alla terza ammonizione;
d) successiva squalifica per una gara alla seconda ammonizione;
e) successiva squalifica per una gara ad ogni ulteriore ammonizione.

6. Ai fini dell’applicabilità del comma 5., all’ammonizione inflitta dal giudice di gara, corrisponde uguale provvedimento dell’organo competente salvo che quest’ultimo, in base al rapporto del giudice di gara, ritenga di dover infliggere una sanzione più grave.
**********
Si trascrive, altresì, il testo aggiornato dei commi 8) e 9) dell’Art. 19 C.G.S.

Art. 19 del Codice di Giustizia Sportiva
Esecuzione delle sanzioni
(Nuovo testo C.U.N. 139/A della F.I.G.C. del 17 Giugno 2019 allegato al C.U. N. 363 della L.N.D. del 17 Giugno 2019)
..omissis..

8. Per le sole gare di play-off e play-out della Lega Nazionale Dilettanti:

a) le ammonizioni irrogate nelle gare di campionato non hanno efficacia;
b) la seconda ammonizione e l’espulsione determinano l’automatica squalifica per la gara successiva, salvo l’applicazione di più gravi sanzioni disciplinari. La seconda ammonizione nelle gare di play-off e play-out dei campionati nazionali della Divisione calcio a cinque non determina l’automatica squalifica. Le sanzioni di squalifica che non possono essere scontate in tutto o in parte nelle gare di play-off e play-out devono essere scontate, anche per il solo residuo, nelle eventuali gare di spareggio-promozione previste dall’art. 49, lett. c), punto 1) sesto capoverso delle NOIF o, nelle altre ipotesi, nel campionato successivo, ai sensi dell’art. 21, comma 6.

9. Le ammonizioni che non abbiano esplicato effetti in base alla successione e al computo sopra descritti divengono inefficaci al termine della stagione sportiva. Le medesime ammonizioni divengono inefficaci, altresì nel corso della stessa stagione sportiva, quando i calciatori sono trasferiti ad altre società appartenenti a Lega diversa.
Limitatamente ai campionati organizzati dalla Lega Nazionale Dilettanti e dal Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica le medesime ammonizioni divengono inefficaci, anche nel corso della stessa stagione sportiva, quando i calciatori interessati sono trasferiti ad altra società militante nello stesso o in diverso campionato.

RECUPERI GARE –

La Lega, i Comitati, la Divisione Calcio a Cinque e i Dipartimenti Interregionale e Calcio femminile possono far disputare anche in giorni feriali i recuperi di gare non iniziate, interrotte o annullate. Per le gare interrotte in conseguenza di fatti o situazioni che non comportano l’irrogazione delle sanzioni di cui al Codice di Giustizia Sportiva deve essere disposta, in altra data, la prosecuzione dei soli minuti non giocati. La quantificazione dei minuti non giocati è determinata, con decisione inappellabile, dal direttore di gara.
In tal senso, valgono le disposizioni di cui all’Art. 30, del Regolamento della L.N.D. (Vedere punto 15) del C.U. N. 1 della L.N.D. dell’1 Luglio 2020)

Si riporta il comma 4) dell’Art. 30 del Regolamento L.N.D.

Art. 30 del Regolamento della L.N.D.
Lo svolgimento dei Campionati
(Nuovo testo C.U. N. 160/A della F.I.G.C. pubblicato in Roma il 10 Febbraio 2020 ed allegato al C.U. N. 241 della L.N.D. pubblicato in Roma il 13 Febbraio 2020)
… omissis…

4. Le gare non iniziate, interrotte o annullate sono recuperate con le modalità fissate, con decisione inappellabile, dalla Lega, dai Comitati, dalle Divisioni e dai Dipartimenti.

Per le gare interrotte in conseguenza di fatti o situazioni che non comportano l’irrogazione delle sanzioni di cui all’art. 10 del Codice di Giustizia Sportiva deve essere disposta, in altra data, la prosecuzione, dei soli minuti non giocati. La quantificazione dei minuti non giocati è determinata, con decisione inappellabile, dal direttore di gara.

La prosecuzione delle gare interrotte in conseguenza di fatti o situazioni che non comportano l’irrogazione delle sanzioni di cui all’art. 10 del Codice di Giustizia Sportiva avviene con le seguenti modalità:

a) la partita riprende esattamente dalla situazione di gioco che era in corso al momento della interruzione, come da referto del direttore di gara;
b) nella prosecuzione della gara possono essere schierati tutti i calciatori che erano già tesserati per le due Società Associate al momento della interruzione, indipendentemente dal fatto che fossero o meno sulla distinta del direttore di gara il giorno della interruzione, con le seguenti avvertenze:

i) i calciatori scesi in campo e sostituiti nel corso della prima partita non possono essere schierati nuovamente;
ii) i calciatori espulsi nel corso della prima partita non possono essere schierati nuovamente né possono essere sostituiti da altri calciatori nella prosecuzione;
iii) i calciatori che erano squalificati per la prima partita non possono essere schierati nella prosecuzione;
iv) possono essere schierati nella prosecuzione i calciatori squalificati con decisione relativa ad una gara disputata successivamente alla partita interrotta;
v) le ammonizioni singole inflitte del direttore di gara nel corso della gara interrotta non vengono prese in esame dagli organi disciplinari fino a quando non sia stata giocata anche la prosecuzione;
vi) nel corso della prosecuzione, le due squadre possono effettuare solo le sostituzioni non ancora effettuate nella prima gara. E’ fatta salva la particolare disciplina per le attività di Calcio a Cinque.

… omissis…

NUOVO PORTALE TESSERAMENTO F.I.G.C. –

Si riporta, per opportuna conoscenza delle Società, stralcio della nota della Segreteria Federale (vedi Mail L.N.D. del 28 Giugno 2019) inerente l’oggetto:

“ In relazione all’avvio della prossima stagione sportiva si comunica che, come anticipato, a partire da lunedì prossimo, 1° luglio 2019, le pratiche di tesseramento di competenza dell’Ufficio Tesseramento Centrale FIGC, ovvero:

1. Primo tesseramento di calciatori stranieri minorenni dai 10 anni in su in base ad art.19 FIFA

2. Primo tesseramento di calciatori stranieri minorenni dai 10 anni in su in base a Legge Bilancio 2018

3. Trasferimento internazionale di calciatori minorenni dai 10 anni in su

4. Primo tesseramento di calciatori stranieri maggiorenni

5. Trasferimento internazionale di calciatori maggiorenni

dovranno essere_ effettuate dalla società tramite il Portale Servizi Figc, raggiungibile all’indirizzo https://portaleservizi.figc.it

Le società dilettantistiche che avranno necessità di depositare tali tipologie di pratiche di tesseramento, attivando la funzione “Attiva Utenza” in home page, riceveranno le credenziali di accesso alla piattaforma dedicata, che saranno recapitate all’indirizzo di posta elettronica del legale rappresentante della società.

Per qualunque necessità di chiarimento o supporto tecnico, sarà disponibile un servizio di assistenza al seguente indirizzo: supportotecnico@figc.it “

TESSERAMENTO ON-LINE CALCIATORI DILETTANTI –

Tutte le procedure riguardanti il tesseramento, il trasferimento e lo svincolo dei calciatori dilettanti – ivi compreso lo svincolo per accordo (Art. 108) – dovranno avvenire unicamente attraverso la procedura On-line, con apposizione della “firma digitale” .

Le Società affiliate dovranno utilizzare la procedura telematica presente sul portale www.lnd.it, entrando nella “Area Società” per mezzo della propria ID e password optando, nella “scelta area”, per “TESSERAMENTO LND”.

Fatta la scelta apparirà un “menù principale” sul quale vengono proposte una serie di opzioni da preferire a seconda del tipo di operazione da compiere.

Una volta completato l’inserimento dei dati relativi alla proposta di tesseramento scelta, la procedura produrrà un documento che dovrà essere stampato e compilato nella parte delle firme.

La documentazione prodotta dovrà essere inviata “telematicamente” al Comitato Regionale Sicilia nei tempi previsti dalla vigente normativa.
Dopo l’invio della pratica, la Società in ogni momento potrà monitorare, nel proprio spazio web, lo stato d’avanzamento del tesseramento.

– Pratiche di tesseramento aperte o sospese
Area dove è possibile verificare l’iter delle richieste di tesseramento e ricevere segnalazioni circa tesseramenti non andati a buon fine. Nel caso di tesseramenti sospesi, i calciatori vengono evidenziati in “rosso” e, selezionando gli stessi con il “mouse”, nelle note verrà specificato il motivo della sospensione. Le Società, pertanto, sono invitate a regolarizzare tali pratiche in tempi brevi.

Poiché in ambito dilettantistico il tesseramento decorre dalla data di deposito “telematico” delle richieste (apposizione firma elettronica), risulta fondamentale porre la massima attenzione alla predisposizione delle stesse, poiché si potrebbe verificare – come del resto spesso accade – l’utilizzo di un atleta in cui venga riscontrata, successivamente al ricevimento della documentazione da parte del Comitato, l’irregolarità, invalidità o nullità del tesseramento, con conseguente posizione irregolare dello stesso in tutte le gare in cui questi abbia partecipato.

Altra disposizione di primaria importanza, per la quale appare fondamentale, come detto, il corretto adempimento dell’iter “tradizionale” di tesseramento, è rappresentata dalla sottoscrizione del modello. Aspetto fondamentale circa la corretta costituzione del vincolo di tesseramento, decorrente, ripetesi, dalla data di deposito “telematico” delle richieste (apposizione firma elettronica) da parte della Società, è costituito dalla sottoscrizione del modello a cura del legale rappresentante della Società, nonché dal calciatore e, nel caso di minore, anche dall’esercente la potestà genitoriale.

Questo Comitato Regionale, al fine di offrire assistenza alle Società, ha istituito un apposito “sportello” operativo presso l’Ufficio Tesseramento.

TESSERA PERSONALE CALCIATORE

Dalla procedura telematica del tesseramento On-line è possibile altresì richiedere l’emissione della tessera personale di riconoscimento del calciatore.

Cliccare sull’apposita voce del menù e verrà visualizzato l’elenco dei tesserati.

Scegliere il nominativo per il quale si richiede la tessera di riconoscimento.

Salvare provvisoriamente o rendere definitivo. Il modello prodotto va sottoscritto, corredato di una foto tessera (scansionata ed inserita cliccando la voce “caricamento foto) e della copia di un valido documento d’identità ed inviato “telematicamente” al Comitato Regionale.

Nell’area “Pratiche cartellini aperte” è possibile verificare l’iter della produzione della tessera.

La tessera ha validità triennale..

Si reputa necessario ricordare che le tessere di riconoscimento dei calciatori, rilasciate in modo telematico su richiesta delle Società interessate, sostituiscono unicamente il documento di identità personale dell’atleta e vengono utilizzate per il riconoscimento da parte degli arbitri designati.

Si ricorda che:

• Qualora l’arbitro, in occasione delle partite, riscontrasse che una tessera plastificata di un giocatore fosse scaduta, è autorizzato al ritiro della stessa.
• Qualora un proprio calciatore dovesse trasferirsi ad altra consorella si invita a fornire a quest’ultima la tessera plastificata relativa al calciatore in questione.
• Se, invece, il calciatore in possesso di tessera fosse svincolato, si prega di consegnarla al medesimo; nel caso in cui la Società non abbia più contatti con il calciatore si invitano le stesse a spedire la tessera a questo Comitato.
Utilizzo della TESSERA PROVVISORIA
Si riscontrano alcune difficoltà, da parte degli arbitri, ad identificare calciatori provvisti di TESSERA PROVVISORIA in quanto esibita in modo difforme dal modello standard emesso “dall’Area Società”.
Pertanto, in attesa della TESSERA PLASTIFICATA, l’identificazione del calciatore può avvenire con la TESSERA PROVVISORIA, la cui validità ha durata di un mese dalla stampa, che dovrà essere esibita, nella sua integrità, senza modifiche o ritagli della stessa.
In ogni caso sarebbe auspicabile, per fatti di regolarità e trasparenza, accompagnare la stessa con un documento d’identità personale.
Tutto ciò al fine di evitare sanzioni da parte della Giustizia Sportiva.

TESSERAMENTO ON-LINE SETTORE GIOVANILE –

Si conferma che anche per Stagione Sportiva 2020/2021 il tesseramento dei calciatori del Settore Giovanile dovrà essere effettuato esclusivamente On-line, con apposizione della “firma digitale”, attraverso il sito www.lnd.it

Entrati nel sito cliccare “Area Società”:

– una volta aperta la pagina bisogna immettere il proprio codice identificativo (LND + numero di matricola) e la propria password (già comunicata alle Società);
– entrati nell’ area riservata occorrerà seguire le relative istruzioni;
– dopo avere terminato l’operazione di tesseramento si dovrà cliccare l’opzione “Salva definitivo e stampa”.
Acquisita la stampa del modulo di tesseramento compilato On-line, opportunamente firmato dal calciatore, dagli esercenti la potestà genitoriale e dal Legale Rappresentante della società, dovrà essere corredato dai seguenti documenti:

– certificato anagrafico plurimo (nascita, residenza e stato di famiglia) del minore;
– foto formato tessera del calciatore (scansionata ed inserita cliccando la voce “caricamento foto);
– fotocopia del codice fiscale del calciatore;

Il tutto dovrà pervenire “Telematicamente” alla competente Delegazione Provinciale, la quale, dopo l’opportuna operazione di controllo procederà ad inoltrare il tesseramento al Centro Informatico, che, infine, provvederà ad emettere ed inviare il tesserino alle Delegazioni Provinciali, per il tramite di questo Comitato Regionale.

