Enna Press

Testata giornalistica Online

AL VIA IL BIGLIETTO UNICO PALAZZO TRIGONA – VILLA ROMANA DEL CASALE. LEGAMBIENTE: A DISTANZA DI 19 ANNI DALLA NOSTRA PROPOSTA SI CONCRETIZZA IL PRIMO PASSO PER IL COLLEGAMENTO TRA IL SITO UNESCO E IL CENTRO STORICO

AL VIA IL BIGLIETTO UNICO PALAZZO TRIGONA – VILLA ROMANA DEL CASALE. LEGAMBIENTE: A DISTANZA DI 19 ANNI DALLA NOSTRA PROPOSTA SI CONCRETIZZA IL PRIMO PASSO PER IL COLLEGAMENTO TRA IL SITO UNESCO E IL CENTRO STORICO

Il circolo Legambiente di Piazza Armerina apprende con soddisfazione che l’istituzione del biglietto unico “Villa Romana del Casale – Palazzo Trigona”, avanzata dal direttore del Parco archeologico arch. Liborio Calascibetta, è stata deliberata il 7 giugno dal Comitato regionale per la determinazione dei biglietti d’ingresso ai siti culturali siciliani, e che adesso si aspetta solo la ratifica con decreto dell’assessore regionale Samonà. Un biglietto unico che arriva a 19 anni di distanza dalla proposta di Legambiente che plaude al direttore Calascibetta ed al governo Regionale, unici autori di questo traguardo, cui va esclusivamente il merito.

“Lo avevamo chiesto provocatoriamente nel febbraio del 2002 – dichiara Paola Di Vita, presidente dell’associazione – in occasione di un convegno sulla Villa Romana e Morgantina tenutosi a Piazza Armerina su iniziativa dell’allora on. Tumino ed alla presenza dei massimi vertici regionali della gestione dei beni culturali, proprio pochi mesi prima della presentazione del dossier “Palazzo Trigona: il museo che non c’è”. E formalizzato attraverso una lettera aperta, firmata dall’allora presidente Riccardo Calamaio, inviata all’assessore regionale Fabio Granata. Richiesta, quella del biglietto unico, che abbiamo continuamente ribadita, attraverso azioni costanti di sensibilizzazione e di vertenze durate ben 19 anni, sempre con garbo, rispetto verso le istituzioni ma senza fare sconti ad alcun colore politico, convinti da sempre che il museo a Palazzo Trigona era sicuramente un obiettivo importante per la città ma che doveva essere accompagnato da una visione culturale a medio/lungo termine per la valorizzazione del centro storico. Era, ed è maggiormente oggi, necessario creare un collegamento con la Villa del Casale, come occasione di rilancio culturale, sociale ed economico per la città e i cittadini. Il biglietto unico è il primo passo per la creazione di questo collegamento che noi abbiamo sempre interpretato come un asse unico con 2 poli finora contrapposti ma da collegare, la Villa del Casale e il centro storico con al centro Palazzo Trigona. Il passo successivo adesso è affidato alla governance del Museo della Città e del Territorio di Palazzo Trigona, la cui inaugurazione è ormai imminente, a conclusione di un iter tormentato e decisamente troppo lungo.

L’inaugurazione del Museo – continua Di Vita – non rappresenta la fine di una storia, bensì l’inizio di un nuovo percorso, tutto in salita, perché il Trigona dovrà dimostrare di essere veramente attrattivo, motore culturale che dialoga con il territorio, con le altre emergenze culturali e non solo, capace di elaborare crescita culturale ed economica, sottraendo la città a quel lento ed inarrestabile degrado che provoca l’andar via dei giovani e di famiglie intere alla ricerca di un futuro lontano dalla propria terra. Il vero petrolio dei nostri territori sono i beni culturali ed ambientali. Cerchiamo di sfruttare questo giacimento nel migliore dei modi”.

Visite: 97

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *