Categorie
Calcio

La sfida dell’Euro di Mancin

Ci sono avvenimenti che, seppur nefasti, portano a miglioramenti assoluti. L’eliminazione della nazionale italiana dai mondiali 2018 in seguito alla sconfitta nell’eliminatoria contro la Svezia, vista in quel momento come una tragedia, ha portato a un ripulisti quasi totale della squadra azzurra, iniziando dall’allenatore Giampiero Ventura e arrivando agli addii di giocatori conclamati come Gianluigi Buffon. L’incarico di CT azzurro è stato assegnato dunque a Roberto Mancini, uno con l’esperienza giusta per poter guidare una rosa di giocatori importanti ma anche con il carattere necessario a dare il via a una ripartenza importante. Vincitore di titoli con l’Inter e il Manchester City, il Mancio ha accettato di buon grado il ruolo di salvatore della patria prendendo le redini dell’Italia prima del girone di qualificazione dell’allora Euro 2020 diventato ora Euro 2021, prima e per il momento unica edizione che si svolgerà in maniera itinerante lungo tutto il vecchio continente. La decisione della federazione italiana calcio di puntare su di lui, visti i risultati, sembra essere stata più che azzeccata. La nuova nazione, sotto gli ordini dell’ex calciatore di Sampdoria e Lazio, ha dimostrato di aver cambiato pelle. Da un lato il tecnico ha trovato il giusto mix tra giovani speranze e veterani di livello come il capitano Giorgio Chiellini, mentre dall’altro la batosta contro la Svezia ha fatto capire all’ambiente intero che era arrivato il momento di cambiare davvero musica e smettere di sedersi sugli allori del trionfo del 2006.

Tutto il lavoro di Mancini, che ha puntato su un 4-3-3 classico e piuttosto dinamico nelle transizioni, si è visto emergere con un elevatissimo rendimento nel girone di qualificazione all’Euro che avrà luogo l’estate del 2021. Non a caso, l’Italia del Mancio ha registrato il record di vittorie consecutive, ossia dieci in totale, impresa che nemmeno la corazzata di Vittorio Pozzo negli anni ’30 era riuscita a compiere. Da questa base importante di risultati nel lungo periodo e dalle solide fondamenta poste nella sua squadra, il CT azzurro prenderà la rincorsa per il grande evento europeo, consapevole però di non avere i favori assoluti del pronostico per la vittoria. Va ricordato, infatti, che sono altre le selezioni con le maggiori possibilità di trionfare in questa manifestazione. Tra di esse vi è la Germania, una nazionale da anni ad altissimi livelli e indicata come una delle più serie candidate a vincere il trofeo continentale. Nella Mannschaft di Joachim Low, infatti, vi sono una serie di calciatori di prim’ordine, tra i quali vanno citati i vari Neuer, Gnabry, Muller e Boateng, tutti facenti parte di un Bayern Monaco che veste i panni del grande favorito alla vittoria dell’attuale Bundesliga secondo le scommesse sportive online in Italia in questo momento.

Oltre alla Germania, tuttavia, l’Italia dovrà guardarsi anche da altre selezioni che in questi anni hanno dimostrato di avere le carte in regola per poter andare fino in fondo in questo tipo di competizioni. Tra di esse vi è sicuramente il Belgio, semifinalista ai mondiali del 2018 e autore di una grande cavalcata nella fase di qualificazione all’Euro non solo vincendo tutte le partite ma segnando anche più goal di tutti, dando dunque prova di una forza offensiva spaventosa, molto superiore a quella degli azzurri. Con il Belgio ci sarà anche la Francia campione del mondo, e ovviamente non vanno dimenticate la Spagna, l’Olanda e l’Inghilterra, il cui pedigree pesa sempre in questo tipo di competizioni.

La grande sfida dell’Italia di Mancini alla prossima edizione degli europei è già cominciata. Il tempo per prepararla abbonda e i rientri di calciatori come il giovane fenomeno Zaniolo e il capitano Chiellini potrebbero rappresentare quel quid in più per riuscire a sorprendere tutto il continente.

Visite: 115