Si invitano le società a controllare, nella propria area riservata sul sito www.lnd.it., la voce “pratiche tesseramento aperte”. Si precisa che – se alla data della gara la posizione del calciatore non è regolarizzata – lo stesso non potrà prendere parte alla gara.

Nel caso di tesseramenti sospesi, i calciatori vengono evidenziati in rosso e selezionando gli stessi con il mouse, nelle note verrà specificato il motivo della sospensione.

Pertanto, le Società sono invitate a regolarizzare tali pratiche in tempi brevi.

Presso le Delegazioni Provinciali è istituito uno “sportello” operativo per offrire assistenza alle Società per la compilazione dei modelli “On-line”, con apposizione della “firma digitale”.

PROCEDURA “RICARICA PORTAFOGLIO “ISCRIZIONI” E “TESSERAMENTI” –

A partire dal 1mo Luglio 2018 le Società sul portale L.N.D. hanno la possibilità di effettuare la ricarica dei “Portafogli iscrizioni e tesseramenti “ tramite POS virtuale, ossia a mezzo:

– carta di credito dei circuiti Visa e Mastercard;
– con il sistema di wallet Masterpass;
– con il bonifico c.d. “MyBank”.

E’ anche disponibile la modalità d’incasso dei MAV “light” ovvero pagabili presso ogni sportello bancario e presso le ricevitorie SISAL ma *non* presso gli sportelli postali.

Il servizio di incassi è gestito tramite i servizi offerti da BNL Banca Nazionale del Lavoro del gruppo BNP Paribas.

Di seguito alcuni chiarimenti in merito.

*1) POS Virtuale*
Il POS Virtuale è lo strumento che permette alla società di operare a mezzo di carta di credito/debito.

Nel caso di utilizzo del POS virtuale, questo opera tramite il re-indirizzamento diretto degli utenti dal nostro portale ai sistemi di BNL dove avviene materialmente la transazione, la LND non conserva in alcun modo informazioni inerenti le carte di credito, ed i conti degli utenti delle Società.

Nel caso l’utente scelga di utilizzare il bonifico “MyBank”, sarà re-indirizzato al proprio home banking per effettuare materialmente la transazione.

MyBank è una soluzione di autorizzazione elettronica che consente ai consumatori di effettuare in modo sicuro pagamenti online e autenticazioni dell’identità digitale usando il servizio di online banking delle propria banca o un’app da smartphone o tablet.

Ad oggi più di 250 Banche e fornitori di servizi di pagamento hanno aderito al circuito MyBank in tutta Europa.
La lista è consultabile alla
pagina web https://www.mybank.eu/it/mybank/banche-e-psp-aderenti/

La peculiarità del bonifico “MyBank” è che non può essere ritirato da chi lo dispone senza l’approvazione del beneficiario.

Sia nel caso di transazione a mezzo carta di credito che di bonifico MyBank, al momento della conferma della transazione da parte del circuito bancario, la disponibilità delle somme sul portafoglio della società è immediata.

*2) MAV Light*
Il MAV è detto “Light” in quanto non viene effettuata da parte della LND la procedura di “presentazione” alla banca esattrice, l’utente/società dopo averlo prodotto in autonomia sul portale, può procedere al pagamento presso ogni sportello bancario, senza limiti di spesa, o presso le ricevitorie SISAL con un limite per la transazione di 1.200,00 euro.

*N.B.* Il MAV Light non può essere pagato agli sportelli postali.

La disponibilità delle somme sul portafoglio varia in funzione del momento e del circuito in cui la società dispone il pagamento.
a – in caso di MAV pagato ad uno sportello bancario le somme verranno accreditate sul conto LND al massimo entro il secondo giorno lavorativo successivo al pagamento;
b – in caso di MAV pagato presso una ricevitoria SISAL la LND riceverà l’accredito mediamente entro il 4° giorno lavorativo successivo al pagamento.

**********

E’ possibile verificare l’elenco delle ricariche richieste/approvate alla voce del menù PORTAFOGLIO PAGAMENTI ATTIVITA’ REGIONALE E PROVINCIALE –>Gestione Ricariche Portafoglio Pagamenti –> Elenco richieste di ricarica portafoglio.

Per verificare lo stato di avanzamento del saldo disponibile è a disposizione l’icona dedicata “SALDO PORTAFOGLI”.
Si ricorda che in caso di insussistenza di fondi, non è consentita la stampa della pratica di tesseramento, pertanto le Società sono invitate a verificare con largo anticipo la loro disponibilità economica al fine di evitare il blocco delle operazioni. Tale disposizione vale anche per tutte le altre procedure (tessera dirigenti, tesseramento tecnici, etc).

PROCEDURA TESSERAMENTO ON-LINE ALLENATORI, MEDICI E MASSAGGIATORI SOCIETA’ L.N.D. E DI “PURO” SETTORE GIOVANILE –
Con riferimento alla materia in oggetto, si comunica che con l’avvio della Stagione Sportiva 2016/17 la F.I.G.C. ha inteso eliminare la produzione dei moduli cartacei per il tesseramento dei tecnici; pertanto è stata messa in produzione una nuova procedura di supporto al tesseramento dei TECNICI iscritti all’albo del Settore Tecnico.
In Area società è disponibile una nuova sezione del MENU nella quale sono attive delle funzioni realizzate allo scopo di predisporre la modulistica per il tesseramento degli iscritti al Settore Tecnico.
In sintesi:
– Le società non dovranno più approvvigionarsi dei moduli da compilare, ma troveranno una nuova funzione di “creazione pratica di tesseramento” che consentirà loro di compilare tutte le informazioni necessarie direttamente On-line.
– Oltre al modulo principale, sarà possibile scaricare quello relativo all’Accordo Economico degli allenatori per la tipologia scelta (Gratuito, Oneroso Dilettanti e Oneroso Professionisti) già parzialmente compilato con i dati anagrafici del soggetto e della Società.
– Una volta compilata la pratica, la Società procederà con la stampa definitiva della stessa (4 copie + informativa sulla privacy). Dopo che tutti i moduli sono stati firmati e vidimati in modo opportuno, la Società invia il plico al Comitato Regionale / Dipartimento / Divisione Calcio a 5 di competenza.
– La Società potrà controllare l’avanzamento delle pratiche e le eventuali segnalazioni di errore direttamente dal portale, tramite la nuova funzione “pratiche aperte”, similmente a quanto già avviene per le altre tipologie di tesseramento.
Sempre dopo la validazione da parte del Comitato Regionale / Dipartimento / Divisione Calcio a 5, la Società può stampare dal portale una autorizzazione provvisoria per il tecnico tesserando.
– Nel momento in cui il Settore Tecnico perfeziona il tesseramento, la pratica inizialmente inserita dalla Società sarà automaticamente CONVALIDATA da un apposito programma che risiede sul sistema AS/400 di LND e, a questo punto, avverrà anche la creazione/abbinamento del dirigente o calciatore in organigramma corrispondente al tecnico tesserato.
– La procedura prevederà soltanto il tesseramento, resteranno fuori dal presente progetto tutte le operazioni riguardanti le seguenti richieste:
• Modulo per esonero
• Modulo per revoca esonero
• Modulo per dimissioni
• Modulo per revoca dimissioni
• Modulo per variazioni incarico
• Modulo per sospensione dai ruoli
• Modulo per riammissione nei ruoli
• Modulo per variazione di indirizzo
• Modulo per variazione dei contatti

ACCOMPAGNATORI UFFICIALI – TESSERE PERSONALI DIRIGENTI L.N.D. –

Si ricorda che già dalla Stagione Sportiva 2013/2014, con riferimento alle persone autorizzate ad accedere nel recinto di gioco, non sono più disponibili le “Tessere Impersonali”.
Le Società dovranno inoltrare la richiesta di emissione “Tessera Personale Dirigente Ufficiale”, stampabile dall’apposito menù attraverso l’apposita area società della LND.
Entrando nella propria area riservata, le Società dovranno stampare, attraverso l’apposito menù, il modulo per la richiesta emissione tessera dirigente ufficiale ed inviare, tramite la firma elettronica, il documento firmato e scansionato, fotocopia fronte e retro del documento d’identità e dovranno allegare dal menù “caricamento foto” una foto in formato digitale .jpeg o .jpg.
A questo punto la Delegazione Provinciale verificata la correttezza dei documenti inviati e verificato che il dirigente da tesserare si stato correttamente inserito in organigramma procederà alla ratifica della pratica e inoltrerà il tutto al Centro Informatico che provvederà ad emettere la tessera plastificata. Il tesserino in parola rappresenta una “tessera identificativa” ed abilita i possessori ad essere ammessi nel recinto di giuoco, ai sensi dell’art. 66 delle N.O.I.F.,

I Direttori di gara permetteranno l’accesso al terreno di giuoco solamente ai possessori di detta “Tessera” oltre agli aventi titolo ossia agli appartenenti ai ruoli tecnici e/o di categoria (Allenatori, Massaggiatori, Medici …), sempre che gli stessi siano stati inseriti nella distinta di gara.

In attesa dell’arrivo della tessera plastificata, la Società potrà utilizzare il DOCUMENTO PROVVISORIO che potrà essere stampato, cliccando sul nominativo del dirigente interessato, dal menù “pratiche aperte”, solo dopo l’avvenuto controllo da parte della Delegazione Provinciale, che lo rende definitivo.

OBBLIGO IMPIEGO GIOVANI CALCIATORI – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021-

Si riporta il C.U. N. 199 della Lega Nazionale Dilettanti – pubblicato in Roma il 16 Dicembre 2019 (Già pubblicato con C.U. del C.R. Sicilia N. 219 del 20 Dicembre 2019):

Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, nella riunione del 13 Dicembre 2019, ha deliberato quanto di seguito specificato in ordine ai seguenti obblighi minimi di partecipazione dei calciatori, in relazione all’età, per le gare dell’attività ufficiale della Stagione Sportiva 2020/2021, riferite alle Società partecipanti al Campionato Nazionale di Serie “D”, ai Campionati Regionali di Eccellenza e Promozione, nonché alla Coppa Italia di Serie “D”, alla Fase Nazionale della Coppa Italia Dilettanti della L.N.D. e alle gare di spareggio-promozione fra le squadre seconde classificate nei Campionati di Eccellenza:

2020/2021 SERIE D ECCELLENZA PROMOZIONE
Nato da 1.1.2000 1
Nato da 1.1.2001 2 1 1
Nato da 1.1.2002 1 1 1

Le Società hanno l’obbligo di rispettare, sin dall’inizio e per l’intera durata delle gare e, quindi, anche nei casi di sostituzioni successive, la disposizione minima di impiego dei calciatori sopra indicata. Resta inteso che, in relazione a quanto precede, debbono eccettuarsi i casi di espulsione dal campo e, qualora siano già state effettuate tutte le sostituzioni consentite, anche i casi di infortuni dei succitati calciatori.

Previa approvazione del Consiglio di Presidenza della L.N.D. e fatta salva l’applicazione minima della norma stessa, i Comitati potranno comunque prevedere, per i rispettivi Campionati di Eccellenza e di Promozione, disposizioni aggiuntive a quelle previste dalla direttiva suindicata, sempre che non venga superato il contingente complessivo di TRE calciatori. Detto limite di TRE calciatori non deve essere superato, anche nel caso di eventuale introduzione di un numero di calciatori c.d. ‘fidelizzati’, pari o superiore a una unità, nel Campionato di Eccellenza.

L’inosservanza delle predette disposizioni, ivi comprese quelle facoltativamente stabilite dai Consigli Direttivi dei Comitati, se ed in quanto deliberate dagli stessi Consigli Direttivi dei Comitati e approvate dal Consiglio di Presidenza della Lega Nazionale Dilettanti, sarà punita con la sanzione della perdita della gara prevista dall’Art. 10 comma 1) del Codice di Giustizia Sportiva.

Per quanto attiene alle limitazioni di impiego dei calciatori, in relazione all’età, negli altri Campionati dilettantistici della Stagione Sportiva 2020/2021, i Comitati, le Divisioni e i Dipartimenti saranno tenuti ad uniformarsi alle consuete disposizioni emanate dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso il proprio Comunicato Ufficiale N. 1.

Nelle gare dell’attività ufficiale organizzata direttamente dalla L.N.D., che si svolgeranno in ambito nazionale nella Stagione Sportiva 2020/2021 (Fase Nazionale Coppa Italia; gare spareggio – promozione fra le seconde classificate del Campionato di “Eccellenza” per l’ammissione al Campionato Nazionale Serie “D”, ivi comprese – in quest’ultimo caso – quelle che si svolgono fra squadre appartenenti allo stesso Comitato Regionale), dovrà essere osservato unicamente l’obbligo minimo sopra indicato, riferito ai Campionati di Eccellenza.

Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, nella riunione del 13 Dicembre 2019, ha altresì deliberato in ordine alla facoltà di impiego del seguente numero massimo di calciatori “fuori quota” ammessi a partecipare al Campionato Nazionale Juniores Under 19, al Campionato Regionale Juniores Under 19 e al Campionato Provinciale Juniores Under 19 della Stagione Sportiva 2020/2021:

Limite di età: calciatori nati da 1.1.2002 in poi

2020/2021 Nati da 1.1.2000 Nati da 1.1.2001
Senza limitazioni in relazione all’età massima
Juniores Nazionale 2 1
Juniores Regionale 3
Juniores Provinciale 4

**********
Fatta salva l’applicazione minima più sopra evidenziata, questo Comitato Regionale comunica:

Alle gare dei Campionati di Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria, ed alle altre dell’attività ufficiale organizzata dalla Lega Nazionale Dilettanti, possono partecipare, senza alcuna limitazione di impiego in relazione all’età massima, tutti i calciatori regolarmente tesserati per la Stagione Sportiva 2020/2021 che abbiano compiuto anagraficamente il 15mo anno di età, nel rispetto delle condizioni previste dall’Art. 34, comma 3, delle N.O.I.F..
Il Comitato Regionale ha stabilito come segue il limite di partecipazione dei calciatori in relazione all’età, per la Stagione Sportiva 2020/2021:

Per tutte le squadre dei Campionati di Eccellenza e Promozione, vige l’obbligo di 1 (uno) calciatore nato dal 2001 ed 1 (uno) nato dal 2002.

