Enna Press

Testata giornalistica Online

Alla Scoperta dell’Ennese: il Castello di Assoro

fonte: www.icastelli.it

Il Castello di Assoro, abbandonato già nella prima età moderna e poi dato in cava ai cittadini che ne deturparono l’andamento sino a renderne difficilissima la comprensione degli apparati, è oggi inserito in un bel parco urbano di nuovissima creazione che comprende tutta l’area alta del paese con i resti delle fortificazioni e della acropoli antica.

Le fortificazioni medievali sono, come non è raro nella provincia ennese tutta, ricavate con un sapiente gioco architettonico tra i volumi scavati nella roccia e quelli costruiti con murature forti e solide. Ancora sono visibili: una grande cortina muraria conclusa da un torrione pieno a pianta circolare, una seconda cortina munita di finestre che guarda verso la valle, un ambiente sotterraneo di passaggio, altri ambienti scavati nella roccia e voltati a crociera che, ad un primo esame paiono aver avuto funzione di magazzini anche a giudicare dalle canalette di scolo delle acque ricavate sul fondo degli stessi.

Nelle rocce adeguatamente scolpite per dar agio alle murature si nota poi una particolarità veramente interessante, accanto ai grandi fori per le travature dei pavimenti e dei solai compaiono in più punti lunghe serie di petroglifi lineari, tutti uguali, la cui interpretazione è veramente ardua.

Visite: 58