Per tutte le squadre dei Campionati di Prima e Seconda Categoria, vige l’obbligo di 1 (uno) calciatore nato dal 2002.

Resta inteso che, in relazione a quanto precede, debbono eccettuarsi i casi di espulsione dal campo e, qualora siano già state effettuate tutte le sostituzioni consentite, anche i casi di infortunio dei calciatori delle fasce di età interessate ( “Juniores”).
L’inosservanza delle predette disposizioni, sarà punita con la sanzione della perdita della gara prevista dall’Art. 10 comma 1) del Codice di Giustizia Sportiva.

Resta altresì inteso che nelle gare dell’attività ufficiale organizzata direttamente dalla Lega Nazionale Dilettanti, che si svolgono in ambito nazionale (Fase Nazionale Coppa Italia; gare spareggio-promozione fra le seconde classificate del Campionato di “Eccellenza” per l’ammissione al Campionato Nazionale Serie “D”, ivi comprese, in quest’ultimo caso, quelle che si svolgono fra squadre appartenenti allo stesso Comitato Regionale) va osservato l’obbligo minimo stabilito dalla L.N.D. circa l’impiego di calciatori appartenenti a prestabilite fasce d’età e cioè 1 (uno) calciatore nato dall’1.1.2001 in poi ed 1 (uno) calciatore nato dall’1.1.2002 in poi.

Norme sull’utilizzo dei calciatori “giovani”

In merito all’utilizzo dei calciatori giovani dilettanti si precisa che:

– Se anziché 1 (uno) calciatore nato dal 2001 ed 1 (uno) calciatore nato dal 2002 (Campionati di Eccellenza e Promozione) ed 1 (uno) calciatore nato dal 2002 (Campionati di Prima e Seconda Categoria) vi sono in campo 2/1 calciatori nati dall’1.1.2002 la prescrizione è rispettata e così via.
– Se durante la gara esce per infortunio o sostituzione un calciatore del 2001 questo potrà essere sostituito con un calciatore nato dal 2001 al 2005, sempre che in quest’ultimo caso il calciatore sia stato preventivamente autorizzato ai sensi dell’art. 34 N.O.I.F..
– Se dovesse entrare in campo un calciatore di età inferiore ai quindici anni compiuti anagraficamente alla Società inadempiente verrà data gara perduta.

Campionato di Terza Categoria
Potranno partecipare, senza alcuna limitazione di impiego in relazione all’età massima, tutti i calciatori regolarmente tesserati per la Stagione Sportiva 2020/2021, che abbiano compiuto anagraficamente il 15mo anno di età, nel rispetto delle condizioni previste dall’Art. 34, comma 3) delle N.O.I.F.

AUTORIZZAZIONE CALCIATORI QUINDICENNI –

Art. 34 – N.O.I.F.
Limiti di partecipazione dei calciatori alle gare

1. Le società partecipanti con più squadre a Campionati diversi non possono schierare in campo nelle gare di Campionato di categoria inferiore i calciatori/calciatrici che nella stagione in corso abbiano disputato, nella squadra che partecipa al Campionato di categoria superiore, un numero di gare superiore alla metà di quelle svoltesi. La F.I.G.C., le Leghe, la Divisione Calcio Femminile ed il Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica possono emanare disposizioni in deroga.
2. Nello stesso giorno un calciatore/calciatrice non può partecipare a più di una gara ufficiale, salvo il caso di Tornei a rapido svolgimento i cui Regolamenti, approvati dall’organo competente, prevedano, eccezionalmente, che un calciatore/calciatrice possa disputare più di una gara nello stesso giorno.

3. I calciatori/calciatrici “giovani” tesserati per le società associate nelle Leghe e quelli della Divisione Calcio Femminile possono prendere parte soltanto a gare espressamente riservate a calciatori delle categorie giovanili. I calciatori “giovani”, che abbiano compiuto anagraficamente il 15° anno di età, e le calciatrici che abbiano compiuto il 14° anno di età, salvo quanto previsto dal successivo comma 3 Bis per il Campionato di Serie A e di Serie B Femminile, possono partecipare anche ad attività agonistiche organizzate dalle Leghe e dalla Divisione Calcio Femminile, purché autorizzati dal Comitato Regionale – L.N.D., territorialmente competente e dalla Divisione Calcio Femminile. II rilascio dell’autorizzazione è subordinato alla presentazione, a cura e spese della società che fa richiesta, dei seguenti documenti:

a) certificato di idoneità specifica all’attività agonistica, rilasciato ai sensi del D.M. 15 Febbraio 1982 del Ministero della Sanità;
b) relazione di un medico sociale, o, in mancanza, di altro sanitario, che attesti la raggiunta maturità psico-fisica del calciatore/calciatrice alla partecipazione a tale attività.

La partecipazione del calciatore/calciatrice ad attività agonistica, senza l’autorizzazione del Comitato Regionale, comporta l’applicazione della sanzione prevista all’Art. 10 comma 6 del Codice di Giustizia Sportiva.

3 Bis. Al Campionato di Calcio di Serie A e di Serie B Femminile possono partecipare calciatrici che abbiano anagraficamente compiuto il 16° anno di età. Al medesimo Campionato è consentita, alle condizioni di cui al precedente comma 3, la partecipazione di una sola calciatrice che abbia compiuto il 14° anno di età.

4. Le norme sull’ordinamento interno delle Leghe e del Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica e della Divisione Calcio Femminile possono prevedere ulteriori limiti di partecipazione dei calciatori alle gare.
* * * * * * * *

P.S. Le Società sono invitate a scrivere all’esterno della busta: AUTORIZZAZIONE QUINDICENNE.

* * * * * * * *
In deroga a quanto previsto dall’Art. 34, comma 1, delle N.O.I.F., le Società partecipanti con più squadre a Campionati diversi possono schierare in campo, nelle gare di Campionato di categoria inferiore (“Juniores” Regionale/Provinciale – Under 19), i calciatori indipendentemente dal numero delle gare eventualmente disputate dagli stessi nella squadra che partecipa al Campionato di categoria superiore (C.U. N. 1 della L.N.D., pubblicato in Roma l’1 Luglio 2020 – PARAGRAFO A/9 – PUNTI 2) e 3) – lettera c) – Limite di partecipazione di calciatori alle gare).

La Segreteria della L.N.D., con nota del 12 Giugno 2020, ha comunicato che il Settore Giovanile e Scolastico della F.I.G.C. ha rinnovato il proprio nulla-osta per la Stagione Sportiva 2020/2021 alla estensione della deroga dell’Art. 34, comma 1, delle N.O.I.F., ai calciatori che disputano il Campionato “Under 17” (ex Allievi), al fine di consentire a detti calciatori la partecipazione a gare del Campionato di competenza, indipendentemente dal numero delle gare eventualmente disputate nel Campionato di categoria superiore.

NORME REGOLAMENTARI CALCIO A 5 MASCHILE E FEMMINILE – STAGIONE SPORTIVA 2020/2021 –

Serie “C1”

• È confermata nel Campionato di Serie “C1” l’obbligatorietà della presenza di 1 (uno) calciatore nato a partire dall’ 01 GENNAIO 1997 tra i calciatori titolari sul rettangolo di giuoco sin dall’inizio e per l’intera durata della gara. Nel caso di inosservanza all’inizio e/o durante la gara di tale disposizione vale quanto fissato dalle Regole 3 e 4 del “Regolamento di giuoco/Decisioni ufficiali F.I.G.C.”.

Resta inteso che, in relazione a quanto precede, non possono essere esclusi da tale obbligo i casi dei calciatori espulsi dal rettangolo di giuoco, infortunati o indisponibili per cause sopraggiunte. Nel caso in cui la predetta regola non possa essere rispettata per assenza sul rettangolo di giuoco di calciatori rientranti nella fascia d’età sopra indicata, la squadra priva degli stessi disputerà la gara con un calciatore in meno.
Restano ferme le sanzioni della perdita della gara previste dal Codice di Giustizia Sportiva nel caso di assenza e/o di mancato inserimento del predetto calciatore nella distinta presentata all’arbitro prima della gara.

• Il calciatore “OBBLIGATORIO IN CAMPO” dovrà indossare una maglia numerata dal 16 al 30. Tale numerazione deve apparire anche sul davanti delle maglie.

• Nel Campionato di Serie “C1” rimane, in aggiunta a quanto sopra, l’obbligatorietà in distinta, per ogni singola gara, di almeno altri 2 (due) calciatori “Giovani” di cui 1 (uno) nato a partire dall’1.01.1997 ed 1 (uno) nato dall’1.01.1999, ovvero 2 (due) calciatori nati dall’1 GENNAIO 1999 in poi, pena la punizione sportiva della perdita della gara, fermo restando quanto previsto dall’art. 34 delle NOIF;

Serie “C2”

É fatto obbligo alle Società di Serie “C2” di inserire nella distinta gara almeno 2 (due) calciatori nati dall’1.01.1997 in poi ed 1 (uno) nato dall’1.01.1999 ovvero 3 (tre) calciatori nati dall’1.01.1999 in poi, pena la punizione sportiva della perdita della gara, fermo restando quanto previsto dall’Art. 34 delle N.O.I.F.

Serie “D”

Anche in questa stagione sportiva non è richiesto alcun giocatore “Under” in distinta.

Campionato Regionale Femminile Girone Unico

Nella stagione sportiva 2020/2021 le Società del Girone Unico Regionale avranno l’obbligatorietà in distinta, per ogni singola gara, di almeno 2 (DUE) calciatrici nate dall’01.01.1998 in poi pena la punizione sportiva della perdita della gara, fermo restando quanto previsto dall’Art. 34 delle N.O.I.F.

**********
Nei PLAY-OFF e nei PLAY-OUT di TUTTE le categorie, nelle COPPE REGIONALI Maschili e Femminili e negli SPAREGGI INTERREGIONALI della Società 2^ Classificata in Serie “C1” e nel Girone Unico Femminile non è previsto alcun limite di età.
**********

Campionato Regionale “Under 19” Maschile e Femminile –

Per quanto riguarda l’attività Maschile e Femminile hanno diritto a partecipare, nella Stagione Sportiva 2020/2021, i calciatori/calciatrici nati/nate dal 01 GENNAIO 2002 in poi e che, comunque, abbiano compiuto anagraficamente il 15° anno di età per il Maschile ed il 14° anno di età in ambito Femminile. Nel Campionato Regionale “Under 19” Maschile è possibile inserire in distinta 3 (tre) “Fuori Quota“, 2 (due) nati dal 01 GENNAIO 2001 ed 1 (uno) nato dal 01 GENNAIO 2000.

I Comitati Regionali dovranno comunicare entro il termine che sarà reso noto con successiva informativa della Divisione Calcio a Cinque il nominativo della Società vincente il rispettivo Campionato Regionale “Under 19” Maschile e Femminile.

Nelle gare della Fase Nazionale del Campionato “Under 19” possono essere impiegati 5 (cinque) calciatori/calciatrici “fuori quota”, 3 (tre) nati/e dal 01 GENNAIO 2001 in poi e 2 (due) nati/e dal 01 GENNAIO 2000 in poi. Nelle stesse le Società hanno l’obbligo di impiegare un numero di calciatori/calciatrici che siano stati/state tesserati/tesserate per la FIGC prima del compimento del 16 (sedicesimo) anno di età con tesseramento valido, non revocato e/o non annullato, almeno pari al 50% (cinquanta percento), arrotondando per eccesso, al numero delle/dei calciatrici/calciatori presenti ed inserite/ti nella distinta presentata all’arbitro prima della gara (vedere lettera A/17 punto 4) Attività minore Maschile e Femminile – del C.U. N. 1 della L.N.D. dell’1 Luglio 2020).

Campionati Giovanili – Campionato Provinciale “Under 17” (ex Allievi) –

Anche per la Stagione Sportiva 2020/2021 il Campionato “Under 17” sarà articolato su uno o più gironi interprovinciali che determineranno la Società vincente regionale da ammettere alla Fase Nazionale per la conquista del Titolo Italiano.
Resta inteso che rimane confermato il Campionato “Under 17” (ex Allievi) Provinciale.

Campionati Giovanili – Campionato Provinciale “Under 15” (ex Giovanissimi) –

In considerazione che l’Attività Giovanile è demandata interamente al Comitato Regionale che dovrà curare le Fasi Finali con una Vincente Regionale da comunicare al Settore Giovanile e Scolastico entro la metà del mese di Aprile 2021, è necessario che le DD.PP , a cui sono affidate le fasi di qualificazione, prevedano date d’inizio in linea con la scadenza sopra indicata.

Per quanto sopra verranno escluse dalla Fase Regionale del Campionato “Under 15” le Vincenti Provinciali comunicate oltre la data del 15 Marzo 2021.
Resta inteso che le DD.PP. possono indire in periodi successivi propri Campionati Provinciali riservati a tutte le Categorie Giovanili. Per questi ultimi Campionati non è presumibile una fase Interprovinciale e/o Regionale.

CIRCOLARE N. 64 della L.N.D. pubblicata in Roma il 26 Giugno 2020 – MODALITA’
E PROCEDURE IN ORDINE ALLA VARIAZIONE DI ATTIVITA’ PER LA STAGIONE
SPORTIVA 2020/2021 –

Con riferimento alle disposizioni di cui all’Art. 118, delle N.O.I.F., nonché alle Circolari L.N.D. N. 38 del 30 Giugno 2011, N. 49 del 15 Giugno 2012, N. 58 del 17 Giugno 2013, N. 61 del 17 giugno 2014, N. 61 del 24 Giugno 2015, N. 77 del 17 Giugno 2016, N. 83 del 22 Giugno 2017, N. 77 del 26 Giugno 2018 e N. 57 del 25 Giugno 2019, si rappresentano le modalità e le procedure in ordine alla variazione di attività per la Stagione Sportiva 2020/2021.

In linea con le disposizioni F.I.F.A., al fine di permettere lo svolgimento di attività di calcio a undici e di calcio a cinque ai calciatori “non professionisti” (Art.29, N.O.I.F.) e “giovani dilettanti” (Art.32, N.O.I.F.), è consentita la variazione di attività con i limiti e le modalità fissate dall’Art.118, delle N.O.I.F.

E’ quindi consentito:

a) ai tesserati per Società di calcio a undici variare l’attività assumendo il tesseramento/vincolo per una diversa Società di calcio a cinque, fermo restando il tesseramento/vincolo con la precedente Società di calcio a undici;
b) ai tesserati per Società di calcio a cinque variare l’attività assumendo il tesseramento/vincolo per una diversa Società di calcio a undici, fermo restando il tesseramento/vincolo con la precedente Società di calcio a cinque.

La variazione di attività è consentita una sola volta per Stagione Sportiva, nel periodo stabilito annualmente dalla F.I.G.C. che – per la Stagione Sportiva 2020/2021 – è fissato dal 1° Luglio 2020 al 30 Ottobre 2020 (ore 19.00). Una volta variata l’attività, il calciatore che intende variare la stessa e, quindi, ripristinare l’originario rapporto con la Società “quiescente”, deve necessariamente attendere la riapertura dei termini previsti per la Stagione Sportiva successiva 2021/2022. Qualora la Società “quiescente” abbia cessato definitivamente ogni attività o abbia cessato la sola attività oggetto della ricostituzione del rapporto di tesseramento, il calciatore può aggiornare la sua posizione di tesseramento unicamente a favore di Società che svolgono la medesima attività ripristinata dallo stesso.

Non è consentita la variazione di attività per calciatori che hanno sottoscritto accordi economici ai sensi dell’art. 94 ter, delle N.O.I.F.

Non è consentita la variazione di attività dei calciatori, da e per Società che, nel periodo temporale in cui il tesserato può esercitare il diritto di richiedere tale variazione, hanno un contemporaneo titolo sportivo a partecipare sia ad attività di calcio a undici che di calcio a cinque. In tale ultimo caso, i calciatori non professionisti e giovani dilettanti tesserati per Società che hanno sia attività di Calcio a undici sia attività di Calcio a Cinque possono svolgere entrambe le discipline esclusivamente a favore della Società presso la quale sono tesserati.
In linea generale, non è consentita la variazione di attività, da parte dei calciatori, in costanza di una effettiva partecipazione al Campionato da parte delle Società che intendono integrare la propria attività agonistica con una nuova disciplina, sia essa di Calcio a undici o di Calcio a Cinque. La semplice iscrizione ad un Campionato di Calcio a undici o di Calcio a Cinque, pertanto, non può essere considerata motivo di preclusione per la variazione di attività dei tesserati, se quest’ultima interviene in un periodo temporale in cui gli stessi tesserati esercitano il diritto ex Art. 118, N.O.I.F. entro il termine perentorio stabilito annualmente dal Consiglio Federale.
Per i calciatori stranieri tesserati ai sensi degli Artt. 40 quater e 40 quinquies, delle N.O.I.F., è consentita la variazione di attività, fermi restando i limiti e le condizioni di cui alle sopracitate norme. Per i calciatori stranieri tesserati in ambito dilettantistico con vincolo annuale, il tesseramento in variazione è valido sino al termine della Stagione Sportiva.

A seguito della prima variazione, la ulteriore richiesta di variazione di attività può essere effettuata solo a favore della Società di calcio a undici o di calcio a cinque per la quale il calciatore risulta tesserato/vincolato in “quiescenza”.

I calciatori che hanno variato l’attività possono essere trasferiti a titolo definitivo e/o in prestito, anche nello stesso periodo, solo tra Società “pure” che svolgono la medesima attività; per i calciatori che hanno variato l’attività, quindi, non è consentito il trasferimento a favore di Società che svolgono contemporaneamente attività di calcio a undici e calcio a cinque. In proposito, si evidenzia la seguente applicazione pratica della norma generale a casi specifici:

– il calciatore cambia attività e, successivamente, la Società dell’attività prescelta per la quale si tessera o nella quale viene trasferito integra la propria attività con la partecipazione ad un Campionato di una disciplina diversa da quella prescelta dal tesserato: in questo caso, il tesserato può partecipare esclusivamente al Campionato che la Società disputa nell’attività dallo stesso prescelta al momento della variazione di attività.

Gli svincoli di cui agli Articoli 108, 109 e 111, delle N.O.I.F., hanno validità ed efficacia unicamente in relazione al tesseramento in variazione della Società dell’attività prescelta, e non hanno alcun effetto sul vincolo di tesseramento con la Società dell’attività “quiescente”. Una volta svincolato, il calciatore può aggiornare la sua posizione di tesseramento unicamente a favore di Società “pure” che svolgono la medesima attività dallo stesso prescelta.

Fatta salva la previsione di cui all’Art. 94 ter, delle N.O.I.F., gli svincoli di cui all’Art. 32 bis, delle N.O.I.F., hanno validità ed efficacia sia in relazione al tesseramento in variazione della Società dell’attività prescelta, sia sul vincolo di tesseramento con la Società dell’attività “quiescente”, a condizione che la procedura venga contestualmente attuata sia presso il Comitato, la Divisione Calcio a Cinque o il Dipartimento cui appartiene la Società dell’attività prescelta in variazione, sia presso il Comitato, la Divisione Calcio a Cinque o il Dipartimento cui appartiene la Società dell’attività “quiescente”. In entrambi i casi, valgono le modalità di cui all’Art. 32 bis, commi 2 e 3, delle N.O.I.F., con particolare riferimento alla spedizione della raccomandata sia alla Società “quiescente” sia alla Società dell’attività prescelta.

Una volta svincolato dalla Società dell’attività prescelta in variazione e dalla Società dell’attività “quiescente”, il calciatore può aggiornare la sua posizione di tesseramento sia per Società “pure” che per Società che svolgono contemporaneamente attività di calcio a undici e calcio a cinque.

Gli svincoli di cui agli Articoli 107 e 110, delle N.O.I.F., hanno validità ed efficacia unicamente in relazione al tesseramento della Società che ha effettuato lo svincolo o che ha cessato l’attività, anche se trattasi di Società dell’attività “quiescente”. Una volta svincolato, il calciatore tesserato in variazione, che intenda nuovamente variare l’attività, potrà effettuare tale variazione con le modalità ed i limiti di cui all’Articolo 118, delle N.O.I.F., o aggiornare la sua posizione di tesseramento unicamente a favore di Società “pure” che svolgono la medesima attività dallo stesso prescelta.

Nel caso in cui gli svincoli di cui agli articoli 107 e 110 delle N.O.I.F. siano stati effettuati in relazione al tesseramento dell’attività “quiescente”, al calciatore è consentito il trasferimento anche a Società che svolgono sia attività di Calcio a undici che di Calcio a cinque, a condizione che il calciatore vada a svolgere la medesima attività a suo tempo prescelta.

L’invio o il deposito delle richieste di variazione di attività potrà essere effettuato nei periodi fissati dalla F.I.G.C. – per la stagione 2020/2021 il periodo stabilito è dal 1° Luglio 2020 al 30 Ottobre 2020 (ore 19.00), – attraverso l’invio dell’apposito modulo federale in forma telematica (apposizione della firma elettronica) con le modalità previste dall’Art.118, comma 6, delle N.O.I.F., ai Comitati, Divisione Calcio a Cinque o Dipartimenti di competenza.

La variazione di attività consente al calciatore di svolgere esclusivamente l’attività a favore della Società per la quale ha effettuato la variazione; il tesseramento a favore della Società per la quale è stata inoltrata la variazione decorre dal giorno successivo di invio e/o di deposito dell’apposito modulo federale presso l’Ente di appartenenza della Società interessata.

I calciatori colpiti da sanzione di squalifica, che hanno cambiato attività ai sensi dell’Art. 118, N.O.I.F., scontano le rispettive squalifiche, anche per il solo residuo, con le modalità di cui all’Art. 21 comma 7 del Codice di Giustizia Sportiva.

Le disposizioni di cui alla presente Circolare si applicano anche alle calciatrici.

PREMIO DI PREPARAZIONE –

Si invitano le Società a prendere visione del C.U. N. 152/A della F.I.G.C. pubblicato in Roma il 24 Giugno 2019 ed allegato al C.U. N. 371 della L.N.D. pubblicato in Roma il 25 Giugno 2019 (Già allegato al C.U. del C.R. Sicilia N. 480 del 26 Giugno 2019).

TENUTA DI GIUOCO DEI CALCIATORI – Art. 72 delle N.O.I.F. – (Nuovo testo –
C.U. N. 55/A della FIGC pubblicato in Roma il 1° Agosto 2019 ed allegato al
C.U. N. 72 della LND del 1° Agosto 2019) –

1. Per le società appartenenti alla Lega Nazionale Professionisti Serie A, alla Lega Nazionale Professionisti Serie B ed alla Lega Italiana Calcio Professionistico i calciatori devono indossare per tutta la durata di una stagione sportiva una maglia recante sempre lo stesso numero. Inoltre, ogni maglia deve essere personalizzata sul dorso col cognome del calciatore che la indossa. Le medesime Leghe dettano le relative disposizioni applicative.

1 Bis. Per le Società partecipanti ai Campionati Nazionali di Serie A e Serie B Femminile le calciatrici devono indossare per tutta la durata della Stagione Sportiva una maglia recante sempre lo stesso numero. Inoltre, ogni maglia deve essere personalizzata sul dorso col cognome della calciatrice che la indossa. La Divisione Calcio Femminile detta le relative disposizioni applicative.
Le calciatrici delle squadre giovanili e minori devono indossare per tutta la durata di una Stagione Sportiva maglie recanti sul dorso la seguente numerazione progressiva: N. 1 il portiere; dal numero 2 al numero 11 le calciatrici degli altri ruoli; dal numero 12 in poi le calciatrici di riserva.

2. Per le società appartenenti alla L.N.D. e al S.G.S., i calciatori devono indossare per tutta la durata di una Stagione Sportiva maglie recanti sul dorso la seguente numerazione progressiva: N. 1 il portiere; dal numero 2 al numero 11 i calciatori degli altri ruoli; dal numero 12 in poi i calciatori di riserva.

2 Bis. La mancata osservanza di quanto disposto ai commi 1Bis – secondo capoverso – e 2 del presente articolo, non costituisce causa di irregolarità per lo svolgimento della gara, ma dovrà essere riportata dall’arbitro nel proprio rapporto per i provvedimenti degli organi competenti.

3. II Capitano deve portare, quale segno distintivo, una fascia sul braccio di colore diverso da quello della maglia, sulla quale potranno essere apposti loghi, scritte e disegni riconducibili alla Società e al Campionato, purché autorizzati dalla Lega o dalla Divisione competente.

4. Le Leghe, il Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica e le Divisioni stabiliscono, ognuno per quanto di competenza, a quale squadra compete cambiare maglia e, ove previsto, l’intera divisa, nei casi in cui i colori siano confondibili.

5. Non è consentito apporre sugli indumenti di giuoco distintivi o scritte di natura politica o confessionale.
E’ consentito, per le Società appartenenti alla Lega Nazionale Professionisti Serie A, apporre sugli stessi non più di quattro marchi pubblicitari, della natura e delle dimensioni fissate dal Consiglio Federale e con la preventiva autorizzazione del competente organo della Lega.
E’ consentito, per le Società appartenenti alle altre Leghe, alla Divisione Calcio Femminile ed al S.G.S., apporre sugli stessi non più di cinque marchi pubblicitari, della natura e delle dimensioni fissate dal Consiglio Federale e con la preventiva autorizzazione del competente organo della Lega o della Divisione Calcio Femminile.
Per le Società della L.N.D. e del S.G.S., i proventi derivanti da sponsorizzazioni dovranno essere destinati alla creazione e/o allo sviluppo dei vivai giovanili nonché alla diffusione dell’attività dilettantistico – amatoriale svolta in ambito territoriale.
6. L’indumento eventualmente indossato sotto la maglia di giuoco potrà recare, oltre ai loghi e/o alle scritte della Società, esclusivamente quelli dei suoi sponsor ufficiali e dello sponsor tecnico di dimensioni non superiori alle misure regolamentari.
La mancata osservanza di questa disposizione, risultante dal referto degli ufficiali di gara, comporterà l’applicazione dell’ammenda.

7. Per le società appartenenti alla L.N.D., alla Divisione Calcio Femminile e al S.G.S. è consentito, in aggiunta ai marchi già previsti, un appositivo recante il marchio dello sponsor tecnico su una manica della maglia indossata da ogni calciatore.

1. Per le Società appartenenti alla Lega Italiana Calcio Professionistico, è consentito, in aggiunta ai marchi già previsti un appositivo recante il marchio dello sponsor istituzionale della Lega su una manica della maglia indossata da ogni calciatore.

9. Per le Società appartenenti alla Lega Nazionale Professionisti Serie B, è consentito, in aggiunta ai marchi già previsti, un appositivo recante il marchio dello sponsor istituzionale della Lega su una manica della maglia indossata da ogni calciatore.

DEROGA ALL’ART. 72 DELLE N.O.I.F. –

La F.I.G.C. ha rinnovato, anche per la Stagione Sportiva 2020/2021, la deroga all’Art. 72 delle N.O.I.F. – più sopra riportato – in ordine alla tenuta di giuoco dei calciatori nei Campionati L.N.D.

Si riporta il C.U. N. 242/A della F.I.G.C., pubblicato in Roma il 26 Giugno 2020 ed allegato al C.U. N.339 della L.N.D., pubblicato in Roma il 26 Giugno 2020 (Già pubblicato con C.U. del C.R. Sicilia N. 383 del 30 Giugno 2020):

“ Il Consiglio Federale

– nella riunione del 25 Giugno 2020;
– vista l’istanza della Lega Nazionale Dilettanti di consentire, in deroga all’Art. 72 NOIF per la stagione sportiva 2020/2021, ai calciatori ed alle calciatrici partecipanti ai Campionati dilettantistici nazionali, regionali e provinciali maschili e femminili, nonché ai Campionati giovanili Juniores della L.N.D., di indossare per tutta la durata della stagione sportiva una maglia recante sempre lo stesso numero, non necessariamente progressivo;
– preso atto, altresì, che la suddetta deroga per il Campionato Nazionale di Serie D e per il Campionato Nazionale di Serie C Femminile, va integrata anche con la possibilità di personalizzare la maglia con il cognome del calciatore e della calciatrice che la indossa;
– ritenuto di poter accogliere l’istanza;
– visti gli Art. 72 delle NOIF e 27 dello Statuto;

ha deliberato

di consentire, limitatamente alla stagione sportiva 2020/2021, in deroga all’Art. 72 delle NOIF, ai calciatori e calciatrici partecipanti ai Campionati dilettantistici nazionali, regionali e provinciali maschili e femminili, nonché ai Campionati giovanili Juniores della L.N.D., di indossare per tutta la durata della stagione, una maglia recante sempre lo stesso numero, non necessariamente progressivo;

di consentire, ai calciatori e calciatrici partecipanti al Campionato Nazionale di Serie D e al Campionato Nazionale di Serie C Femminile, anche la personalizzazione della maglia con il cognome.

UTILIZZO DEGLI SPAZI PUBBLICITARI SULLE MAGLIE DA GIUOCO –

Si riporta il C.U. N. 68 della F.I.G.C. pubblicato in Roma il 13 Settembre 2018 (allegato al C.U. N. 100 della L.N.D. pubblicato in Roma il 13 Settembre 2018):

“ Il Commissario Straordinario

– vista la richiesta formulata dalla Lega Nazionale Dilettanti;

– ritenuto opportuno ridefinire dimensioni e modalità di utilizzo degli spazi pubblicitari sulle malie da giuoco delle Società partecipanti ai Campionati organizzati dalla L.N.D., ivi compresi quelli relativi alla Divisione Calcio a Cinque;

– visto lo Statuto Federale;
delibera

Le Società della Lega Nazionale Dilettanti possono utilizzare:
• nella parte anteriore delle maglie da giuoco uno spazio per la pubblicità da sponsor commerciale fino a 600 cmq, inserendo all’interno di tale spazio non più di tre marchi, di cui uno al massimo di 250 cmq, uno al massimo di 200 cmq ed uno al massimo di 150 cmq;
• sul retro della maglia, sotto il numero, uno spazio per la pubblicità di un solo sponsor commerciale fino al 200 cmq;
• sul pantaloncino uno spazio per la pubblicità di un solo sponsor commerciale delle dimensioni fino al 100 cmq.

REGOLA 4 (Edizione 2019)
L’ EQUIPAGGIAMENTO DEI CALCIATORI

Si invitano le Società ad attenersi a quanto disposto dalla Regola 4 – “Il Regolamento del Giuoco del Calcio” – Edizione 2019 (aggiornata al 12 agosto) autorizzata dall’International Football Association Board (IFAB) –

REGOLAMENTO

1. SICUREZZA
Ogni calciatore non deve utilizzare un equipaggiamento o indossare qualunque cosa che sia pericolosa.

Tutti i tipi di accessori di gioielleria o di bigiotteria (collane, anelli, braccialetti, orecchini, strisce di cuoio o di gomma, ecc.) sono vietati e devono essere tolti.
Non è consentito usare nastro adesivo per coprirli.
L’equipaggiamento dei calciatori titolari deve essere controllato prima dell’inizio della gara e quello dei calciatori di riserva prima che entrino sul terreno di giuoco.
Se un calciatore sta indossando o usando equipaggiamento non autorizzato e/o pericoloso o accessori di gioielleria o di bigiotteria, l’arbitro deve ordinare al calciatore di:

• togliere l’oggetto in questione
• uscire dal terreno di giuoco alla prima interruzione se questi non è in grado di toglierlo o è restio ad attenersi.

Un calciatore che si rifiuta di attenersi o indossa di nuovo l’oggetto deve essere ammonito.

2. EQUIPAGGIAMENTO OBBLIGATORIO
L’equipaggiamento obbligatorio di un calciatore comprende i seguenti e separati indumenti:

• maglia con maniche;
• calzoncini;
• calzettoni – nastro adesivo o altro materiale applicato o indossato esternamente, dovrà essere dello stesso colore di quella parte dei calzettoni che copre o su cui viene applicato;
• parastinchi – devono essere di materiale idoneo ad offrire un adeguato grado di protezione e devono essere coperti dai calzettoni;
• scarpe.

I portieri possono indossare pantaloni di tuta.
Se un calciatore perde accidentalmente una scarpa o un parastinchi deve rindossarli appena possibile e non più tardi della prima interruzione di giuoco; se prima di ciò gioca il pallone e/o segna una rete, questa deve essere convalidata.

3. COLORI

• le due squadre devono indossare colori che le distinguano una dall’altra e dagli ufficiali di gara;
• ciascun portiere deve indossare colori che lo distinguano dagli altri calciatori e dagli ufficiali di gara;
• se le maglie dei due portieri dovessero essere dello stesso colore e nessuno di loro avesse un’altra maglia, l’arbitro consentirà che la gara venga giocata.

Le sottomaglie devono essere
– monocolore, lo stesso del colore principale delle maniche della maglia;
– a motivi / più colori, che riproducano esattamente quelli delle maniche della maglia.

Scaldamuscoli/calzamaglie devono essere del colore principale dei calzoncini o della parte inferiore di questi – i calciatori della stessa squadra devono indossare i medesimi colori.

4. ALTRO EQUIPAGGIAMENTO

E’ consentito l’uso di equipaggiamento protettivo non pericoloso, per esempio caschi, maschere facciali, ginocchiere e protettori del braccio, fatti di materiale soffice, leggero, imbottito, come pure cappellini per i portieri ed occhiali per lo sport.

Copricapo
Laddove vengano indossati copricapo (esclusi i berretti dei portieri), questi devono:

• essere neri o dello stesso colore predominante della maglia (a condizione che i calciatori della stessa squadra li indossino del medesimo colore);
• essere conformi all’aspetto professionale dell’equipaggiamento del calciatore;
• non essere uniti con la maglia;
• non costituire alcun pericolo per il calciatore che lo indossa o per qualsiasi altro calciatore (ad esempio, con un meccanismo di apertura/chiusura intorno al collo);
• non avere alcuna parte che si protenda fuori della superficie (elementi sporgenti).
Comunicazione elettronica
Ai calciatori (inclusi quelli di riserva, i sostituiti e gli espulsi) non è consentito indossare o utilizzare qualsiasi tipo di apparecchiatura elettronica o per la comunicazione (eccetto laddove siano consentiti EPTS). E’ consentito l’uso di apparecchiature di comunicazione elettronica da parte di dirigenti, laddove sia correlato direttamente alla salute o all’incolumità dei calciatori o per ragioni tecnico/tattiche, ma solo se si tratta di apparecchiature piccole, mobili e portatili (ad esempio: microfoni, cuffie, auricolari, telefoni mobili/smartphone, smartwatch, tablet, computer portatili). Un dirigente che utilizza apparecchiature non autorizzate o che si comporta in modo inappropriato a seguito dell’uso di apparecchiature elettroniche o di comunicazione sarà espulso.

Sistemi elettronici di monitoraggio e rilevamento delle performance (EPTS)
Laddove in gare di competizioni ufficiali sotto l’egida della FIFA, delle Confederazioni o di Federazioni nazionali vengano indossate apparecchiature tecnologiche quali parti di sistemi elettronici di monitoraggio e rilevamento delle performance (EPTS), l’organizzatore della competizione deve assicurare che tali apparecchiature facenti parte dell’equipaggiamento del calciatore non siano pericolose e dovranno riportare il seguente logo:

IMS
INTERNATIONAL
MATCH
STANDARD

Questo logo indica che l’apparecchiatura è stata ufficialmente testata e possiede i requisiti minimi di sicurezza dell’International Match Standard previsti dalla FIFA e approvati dall’IFAB. Gli istituti che conducono tali test sono soggetti all’approvazione della FIFA.

Laddove (previo consenso della Federazione interessata o dell’organizzatore della competizione) vengano utilizzati sistemi elettronici di monitoraggio e rilevamento delle performance (EPTS), gli organizzatori della competizione devono assicurare che le informazioni ed i dati trasmessi da questi dispositivi / sistemi all’area tecnica durante le gare disputate in una competizione ufficiale siano affidabili e accurati.

Uno standard professionale è stato sviluppato dalla FIFA e approvato dall’IFAB per assistere gli organizzatori della competizione nel processo di approvazione di sistemi elettronici di monitoraggio e rilevamento delle performance (EPTS) affidabili e accurati. Il seguente logo indica che un dispositivo / sistema EPTS è stato ufficialmente testato e soddisfa i requisiti in termini di affidabilità e precisione di dati relativi alla posizione / distanza percorsa dai calciatori:

FIFA
QUALITY

5. SLOGAN, SCRITTE, IMMAGINI E PUBBLICITA’

L’equipaggiamento non deve contenere alcuno slogan, scritta o immagine di natura politica, religiosa o personale. I calciatori non devono esibire indumenti indossati sotto l’equipaggiamento che contengano slogan, scritte o immagini di natura politica, religiosa, personale, o pubblicità diversa dal logo del fabbricante.

Per qualsiasi infrazione il calciatore e/o la sua squadra saranno sanzionati dell’organizzatore della competizione o dalla Federazione nazionale o dalla FIFA.

Principi
• La Regola 4 si applica a tutto l’equipaggiamento (compresi gli indumenti) indossato da calciatori titolari, di riserva e sostituti; i suoi principi si applicano anche a tutti i dirigenti presenti nell’area tecnica.
• In generale, è consentito quanto segue:
– numero e nome del calciatore, stemma / logo della squadra, slogan /emblemi di iniziative che promuovono il gioco del calcio, il rispetto e l’integrità, nonché qualsiasi pubblicità consentita dal regolamento della competizione o da quello della Federazione nazionale, della Confederazione o della FIFA;
– i dettagli della gara: squadre, data, competizione / evento, luogo.
• L’apposizione di slogan, scritte o immagini deve limitarsi alla parte anteriore della maglia e/o ad una fascia da braccio.
• In alcuni casi, slogan, scritte o immagini potranno apparire solo sulla fascia del capitano.

Interpretazione della Regola
Al fine di determinare se uno slogan, una scritta o un’immagine è ammissibile, si dovrà tenere presente la Regola 12 (Falli e scorrettezze), che richiede all’arbitro di sanzionare un calciatore che:
• usa un linguaggio e/o fa gesti offensivi, ingiuriosi o minacciosi
• gesticola in modo provocatorio o derisorio

Non sono consentiti slogan, scritte o immagini che rientrino un uno di questi casi.

Mentre quelli “religiosi” e “personali” sono relativamente facili da definire, quelli “politici” sono più complessi; in ogni caso non sono consentiti slogan, scritte o immagini relativi a:
• persone, vive o morte (salvo che siano parte del nome della competizione ufficiale)
• partiti, organizzazioni / gruppi politici locali, regionali, nazionali o internazionali
• governi locali, regionali o nazionali o loro dipartimenti, enti o uffici
• organizzazioni di carattere discriminatorio
• organizzazioni i cui intenti / le cui azioni siano offensivi per un notevole numero di persone
• atti / eventi di carattere prettamente politico

Quando si commemora un evento nazionale o internazionale di particolare rilevanza, dovrebbe essere considerata attentamente la sensibilità della squadra avversaria (inclusi i suoi sostenitori) e del pubblico in generale.

Il regolamento della competizione dovrebbe prevedere ulteriori restrizioni / limitazioni, in particolare per quanto riguarda la dimensione, il numero e la posizione di slogan, scritte, immagini e pubblicità autorizzati. Si raccomanda di risolvere le dispute relative a slogan, scritte o immagini prima che la gara / competizione abbia luogo.

6. INFRAZIONI E SANZIONI

Per qualsiasi infrazione a questa regola non è necessario interrompere il gioco e il calciatore:

• deve essere invitato dall’arbitro ad uscire dal terreno di gioco per regolarizzare l’equipaggiamento;
• esce alla prima interruzione di gioco, a meno che non abbia già provveduto.

Un calciatore uscito dal terreno di gioco per regolarizzare o cambiare l’equipaggiamento deve:

• farsi controllare l’equipaggiamento da uno degli ufficiali di gara prima che gli venga consentito di rientrare sul terreno di giuoco;
• rientrare soltanto con l’autorizzazione dell’arbitro (la quale può essere data a gioco in svolgimento).
Un calciatore che rientra sul terreno di giuoco senza l’autorizzazione dell’arbitro dovrà essere ammonito e se il gioco è stato interrotto per comminare l’ammonizione, verrà assegnato un calcio di punizione indiretto dal punto in cui si trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto, a meno che non ci sia stata un’interferenza nel qual caso verrà assegnato un calcio di punizione diretto (o calcio di rigore) dal punto in cui ha avuto luogo l’interferenza..

ADEMPIMENTI PRELIMINARI ALLA GARA – Art. 61 delle N.O.I.F. –

1. Prima dell’inizio della gara il dirigente accompagnatore ufficiale deve presentare all’arbitro le tessere dei calciatori, laddove previste, o l’ultimo tabulato dei tesserati ricevuto dalla F.I.G.C., unitamente ai documenti di identificazione e ad un elenco, redatto in duplice copia, nel quale debbono essere annotati i nominativi dei calciatori, del Capitano e del Vice Capitano, individuati tra i calciatori titolari, del dirigente accompagnatore ufficiale, del dirigente addetto agli ufficiali di gara e di tutte le altre persone che possono accedere al recinto di giuoco, con la indicazione delle relative tessere o della matricola del tabulato.
2. Una copia dell’elenco di cui al comma precedente deve essere consegnata al capitano o al dirigente dell’altra squadra prima dell’inizio della gara. La mancata osservanza di tale adempimento non costituisce motivo di reclamo, a meno che l’arbitro, nonostante sia stato espressamente e tempestivamente sollecitato, abbia omesso di provvedervi.
3. Le variazioni eventualmente apportate all’elenco di gara dopo la consegna all’arbitro, purché ammesse, devono essere trascritte, ad iniziativa della società che le apporta, anche sulla copia di spettanza dell’altra società.
4. II dirigente accompagnatore ufficiale ed il capitano hanno diritto di avere in visione dall’arbitro le tessere, il tabulato nonché i documenti di identificazione dei componenti la squadra avversaria, prima ed anche dopo lo svolgimento della gara. Hanno anche diritto, in casi eccezionali, di esigere che l’arbitro ritiri, ai fini dell’inoltro al competente organo federale e per il compimento di eventuali accertamenti, le tessere dei calciatori ed il tabulato presentato.
5. II calciatore sprovvisto di tessera, se prevista, o non ancora registrato nei tabulati, può prendere ugualmente parte alle gare qualora il dirigente accompagnatore ufficiale della squadra attesti per iscritto, con conseguente responsabilità propria e della società, che il calciatore stesso è regolarmente tesserato o che la società ha inoltrato al competente organo federale, entro il giorno precedente la gara, una regolare richiesta di tesseramento.
6. II possesso della tessera federale, se prevista, o la registrazione nei tabulati, ottenuta nel rispetto delle disposizioni regolamentari, legittima il calciatore, ove non ricorrano impedimenti ad altro titolo, a prendere parte alle gare sino ad eventuale revoca o decadenza del tesseramento a favore della società.

RESPONSABILITÀ DELLA SOCIETÀ OSPITANTE –

Si ricorda che la Società ospitante è oggettivamente responsabile di quanto avviene entro il proprio impianto sportivo e che di conseguenza può essere chiamata a rifondere i danni patiti.

TUTELA DELL’ORDINE PUBBLICO IN OCCASIONE DELLE GARE –

Si richiama l’attenzione sulle seguenti disposizioni:

Art. 62 – N.O.I.F.
Tutela dell’Ordine pubblico in occasione delle gare
(Nuovo testo – C.U. N. 43/A della F.I.G.C. pubblicato in Roma il 30 Gennaio 2019 ed allegato al C.U. della L.N.D. N. 220 dell’1 Febbraio 2019 – Già pubblicato con C.U. del C.R. Sicilia N. 288 dell’1 Febbraio 2019)

1) Le Società hanno il dovere di accogliere cortesemente e di ampiamente tutelare i dirigenti federali, gli ufficiali di gara e le comitive delle Società ospitate prima, durante e dopo lo svolgimento della gara.

2) Le Società sono responsabili del mantenimento dell’Ordine Pubblico sui propri campi di giuoco e del comportamento dei loro sostenitori anche su campi diversi dal proprio.

2bis) È vietato introdurre e/o utilizzare negli stadi e negli impianti sportivi materiale pirotecnico di qualsiasi genere, strumenti ed oggetti comunque idonei ad offendere, disegni, scritte, simboli, emblemi o simili, recanti espressioni oscene, oltraggiose, minacciose, incitanti alla violenza o discriminatorie per motivi di razza, di colore, di religione, di lingua, di sesso, di nazionalità, di origine territoriale o etnica, ovvero configuranti propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori.

3) Le Società hanno l’obbligo di adottare tutti i provvedimenti idonei ad impedire che lo svolgimento della gara sia disturbato dal suono di strumenti che comunque rechino molestia, dal lancio e dallo sparo di materiale pirotecnico di qualsiasi genere e che durante la gara si verifichino cori, grida ed ogni altra manifestazione espressiva di discriminazione per motivi di razza, di colore, di religione, di lingua, di sesso, di nazionalità, di origine territoriale o etnica, ovvero configuranti propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori nonché di far rimuovere, prima che la gara abbia inizio, qualsiasi disegno o dicitura in qualunque modo esposti, recanti espressioni oscene, oltraggiose, minacciose, incitanti alla violenza o discriminatorie per motivi di razza, di colore, di religione, di lingua, di sesso, di nazionalità, di origine territoriale o etnica, ovvero configuranti propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori.

4) Le Società in occasione delle gare programmate sui propri campi di giuoco, debbono tempestivamente inoltrare richiesta alla competente autorità perché renda disponibile la Forza Pubblica in misura adeguata. L’assenza o l’insufficienza della forza pubblica anche se non imputabile alle Società, impone alle stesse l’adozione di altre adeguate misure di sicurezza, conformi alle disposizioni emanate dalla Lega o dal Settore di competenza.

5) L’arbitro, ove rilevi la completa assenza di responsabili al mantenimento dell’Ordine Pubblico, può non dare inizio alla gara.

6) Prima dell’inizio della gara, il responsabile dell’ordine pubblico dello stadio, designato dal Ministero dell’Interno, anche su segnalazione dei Collaboratori della Procura Federale, o, in loro assenza, del Delegato di Lega, ove rilevi uno o più striscioni esposti dai tifosi, cori, grida ed ogni altra manifestazione discriminatoria di cui al comma 3) costituenti fatto grave, ordina all’arbitro, anche per il tramite del quarto ufficiale di gara o dell’assistente dell’arbitro, di non iniziare la gara. In caso di assenza delle predette figure, il provvedimento viene assunto dall’arbitro.

7) Il pubblico dovrà essere informato con l’impianto di amplificazione sonora od altro mezzo adeguato, sui motivi del mancato inizio e verrà immediatamente invitato a rimuovere lo striscione e/o a interrompere cori, grida ed ogni altra manifestazione discriminatoria di cui al comma 3) che hanno causato il provvedimento. L’arbitro darà inizio alla gara solo su ordine del responsabile dell’ordine pubblico dello stadio, designato dal Ministero dell’Interno o, in sua assenza, il provvedimento viene assunto dall’arbitro.

8) Nel corso della gara, ove intervengano per la prima volta i fatti di cui al comma 6), l’arbitro, anche su segnalazione del responsabile dell’ordine pubblico dello stadio, designato dal Ministero dell’Interno o dei Collaboratori della Procura Federale ed, in assenza di quest’ultimi, del Delegato di Lega, dispone la interruzione temporanea della gara.

9) L’arbitro comunica la interruzione temporanea della gara ai calciatori, i quali dovranno rimanere al centro del campo insieme agli ufficiali di gara. Il pubblico dovrà contemporaneamente essere informato con l’impianto di amplificazione sonora od altro mezzo adeguato, sui motivi che hanno determinato il provvedimento e verrà immediatamente invitato a rimuovere lo striscione e/o a interrompere cori, grida ed ogni altra manifestazione discriminatoria di cui al comma 3).

10) Nel caso di prolungamento della interruzione temporanea, in considerazione delle condizioni climatiche ed ambientali, l’arbitro potrà insindacabilmente ordinare alle squadre di rientrare negli spogliatoi. La ripresa della gara potrà essere disposta esclusivamente dal responsabile dell’ordine pubblico di cui al comma 6) o, in sua assenza, dall’arbitro.

11) Qualora il gioco riprenda dopo la interruzione temporanea di cui al comma 8) e si verifichino altri fatti previsti dal comma 6), il responsabile dell’ordine pubblico dello stadio, designato dal Ministero dell’Interno, anche su segnalazione dei Collaboratori della Procura Federale ed, in assenza di quest’ultimi, del Delegato di Lega, può ordinare all’arbitro, anche per il tramite del quarto ufficiale di gara o dell’assistente dell’arbitro, di sospendere la gara. In caso di assenza delle predette figure, il provvedimento viene assunto dall’arbitro.

12) L’arbitro comunica la sospensione della gara ai calciatori, i quali dovranno rimanere al centro del campo insieme agli ufficiali di gara. Il pubblico dovrà contemporaneamente essere informato con l’impianto di amplificazione sonora od altro mezzo adeguato, sui motivi che hanno determinato il provvedimento e verrà immediatamente invitato a rimuovere lo striscione e/o a interrompere cori, grida ed ogni altra manifestazione discriminatoria di cui al comma 3).

13) Nel caso di prolungamento della sospensione disposta dal responsabile dell’ordine pubblico dello stadio di cui al comma 6), in considerazione delle condizioni climatiche ed ambientali, l’arbitro potrà insindacabilmente ordinare alle squadre di rientrare negli spogliatoi. La ripresa della gara potrà essere disposta esclusivamente dal responsabile dell’ordine pubblico di cui al comma 6) o, in sua assenza, dall’arbitro.

14) Il non inizio, l’interruzione temporanea e la sospensione della gara non potranno prolungarsi oltre i 45 minuti, trascorsi i quali l’arbitro dichiarerà chiusa la gara, riferendo nel proprio rapporto i fatti verificatisi, e gli Organi di Giustizia Sportiva adotteranno le sanzioni previste dall’Art. 17 del Codice di Giustizia Sportiva (ora Art. 10 Nuovo Codice di Giustizia Sportiva), ferma restando l’applicazione delle altre sanzioni previste dal Codice di Giustizia Sportiva per tali fatti.

**********

C.U. N. 1 della L.N.D. pubblicato in Roma l’1 Luglio 2020 – PUNTO 18) – ORDINE PUBBLICO –

Si rammenta che la copia della richiesta di intervento della Forza Pubblica, inoltrata dalla Società ospitante alla competente Autorità, dovrà essere esibita all’arbitro prima dell’inizio della gara.

Per le gare dell’attività ufficiale organizzata direttamente dalla L.N.D., che si svolgono in ambito nazionale (Coppa Italia; gare spareggio — promozione fra le seconde classificate del Campionato di “Eccellenza” per l’ammissione al Campionato Nazionale Serie “D”, ivi comprese — in quest’ultimo caso — quelle che si svolgono in ambito regionale), è fatto obbligo alle Società ospitanti di comunicare alla Società ospitata ed alle competenti autorità di pubblica sicurezza – sia del proprio luogo, sia del luogo della Società ospitata – il quantitativo massimo dei biglietti di ingresso al campo sportivo messo a disposizione delle stesse Società ospitate.

**********
COMUNICAZIONE

Oggetto: Disposizioni alle Società e agli Arbitri in merito alla Forza pubblica, per tutte le gare di competenza regionale a partire dal 31 Ottobre 1999.

LE SOCIETÀ DEBBONO:

Avvisare l’Arbitro prima della gara che è presente la Forza Pubblica.

Nel caso di assenza o insufficienza della Forza Pubblica, all’inizio della gara, la Società dovrà comunicare all’Arbitro i nominativi degli incaricati con bracciale, che svolgeranno le funzioni di “Addetti all’Ordine Pubblico”. Dette persone dovranno essere preventivamente indicati in una distinta a parte e consegnata al Direttore di gara previa identificazione attraverso la presentazione del documento d’identità.
Nel caso in cui, all’inizio della gara, non fosse presente la Forza Pubblica, ma sopraggiungesse nel corso del 1° Tempo o nel 2° Tempo, avvisare l’arbitro durante l’intervallo od a fine gara.

GLI ARBITRI DEBBONO:

Prendere atto ed annotare quanto comunicato alle Società in merito alla Forza Pubblica. In caso di assenza di Forza Pubblica non scrivere sul referto di gara “NON ERA PRESENTE LA FORZA PUBBLICA”, ma riportare “NON HO NOTATO LA PRESENZA DI FORZA PUBBLICA – ERA PRESENTE UN INCARICATO CON BRACCIALE CON FUNZIONI SOSTITUTIVE”.
Nel caso che la Società non mettesse a disposizione nessun incaricato (perché si rifiuta o perché non c’è nessuno in grado di farlo) riportare: “NON HO NOTATO LA PRESENZA DI FORZA PUBBLICA E LA SOCIETÀ NON HA PROVVEDUTO AL SERVIZIO SOSTITUTIVO CON PERSONA INCARICATA CON BRACCIALE”.
Naturalmente nel caso più frequente, cioè con la presenza della Forza Pubblica riportare “HO NOTATO LA PRESENZA” di due o più Carabinieri, oppure Vigili Urbani o Polizia (Indicare il numero di Agenti con il Corpo di appartenenza delle Forze dell’Ordine). In caso di dubbi contattare il C.R.A.

N.B. ALLE SOCIETÀ SI CONSIGLIA DI AFFIGGERE COPIA DELLA PRESENTE COMUNICAZIONE NELLO SPOGLIATOIO DEL DIRETTORE DI GARA.

CALCIATORI IMPEGNATI COME ASSISTENTI DELL’ARBITRO (EX GUARDALINEE) –
Art. 63 – N.O.I.F.
Direzione delle gare ufficiali
(Nuovo testo – C.U. N. 22/A della F.I.G.C. pubblicato in Roma il 12 Luglio 2019 ed allegato al C.U. della L.N.D. N. 38 del 16 Luglio 2019 – Già pubblicato con C.U. del C.R. Sicilia N. 10 del 17 Luglio 2019)

1. Le gare considerate ufficiali – o, comunque, autorizzate dalle Leghe, dalle Divisioni, dal Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica e dai Comitati – debbono essere dirette da un Arbitro designato dal Competente Organo Tecnico dell’Associazione Italiana Arbitri.

Soltanto per le gare delle categoria giovanili “Esordienti” e “Pulcini” possono essere ammessi ad esercitare la funzione arbitrale i Dirigenti delle Società.

1 Bis. L’Arbitro è tenuto a redigere il rapporto della gara e a provvedere, con esso, alla refertazione di quanto accaduto in occasione della gara dallo stesso diretta, allegando, pure, i rapporti degli altri ufficiali di gara eventualmente designati. Il rapporto di gara, con gli elenchi ed ogni altro allegato, deve essere inviato alla Lega o alla Divisione competente con le modalità previste, anche per via telematica, per il successivo inoltro agli Organi disciplinari.
2. Nelle gare organizzate nell’ambito della Lega Nazionale Dilettanti e del Settore Giovanile e Scolastico, per le quali non sia prevista la designazione dei tre ufficiali di gara, nonché nell’attività ricreativa, le Società sono tenute a porre a disposizione dell’arbitro, per assolvere a tale funzione, un calciatore, di età non inferiore a quella stabilita per partecipare alla gara, o un tecnico tesserato ovvero un dirigente che risulti regolarmente in carica. La funzione di assistente dell’arbitro è considerata, ai fini regolamentari e disciplinari, come partecipazione alla gara e, pertanto, è preclusa ai calciatori e ai dirigenti colpiti da provvedimenti di squalifica o di inibizione.
3. Nelle gare di cui al comma 2, un calciatore iscritto nell’elenco ufficiale di gara, che svolga le funzioni di assistente di parte, può nella stessa gara partecipare come calciatore. Nelle medesime gare, un calciatore iscritto nell’elenco ufficiale di gara e già partecipante alla stessa può, successivamente, svolgere le funzioni di assistente.
4. Nelle gare di cui al comma 2, gli assistenti di parte non possono essere sostituiti da ufficiali di gara all’uopo reperiti.

5. Qualora nel corso di una gara un Assistente di parte venisse espulso dal recinto di giuoco o, comunque, abbandonasse la propria funzione, il Dirigente Accompagnatore Ufficiale dovrà indicare il nominativo di un altro tesserato in possesso dei requisiti di cui al comma 2, il quale svolgerà tale funzione nel proseguo della gara.

”PANCHINA LUNGA” NEI CAMPIONATI DELLA L.N.D. –

Si riporta integralmente il C.U. N. 241/A della F.I.G.C. pubblicato in Roma il 26 Giugno 2020 – allegato al C.U. N. 338 della L.N.D. pubblicato in Roma il 26 Giugno 2020 (Già pubblicato con C.U. del C.R. Sicilia N. 383 del 30 Giugno 2020):

Il Consiglio Federale

– nella riunione del 25 Giugno 2020;
– Vista l’ istanza della Lega Nazionale Dilettanti di consentire in deroga alle Decisioni Ufficiali F.l.G.C. – Regola 3 – del Regolamento del Giuoco del Calcio, limitatamente alle competizioni ufficiali organizzate nell’ambito della L.N.D. nella stagione sportiva 2020/2021, che le Società possano indicare un massimo di nove giocatori di riserva nella distinta di gara;
– ritenuto di poter accogliere la predetta istanza;
– viste le Decisioni Ufficiali F.I.G.C. alla Regola 3 del Regolamento del Giuoco del Calcio;
– visto l’art. 27 dello Statuto federale
ha deliberato

di consentire, in via sperimentale per la Stagione Sportiva 2020/2021, in deroga alle decisioni ufficiali della F.l.G.C. relative alla Regola 3 del Regolamento del Giuoco del Calcio, che limitatamente alle competizioni ufficiali organizzate nell’ambito della L.N.D., le Società possono indicare un massimo di nove giocatori di riserva nella distinta di gara, in luogo dei sette previsti dalle vigenti disposizioni, tra i quali scegliere gli eventuali sostituti. Restano invariate le attuali previsioni per la disciplina del Calcio a Cinque”.

DISTINTA CALCIATORI –

Si ricorda alle Società di conservare nei propri archivi le distinte dei calciatori attestanti la loro effettiva partecipazione alle gare, così da poterle esibire, se richieste, agli Enti Locali in sede di liquidazione dei contributi, non potendo questo Comitato Regionale rilasciare copia dei referti arbitrali.

TUTELA MEDICO SPORTIVA – C.U. N. 2 della L.N.D. del 1° Luglio 2020 –

Si richiamano le Società associate alla L.N.D. al rigoroso rispetto della normativa contenuta all’Art. 43, delle N.0.I.F., al fine di far adempiere ai propri tesserati l’obbligo a sottoporsi a visita medica per l’accertamento dell’idoneità alla pratica sportiva agonistica.

Ciò in virtù del principio generale secondo il quale i legali rappresentanti delle Società sono soggetti a responsabilità civili e penali nel caso di infortuni che dovessero verificarsi nel corso di gare e/o allenamenti che coinvolgessero tesserati privi della suindicata certificazione, in assenza della quale non è riconosciuta alcuna tutela assicurativa.

Si rende noto, altresì, che in dipendenza della situazione emergenziale in atto a causa della pandemia da COVID-19 ove sia riscontrata la presenza di pregressa infezione al virus, i tesserati dovranno provvedere ad una nuova visita per il rilascio della certificazione d’idoneità sportiva (agonistica o non agonistica) nel rigoroso rispetto dei protocolli di legge, anche se in possesso di un certificato in corso di validità.

********

Si informano, pertanto, le Società che i calciatori che disputano gare o allenamenti sprovvisti della certificazione medica sono soggetti a sanzioni disciplinari, oltre che all’ammenda per le Società.

Per quanto sopra si invitano le stesse a sottoporre a visita medica i propri calciatori prima dell’inizio dei relativi Campionati cui parteciperanno – tenuto conto che il certificato medico ha una validità annuale -, facendo presente che a partire dal 30 Gennaio 2021 si procederà al deferimento delle Società inadempienti con le conseguenti sanzioni economiche e disciplinari previste dal Regolamento.

Si invitano quindi le Società a volere inviare copia delle certificazioni mediche a questo C.R. entro e non oltre il termine del 30 Gennaio 2021, alla seguente e-mail :

sicilia.certificati@lnd.it

facendo presente che, relativamente all’Attività Giovanile, le suddette certificazioni potranno essere consegnate presso le locali Delegazioni Provinciali/Distrettuale della L.N.D..

Si informano sin da ora le Società che tutte le certificazioni mediche che perverranno oltre il suddetto termine saranno passibili di deferimento, in quanto saranno considerate “ritardata presentazione” e, di conseguenza, soggette alle sanzioni disciplinari che il competente Tribunale Federale Territoriale intenderà assumere.

È opportuno ricordare che la visita di idoneità sportiva agonistica presso la Struttura Pubblica è gratuita per i ragazzi al di sotto dei 18 anni ed è uno dei requisiti indispensabili per il rilascio del tesseramento giovanile.

L’accertamento della ”idoneità generica” (certificato di buona salute) è richiesto per i calciatori di età compresa fra i 6 anni compiuti ed i 12 anni non compiuti.

Per i calciatori che compiono anagraficamente il 12° anno di età, come stabilito dal Consiglio Federale, c’è l’obbligo dell’accertamento della “idoneità specifica agonistica”, anche se i suddetti svolgono attività pre-competitive e competitive.

Gli accertamenti avvengono in occasione del primo tesseramento a favore delle Società e vanno ripetuti ogni anno, prima dell’inizio dell’attività.

Le Società hanno l’obbligo di informare immediatamente a mezzo di lettera raccomandata il Comitato Regionale o la Delegazione di appartenenza, nonché la Sezione Medica del Settore Tecnico, della accertata INIDONEITÀ alla pratica sportiva agonistica di un loro calciatore tesserato, di qualsiasi categoria, ai fini della tempestiva revoca del tesseramento.

Il tesseramento dei calciatori va effettuato nel rispetto delle norme che lo disciplinano. La Società richiedente dichiara, sottoscrivendo il modulo di tesseramento, che il calciatore interessato è stato già sottoposto a visita di idoneità fisica (se trattasi di giovani calciatori) ed agonistica (per ogni altra categoria), con il preventivo rilascio del certificato di idoneità. L’obbligatorio prescritto certificato deve rimanere acquisito agli atti della Società di appartenenza ed ha validità di anni uno, da rinnovare ad ogni successiva scadenza.

TUTELA ASSICURATIVA TESSERATI E DIRIGENTI L.N.D. – MODALITA’ DI DENUNCIA E GESTIONE DEI SINISTRI – C.U. N. 5 della L.N.D. del 1° Luglio 2020 –

La L.N.D., di intesa con la Generali Italia S.p.A., anche per la stagione sportiva 2020 – 2021 conferma le coperture assicurative relative alla tutela Infortuni e responsabilità civile a favore delle Società sportive e dei tesserati della Lega.

Di seguito si riportano le indicazioni per la procedura di denuncia dei sinistri per tesserati e dirigenti delle Società affiliate alla Lega Nazionale Dilettanti.
La denuncia di sinistro, trasmessa dall’Assicurato o da chi ne faccia le veci ed eventuali aventi causa, potrà essere effettuata:

– Attraverso il sistema di denuncia on-line accessibile sul portale web della Lega Nazionale Dilettanti – www.lnd.it – selezionando il banner posto sulla destra della home-page denominato “ASSICURAZIONI”. All’interno di questo spazio web, si potrà accedere al portale One care per effettuare la denuncia on-line.

La procedura di denuncia on-line è di facile gestione, non comporta spese e assicura l’immediata presa in consegna e lavorazione del sinistro.

– In alternativa alla denuncia on-line (che rimane il sistema preferibile), la denuncia può essere effettuata con l’invio dei moduli debitamente compilati e sottoscritti, da inviarsi a mezzo raccomandata A/R ad AON S.p.A. – Ufficio Sinistri infortuni – Via Andrea Ponti, 8 – 20143 Milano.

Ci corre l’obbligo segnalare che, suddetta tipologia di procedura, comporta necessariamente ritardi nell’istruttoria e iter liquidativo della posizione.

Si ricorda, inoltre, che nella pagina https://www.lnd.it/it/servizi/assicurazioni sono disponibili tutte le informazioni utili a comprendere il mondo assicurativo della L.N.D..

In particolare, sono stati inseriti i moduli per la denuncia cartacea, la sintesi della polizza e il vademecum esplicativo per procedere all’apertura telematica del sinistro.
Nella stessa pagina web le Società sportive trovano anche la Dichiarazione Assicurativa RCT, idonea per produrre alle Amministrazioni Comunali un documento che confermi la tutela delle associate alla L.N.D. che gestiscono impianti sportivi.

La denuncia di sinistro, a prescindere dalla procedura prescelta, deve essere effettuata entro 30 giorni dalla data dell’infortunio, mentre nel caso di infortunio mortale, la denuncia dovrà essere effettuata entro i 15 giorni successivi al decesso, a mezzo telegramma da trasmettere all’indirizzo sopra indicato.

Inoltre, per eventuali informazioni circa lo status della pratica di sinistro è a disposizione la Centrale Operativa al numero verde

800.137.060

SERVIZIO DI CONSULENZA ASSICURATIVA LND
Si ricorda che è sempre attivo (fatta eccezione per i punti 1 e 2 sotto riportati) il servizio di consulenza per le problematiche contrattuali, per i temi concernenti la copertura assicurativa dei tesserati e dei dirigenti, e per l’assistenza alle Società sportive sui temi assicurativi.
Il servizio di consulenza è predisposto dalla LND e non dalla Generali Italia S.p.A., pertanto:

1 – NON PUÒ DARE INFORMAZIONI SULLA GESTIONE DELLE PRATICHE e non liquida i sinistri. Per tale operazione è necessario contattare il numero verde 800 137 060;

2 – il servizio NON OPERA PER I TESSERATI DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO.

Il servizio di consulenza (fatta eccezione per i punti 1 e 2 sopra riportati) è attivo dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00, contattando il numero telefonico 335.8280450.

Si precisa che i tesserati del Settore Giovanile e Scolastico (e cioè i ragazzi di età inferiore ai 14 anni o quelli di età compresa tra 14 e 16 con tesseramento annuale) non rientrano nella copertura della polizza LND, bensì in quella FIGC e devono denunciare i sinistri attraverso il sito del Settore Giovanile, disponibile all’indirizzo www.figc.it

IMPORTI PREMI ASSICURATIVI

Il premio pro-capite per la stagione sportiva 2020-2021 è pari ad Euro 27,00 per gli assicurati delle categorie Calciatori e Allenatori delle Società della L.N.D..

Per quanto attiene i “Dirigenti” tesserati con le Società della L.N.D., di seguito si rendono noti gli importi dei premi relativi alla copertura assicurativa L.N.D. – Generali/INA Assitalia, per la stagione sportiva 2020/2021:

• ogni singola Società partecipante al Campionato Nazionale Serie D ed ai Campionati di Serie A e B del Dipartimento Calcio Femminile e dei Campionati Nazionali di Serie A, A2 e B della Divisione Calcio a Cinque, dovrà corrispondere un premio forfetario annuale pari ad Euro 180,00;

• ogni singola Società partecipante al campionato di Eccellenza, Promozione e 1’ Categoria, dovrà corrispondere un premio forfetario annuale pari ad Euro 130,00;

• ogni singola Società partecipante a tutti gli altri Campionati organizzati dalla L.N.D., ad eccezione dell’attività Amatoriale e Ricreativa, dovrà corrispondere un premio forfetario pari ad Euro 90,00.

Per quanto attiene al premio relativo alla categoria Dirigenti delle Società della L.N.D. il premio è di Euro 5,00.

Ai Dirigenti Ufficiali sono applicate le medesime coperture assicurative previste per i calciatori.

INDENNIZZO TRASFERTE – NORME PER IL RECUPERO E LA RIPETIZIONE
DELLE GARE DI CAMPIONATO E DI COPPE –

Si riportano alcune nozioni utili per le Società:

a) Gare non iniziate o sospese nel 1° tempo per motivi atmosferici:
Alla Società ospitata compete il 50% delle spese effettive di viaggio da liquidarsi in separata sede, tramite il Comitato Regionale, a cui vanno segnalate le spese stesse, il quale si riserva di concorrere con un contributo proporzionato all’importo rilevato dai documenti giustificativi della gara sospesa.

b) Gara non disputata per assenza dell’arbitro o per disfunzioni organizzative imputabili a questo Comitato Regionale:
Dovranno essere rimessi al Comitato Regionale medesimo i documenti giustificativi inerenti la prima trasferta onde procedere all’accredito, sul conto della Società, dell’intero importo.

c) Gara non disputata o sospesa entro il primo tempo per cattive condizioni meteorologiche, o per indisponibilità dell’arbitro:
La procedura è come al punto a) ed il Comitato Regionale si riserva di concorrere con un contributo proporzionato all’importo rilevato dai documenti giustificativi della gara non disputata.

d) Gara sospesa nell’intervallo tra il 1° ed il 2° tempo o durante il 2° tempo per motivi atmosferici, o per indisponibilità dell’arbitro:
La gara di recupero sarà effettuata a cura della Società ospitante, che deve inviare al Comitato Regionale il rendiconto economico (incassi e spese), senza versare alcun indennizzo alla consorella avversaria.
Il rendiconto definitivo sarà successivamente compilato dal Comitato Regionale con la ripartizione in tre parti (le due Società ed il Comitato) del risultato economico.

e) Gare ripetute perché annullate:
In questo caso la gara va organizzata dalla Società ospitante per conto del Comitato Regionale, a cui poi sarà rimesso il rendiconto economico per le operazioni di cui al punto d).

f) Gare disputate in campo neutro:
Alla Società organizzatrice spetta un rimborso forfettario di € 200,00 che sarà accreditato direttamente dal C.R.S., il quale, allo stesso modo, provvederà all’addebito della predetta somma alla Società ospitante (se trattasi di gara di campionato a seguito squalifica campo) o di entrambe le Società (se trattasi di gara di spareggio, play-off o play-out). Tale rimborso potrà essere pagato direttamente alla società organizzatrice.

NORME PROCEDURALI RELATIVE ALLA RICHIESTA DEL RISARCIMENTO
DEI DANNI ALLE PROPRIE AUTOVETTURE SUBITE DAGLI UFFICIALI DI GARA
Circolare N. 12 del 12 Novembre 2004 della Lega Nazionale Dilettanti –

La Lega Nazionale Dilettanti, il Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica e l’Associazione Italiana Arbitri, hanno riformulato le norme procedurali relative alla richiesta del risarcimento dei danni alle proprie autovetture subiti dagli Ufficiali di gara.
Al riguardo, gli Arbitri e gli Assistenti arbitrali che si recano a dirigere gare con il proprio automezzo dovranno:

• chiedere al Dirigente responsabile della Società ospitante il luogo preciso dove parcheggiare e consegnare le chiavi allo stesso, previa verifica dello stato dell’autovettura. (La Società è responsabile della custodia ai sensi dell’art. 1786 c.c.).
• constatare con il responsabile della Società ospitante eventuali danni rilevati al veicolo al termine della gara;
• riferire il fatto nel rapporto di gara al fine di consentire al Giudice Sportivo di comminare il provvedimento di risarcimento danni;
• trasmettere, entro 15 giorni dalla delibera del Giudice Sportivo con la quale è sancito l’obbligo del risarcimento dei danni, al competente Organo Federale (Comitato Regionale della L.N.D., Comitato Regionale del S.G.S., Comitato Interregionale, Divisioni Calcio Femminile e Calcio a Cinque) inviandone copia al C.R.A. ed alla propria Sezione Arbitrale, la domanda del rimborso con allegata denuncia all’Autorità Giudiziaria, fotografie del danneggiamento dell’autovettura e preventivo di spesa per la riparazione.

Ove gli Ufficiali di gara non adempiano esattamente le disposizioni sopra indicate, non sarà possibile, in qualsiasi forma, procedere ad alcuna richiesta di danni.

Il competente Organo federale oltre ad inviare immediatamente la documentazione del danno alla Società responsabile, addebiterà, in via cautelativa, la somma richiesta sul conto in essere presso il medesimo Organo Federale.

La Società, entro 15 giorni dal ricevimento, potrà contestare con le debite motivazioni sia l’entità del danno sia il danno stesso. In tal caso, il competente Organo federale dovrà interessare la Commissione Paritetica presso la Lega Nazionale Dilettanti, trasmettendo le controdeduzioni della Società e la richiesta dell’Arbitro o Assistente arbitrale che, in via equitativa ed inappellabile, stabilità l’importo da riconoscere previa perizia svolta da appositi specialisti sulla base della documentazione prodotta.

La mancata contestazione dell’addebito nei termini prefissati sarà considerata assenso alla richiesta formulata, ed il competente Organo Federale provvederà al rimborso del danno subito all’Ufficiale di gara interessato

AMMENDE E “CONTRIBUTO “ DI ACCESSO ALLA GIUSTIZIA SPORTIVA (EX TASSE RECLAMO) –

I competenti Organi della Giustizia Sportiva provvedono al riguardo secondo quanto previsto dal Codice di Giustizia Sportiva.

Tutte le ammende devono essere versate entro e non oltre 15 giorni dalla data di pubblicazione del Comunicato Ufficiale con il quale sono state comminate, mentre il “Contributo” di accesso alla Giustizia Sportiva (ex tasse reclamo) deve essere allegato al reclamo.
Il mancato versamento del “Contributo” di accesso alla Giustizia Sportiva è motivo di “Inammissibilità” del reclamo. L’addebito sul conto, nel caso in cui la reclamante sia una Società, potrà essere richiesto solo in presenza dell’avvenuto versamento dell’importo totale dovuto all’atto dell’iscrizione.

Diversamente, per le ammende si procederà all’incasso coattivo con l’aggravio dei diritti di esazione del 10%.

. ORGANIZZAZIONE UFFICI F.I.G.C. – L.N.D. – COMITATO REGIONALE SICILIA –

Segretario Regionale: Maria Gatto Telefono: 091 6808409
Fax: 091 6808497
E-mail: gatto@lnd.it Posta Certificata: gatto@lndsicilia.legalmail.it

Vice Segretario: Calogero Giannopolo Telefono: 091 6808408
Fax: 091 6808494
E-mail: sicilia.amministrazione@lnd.it
Posta Certificata: Sicilia.amministrazione@lndsicilia.legalmail.it

AREA I
SEGRETERIA/AFFARI GENERALI

Responsabile Segreteria F.sco Paolo Cinquemani Telefono: 091 6808425
Fax: 091 6808497
E-mail: sicilia.segreteria@lnd.it Posta Certificata: Sicilia.segreteria@lndsicilia.legalmail.it

Segreteria Amministrativa: Laura Lo Sicco Telefono: 091 6808440
Fax: 091 6808498
E-mail: crlnd.sicilia01@figc.it Posta Certificata: laura.losicco@lndsicilia.legalmail.it

Responsabile Segreteria Agonistica: Wanda Costantino Telefono: 091 6808405
Fax: 091 6808498
Posta Certificata: attivitaagonistica@lndsicilia.legalmail.it

Attività Giovanile sul territorio: Giusy Cusimano Telefono: 091 6808419
Fax: 091 6808498
E-Mail: sicilia.sgs@lnd.it

Attività Agonistica Calcio a 5: Paolo Mendola Telefono: 091 6808475
Fax: 091 6808498
E-mail: sicilia.dr5@lnd.it

Responsabile Affari Generali: Aldo Lo Nigro Telefono: 091 6808421
Fax: 091 6808498

Ufficio Affari Generali: Francesco Salvatore Porzio Telefono: 091 6808438
Fax: 091 6808498
E-mail: sicilia.affarigenerali@lnd.it
Posta Certificata: sicilia.affarigenerali@lndsicilia.legalmail.it

AREA II
AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA’
E-Mail: sicilia.amministrazione@lnd.it
Posta Certificata: sicilia.amministrazione@lndsicilia.legalmail.it
FAX 091 6808494

Vice Segretario: Calogero Giannopolo Telefono: 091 6808408
Responsabile: Rosalia Lo Iacono Telefono: 091 6808428
Ufficio Amministrazione e Contabilità: Fabio Giattino Telefono: 091 6808422

AREA III
TESSERAMENTO E GIUSTIZIA SPORTIVA
E-Mail: sicilia.tesseramento@lnd.it
Posta Certificata: sicilia.tesseramento@lndsicilia.legalmail.it
FAX 091 6808498 (Tesseramento)

E-Mail: sicilia.giudicesportivo@lnd.it
Posta Certificata: giudicesportivo@lndsicilia.legalmail.it
Fax 091 6808496 (Giustizia Sportiva)

Responsabile Ufficio Tesseramento: Giovanni Cutrera Telefono: 091 6808410
Ufficio Tesseramento: Giulio Sconzo Telefono: 091 6808423
Responsabile Giustizia Sportiva: Simona Boatta Telefono: 091 6808463

******

Responsabile C.E.D.: Aldo Lo Nigro Telefono: 091 6808421

UFFICIO REGIONALE CALCIO A CINQUE
E-Mail: sicilia.dr5@lnd.it
Posta Certificata: sicilia.dr5@lndsicilia.legalmail.it
Fax 091 6808495

Responsabile Regionale: Maxmiliano Birchler Telefono: 091 6808406

UFFICIO REGIONALE CALCIO FEMMINILE
E-Mail: sicilia.femminile@lnd.it
Posta Certificata: femminile@lndsicilia.legalmail.it
Fax 091 6808498

Responsabile Regionale: Giuseppe Mistretta Telefono: 091 6808473
CAMPI SPORTIVI
E-Mail: settoreimpiantisicilia@lnd.it
Posta Certificata: settoreimpianti@lndsicilia.legalmail.it
Fax: 091 6808498

Fiduciario Regionale Campi Sportivi: Giuseppe Bonsangue Telefono: 091 6808424

SETTORE TECNICO REGIONALE

E-Mail: sicilia.settoretecnico@lnd.it
Fax 091 6808498

Coordinatore: Giovanni Cutrera Telefono: 091 6808410
Segreteria Corsi: Laura Lo Sicco Telefono: 091 6808440
Tesseramento Tecnici: Giulio Sconzo Telefono: 091 6808423

(SI ALLEGA AL PRESENTE IL C.U. N. 1 COMPLETO DEL C.R. SICILIA)
1.2. UFFICIO ATTIVITÀ GIOVANILE SUL TERRITORIO
COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. S.G.S.

ESTRATTO DAL C.U. n°1 SGS NAZIONALE

…omississ…

COMUNICAZIONI DEL COMITATO REGIONALE

− SUL SITO È STATO PUBBLICATO IL C.U.N°1 SGS NAZIONALE E TUTTI GLI ALLEGATI

ESCLUSIONE PER MOTIVI DI PRECLUSIONE DI UNA SOCIETÀ AVENTE DIRITTO
A seguito di ulteriore verifica sull’attività svolta dalla società NEXT LEVEL ALTORENDIMENTO, seppur iscritta al Campionato Provinciale Under 17, la stessa non ha preso parte a nessuna gara e quindi è stata esclusa; secondo quanto previsto dalla Normativa vigente non ha svolto una delle due categorie obbligatorie per mantenere la categoria Regionale Under 15; per quanto sopra, la stessa perde il diritto di permanenza al Campionato Regionale Under 15 per la stagione sportiva 2020/2021.

− POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
Si rende noto che per le società non professionistiche e per i tesserati delle società non professionistiche, in base a quanto stabilito dalla Norma Transitoria di cui all’art. 142, comma 3, del Codice di Giustizia Sportiva, l’entrata in vigore dell’obbligo di dotazione di un indirizzo di posta elettronica certificata è differito al 1° Luglio 2021. Sino a tale data continuano ad applicarsi le disposizioni previgenti.

1.3. COMUNICAZIONI DELLA DELEGAZIONE PROVINCIALE

1.3.1. ORARI DI RICEVIMENTO UFFICI DELEGAZIONE

Si comunicano, di seguito, gli orari di ricevimento degli uffici della Delegazione di Enna:

Lunedì 09:30-13:00 14:00-15:30
Martedì 09:00-14:00 chiusura
Mercoledì 09:30-13:00 14:30-16:00
Giovedì 09:30-13:00 14.30-16.00
Venerdì 09:00-13:00 14.00-15.30
Sabato Chiusura

Si avvisano le gentili società che, a causa del prolungarsi delle restrizioni legate al COVID-19, gli uffici della Delegazione Provinciale resteranno chiusi al pubblico fino a nuova comunicazione. Restano tuttavia attivi i recapiti telefonici, chiamando al numero 0935/37711, e di posta elettronica, inviando un’e-mail all’indirizzo del.enna@lnd.it.

IL SEGRETARIO IL DELEGATO PROVINCIALE
MARIA ASSUNTA MILOTTA ROBERTO PREGADIO

Visite: 27